martedì, luglio 17, 2018
Home > Attualità > Gianluca Valpondi sull’attualità del pensiero di Aldo Moro

Gianluca Valpondi sull’attualità del pensiero di Aldo Moro


di Gianluca Valpondi - 6 luglio 2018, 10:34

Gianluca Valpondi, maestro di “provocazione” a volte, di provocazione sottile ed intelligente, collega il pensiero di Aldo Moro con certe attuali problematiche etiche. Siamo grati a Gianluca Valpondi, lo ripetiamo, per aver voluto parlare di Moro a quarant’anni dalla sua tragica scomparsa, parlare di Aldo Moro per illustrare il suo pensiero, finalmente abandonando a se stesso, il fardello delle congetture astruse sulla sua morte…(GIORGIO SIRI).

Dal “magistero politico” di Aldo Moro una lezione di metodo perennemente valida

A rendere “pan per focaccia” si finisce per passare dalla parte del torto; ce lo dicevano da bambini, ricordate? “Occhio per occhio e il mondo diventa cieco”, si dice anche. Più autorevolmente, bisogna rispondere al male con il bene, se non si vuole aumentare il coefficiente di male. In politica, il metodo democratico non è quello massonico del relativismo assoluto, ma piuttosto quello cristiano del relativismo relativo, relativo cioè all’assoluto, e il bene è assoluto, il male sempre relativo al bene; anche perché ogni male è sempre in vista di un bene maggiore. Il male dunque si combatte sempre, solo ed esclusivamente con le armi del bene, mai con quelle del male, perché altrimenti sarebbe come voler sconfiggere la magia nera con quella bianca; ma satana non scaccia satana. Mettiamoci in ascolto, per imparare e consolidarci nel bene.
« (…) Con questa riconfermata e angusta visione classista, con questa espressa riserva di una risolutiva violenza rivoluzionaria, quando a essa debba farsi ricorso per attuare i fini del comunismo, con questa chiusa concezione dell’uomo, privato della sua individualità, della sua iniziativa, della sua libertà, con questa cinica indifferenza per la strage operaia dell’Ungheria, il Partito Comunista si rivolge ai diversi ceti e finanche ora ai più diversi partiti per chiedere fiducia e solidarietà. Il fine è di battere il così detto monopolio politico della Dc e cioè la resistenza tenace del nostro amore per la libertà, della nostra visione di giustizia che rispetta la libertà degli uomini e la varietà della società non per effimero opportunismo, ma per autentica convinzione. Da qui l’attacco quotidiano, rabbioso, indiscriminato del comunismo contro di noi, la polemica che è egualmente viva contro qualsiasi formula di governo, il disconoscimento e la deformazione di ogni nostra più utile iniziativa, il tentativo di inserire un cuneo per rompere l’unità, per diminuire in qualche modo la forza della Democrazia Cristiana. Il linguaggio si fa solo più persuasivo e conciliante se – aiutando anche la distensione adoperata come mezzo di rottura del Partito Comunista nei confronti della democrazia italiana – si può sperare di utilizzare la Dc o una parte di essa, ingiustamente considerata più sensibile all’allettamento comunista, per realizzare una di quelle fruttuose intese, considerate come un utile gradino per l’avvento della dittatura comunista. Agli allettamenti di ieri e di oggi noi rispondiamo con la consapevolezza della impossibilità di realizzare una intesa su vera base democratica con il comunismo. All’attacco rabbioso, all’insidia alla nostra unità, alla quotidiana denigrazione del nostro partito, rispondiamo con la nostra unità reale, con la nostra forza, con la nostra autorità che deriva dal vasto e ripetuto consenso del popolo italiano, con la nostra umana concezione della libertà, con quella tenace resistenza democratica che preferisca il lento, penetrante, educativo affermarsi della libertà a un’opposizione violenta e superficiale che lasci intatte le radici del male. Resistenza morale. Per la Democrazia Cristiana il primo dovere, il primo compito da assolvere nella sua responsabilità di fronte al Paese è quello della resistenza al comunismo sul terreno democratico, resistenza morale, giuridica, politica veramente inflessibile, senza un attimo di sosta e di disattenzione. La Dc lascia ad altri, non so se l’ingenuità o la furberia di dare al comunismo una risposta diversa dal suo intransigente diniego. Lascia che altri cadano nella pania comunista o indulgano a operazioni di sfacciato opportunismo come quella siciliana. In fondo non ci si può meravigliare che il comunismo faccia il suo gioco spregiudicato e promuova solidarietà e condiscendenze con riguardo esclusivo ai suoi fini eversivi. Ci si può meravigliare invece che per calcolo meschino, per delittuosa incoscienza, per inqualificabile ripicca, altri si lasci introdurre nel gioco comunista e si adatti a favorirlo. Le ulteriori fortune del comunismo in Italia, rese impossibili dalla resistenza del corpo elettorale, possono essere prospettate per ora solo episodicamente (ma la situazione potrebbe diventare più grave) in forza di cedimenti di settori politici che sono pure in condizione di comprendere tutta la pericolosità della manovra aggirante del comunismo. Dai fatti di Val d’Aosta e di Sicilia emerge un ammonimento di più vigile e intransigente resistenza al comunismo, un impegno che dev’essere rinnovato in un momento nel quale il comunismo ritenta disperatamente l’assalto alla cittadella democratica, alternando all’attacco frontale la tattica efficace dell’aggiramento. Con il comunismo, dunque, nessuna solidarietà» (Aldo Moro, Relazione al VII Congresso Nazionale della Dc a Firenze, 1959).
Il valore cristiano della democrazia sta tutto nel servizio all’uomo, perché Colui che è il Signore sta in mezzo a noi come colui che serve. Servire la verità sull’uomo significa anche, per calarci nella scottante attualità, riuscire ad amare l’uomo vedendolo come Dio lo ha concepito (cf. Dostoevskij) anche dietro i paludamenti follemente provocatori del Gay Pride di Pompei. Questo ha cercato di fare la Chiesa locale con il suo comunicato «DICHIARAZIONE IN MERITO ALLA MANIFESTAZIONE DEL 30 GIUGNO. In sintonia con la propria storia di solidarietà ed accoglienza e secondo l’insegnamento del Papa, la Chiesa di Pompei, in riferimento alla manifestazione in programma il 30 giugno, conferma l’impegno per il rispetto di ogni persona e di quanti si trovano in situazioni di discriminazione. Nella circostanza, si richiamano le parole di Papa Francesco nella recente Esortazione Apostolica Amoris Laetitia: “Ogni persona, indipendentemente dal proprio orientamento sessuale, va rispettata nella sua dignità e accolta con rispetto, con la cura di evitare ogni marchio di ingiusta discriminazione, particolarmente ogni forma di aggressione e violenza”. Il Papa desidera che coloro che manifestano l’orientamento omosessuale “possano avere gli aiuti necessari per comprendere e realizzare pienamente la volontà di Dio nella loro vita” (n. 250). D’altra parte, come Papa Francesco chiarisce, “non esiste fondamento alcuno per assimilare o stabilire analogie, neppure remote, tra le unioni omosessuali e il disegno di Dio sul matrimonio e la famiglia” (n. 251). “La famiglia umana come immagine di Dio, uomo e donna, è una sola. È una sola” (16 giugno 2018). Sempre in merito alla manifestazione, se un auspicio può essere espresso, esso non può che riguardare il rispetto delle convinzioni dei credenti, anche attraverso modalità e gesti che caratterizzano le manifestazioni a Pompei, città di fede e cultura.»
Come al solito la “santa madre Chiesa gerarchica”, come la definisce felicemente Papa Francesco, è maestra e ci insegna come fare per non cadere in certi tranelli, in certe forme un po’ superficiali di opposizione al male, che non vanno ad intaccarne le radici più profonde. Non si tratta tanto, o non principalmente, di convincere con argomenti intellettuali, o di scuotere con rimproveri gente che non aspetta altro che toni duri per gridare fintamente o istericamente al “fascista” o al “bigotto”, ma di far balenare intelligentemente il cuore sanguinante di Dio, di far leva sulle ferite di quei poveretti perché diventino feritoie della grazia, a costo, sì, di farsi crocifiggere e di essere così deboli da non scendere dalla croce. Chi ha letto quel comunicato ha letto la fermezza dell’amore, ha letto la forza di chi vince la paura di un 666 o una croce rovesciata scritti sulla carne per una compassione più grande, ha visto lo sguardo misericordioso di Cristo che in croce chiede a suo Padre “perdona loro, che mi stanno massacrando, perché non sanno quello che fanno”, perché il male fa male e rende schiavi. Non preoccupiamoci troppo del frutto, pensiamo a seminare misericordia ricordando che “chi semina nelle lacrime, mieterà con giubilo” e che “l’ira dell’uomo non compie ciò che è giusto davanti a Dio”, e anche che “la vendetta è di Dio”. Quando poi avremo la maggioranza politica aboliremo i Gay Pride, ovviamente, e ogni genere di offesa all’ordine pubblico informato a giustizia secondo i criteri della legge morale naturale e universale scritta nel cuore e nella mente di ogni uomo. Se pretendiamo di farlo prima diventiamo un po’ isterici e un filino fanatici e magari ci mettiamo, come, debbo dirlo a malincuore, ha fatto pubblicamente anche il nostro Giuseppe Focone, ci mettiamo in fila con gli altri a crocifiggere i nostri pastori dicendo loro “perché non scendete dalla croce?”, come se non ci avessero già pensato i fautori di quel Gay Pride a bacchettare la Chiesa, perché non spetterebbe a lei decidere cos’è famiglia. E noi dovremmo rimproverarla perché non è stata abbastanza dura? Perché si è limitata a dire la verità con limpidezza e pacatezza, invitando ad una coscienziosità responsabile e consapevole? Vabbè, allora finiamola di dire che ci riconosciamo nel cattolicesimo democratico e ammettiamo pure una buona volta che la linea pastorale di Papa Francesco non ci piace. E già che ci siamo diamo un bel calcio al Vaticano II.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *