Home > Attualità > Giampaolo Parini: il piacere dell’impegno

Il pittore, l'illustratore, il comunicatore

Giampaolo Parini: il piacere dell’impegno

Il pittore, l'illustratore, il comunicatore

Era terminata il primo di maggio, a Pozzo Garitta, Circolo degli Artisti, ad Albissola Marina, l’esposizione commemorativa di Giampaolo Parini, su cui ritorniamo, dedicata in particolare ai lavori che l’artista aveva eseguito per manifesti ed eventi  delle “Feste dell’Unità”; una mostra di Parini venne ospitata, a Pozzo Garitta, nel 2013, ripresa dal nostro giornale, sull’affascinante tema della pugliese-salentina “taranta” e delle sue danzatrici e, nel 2017, una grande antologica inquadrò, al Priamar, la personalità dell’artisti e didatta. La mostra di Pozzo Garitta ripropone i caratteri dell’autore, il suo particolare lato di artista “post-antico e post moderno”, come aveva scritto Silvano Godani su “La Stampa”; la sua pittura, anche nell’impegno politico che per lui è fondamentale e di evidenza pubblica, mantiene la sua accattivante inclinazione descrittiva, il suo taglio “giovane”, la sua plastica espressività, che lo potrebbe avvicinare a Guttuso od a Migneco, i suoi richiami “esotici” che lo potrebbero mettere in relazione, a volte, con le suggestioni mediterranee di Fiume, in un filone figurativo che lo afffianca ad autori quali Notte, Striccoli, Villani, Saverio Gatto, per la scultura, Eliano Fantuzzi, in modo sottile, per l’intrigante proposta di una figura umana giovanile ed attraente, per quanto lo straordinario disegnatore che è Parini, reca un segno particolare in una sensualità che gli è propria, in una vividezza che avvicina le sue figure ai disegni vivaci e carnali del fumetto oppure ad una visuale prossima al dettaglio cinematografico! Senza che ciò impedisca all’ispirazione di Parini di poter rivisitare momenti della classicità o del simbolismo, capaci di rievocare vasi greci od atmosfere klimtiane o di sconfinare in suggestioni metafisiche! Le sue figure idealizzate dell’Europa o del Movimento dell'”Ulivo”, le immagini da lui proposte di Kennedy o di Enrico Berlinguer, che egli ritrae su di una maglietta, presentano poca enfasi celebrativa, per quanto detto tipo di raffigurazione vi si possa prestare, specie quando si vuol dare un volto ad un Paese, ad un Continente, ad una idea di essi, e sono più inclini a richiamare un’espressività civettuola e di immediata comunicativa, prossima al manifesto d’autore, che, in Italia, ha avuto nomi illustri! Insieme, una certa impronta della “Pop-Art”, è evidente nell’espressività di Parini, con fantasiosa leggerezza! L’impegno civile di Parini, comunque,convinto e determinante, non la spunta sulla sua vena particolare di caratterizzazione illustrativa, non condiziona il tocco dell’artista, non prevale sul messaggio pittorico ma, anzi, ne diventa parte e vi si integra, in una felice sintesi di volontà di partecipare e di capacità di farlo attraverso l’arte. Parini sa’ dare l’illusione di essere un illustratore coinvolto ,il cui compito è di evidenziare al meglio l’evento in programma ma è invece un protagonista, che contribuisce a rendere interessante il messaggio poposto. A suo agio con la figura femminile, Parini ne esprime, in modo velato, un’apparenza dolce ed intrigante insieme, si potrebbe dire pittorica, nella rappresentazione scultorea e scultorea nella rappresentazione pittorica! Interessante la tecnica di Parini, che sfugge ad una identificazione immediata, con oli trasparenti, od acrilici morbidi,che danno l’idea, talvolta, della stampa mentre la scultura coniuga monumentalità e tipicità.Ci ritorneremo alla prima occasione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *