martedì, Gennaio 22, 2019
Home > Attualità > Gianluca Valpondi sull’Epifania

Gianluca Valpondi sull’Epifania


di GIANLUCA VALPONDI - 7 Gennaio 2019, 9:07

Gianluca Valpondi, il nostro amico studioso cattolico, ci invia la presente riflessione/preghiera sul significato dell’Epifania, che abbiamo appena festeggiato, manifestazione di un Dogma, al tempo stesso incontro d’amore fra noi che cerchiamo Dio e Dio che viene incontro a noi! (Giorgio Siri)

Epifania


Oro Incenso Mirra per il Re Dio Immolato, incarnato, fatto Pane, mangiato, ammazzato, scarnificato, glorificato, adorato. Verranno tutte le nazioni e i popoli al Monte del Signore, ogni lingua lo adori e proclami il suo Bellissimo Nome che è Amore. Un Bambino, e sua Madre, e Giuseppe, l’asino, il bue, il fieno, il debole fuoco, il freddo – nell’aria e nei cuori. Ma, inarrestabile Amore, bruci ogni dolore, accendi nei cuori l’adorazione, l’ardente umile desiderio di piena felicità spinge gente lontana, sapienti, piccoli, umili, vicini, poveri, pastori a seguire gli angeli e una stella: già è sorta la radiosa stella del mattino nel cuore dei buoni e porta loro il Paradiso, li porta in Paradiso. Re, profeti, sacerdoti, siamo portatori dell’oro regale, parliamo al posto di Dio davanti a Lui per Lui lo facciamo parlare in noi, immolati per Lui con Lui in Lui in sacrificio di soave odore gradito a Lui stesso Padre, mossi spinti cristificati dal e nel Divino e Santo Spirito procedente dai Due e da noi in Loro. Adoriamo il Bambino che si dà a noi, diamoci a Lui. Tutte le genti vedano che in Lui è racchiusa ogni scienza e sapienza, ogni gloria e ogni onore, ogni bellezza altezza profondità, ogni purezza, ogni candore e ogni sublime amore, ogni grandezza, ogni bene, tutto il Bene, in Lui, il Sommo Bene, l’Essere Infinito Perfettissimo di cui ogni bellezza e perfezione è partecipazione. Venite adoriamo, nel Bimbo di Betlemme-casa della Carne-casa del Pane, l’Essere Inconoscibile in cui tutto sussiste, la Radice Assoluta e Indefettibile di ogni cosa, l’Amore Assoluto che si fa tenera carne per farsi da noi amare, che si fa semplice pane e vino per poterci di Sé nutrire e così infinitizzarci nella vita tutta di pace splendore nell’amore che brucia ogni dolore: “Dio si è fatto come noi, per farci come Lui”.

Nell’immagine: “Epifania” di Gianfranco Angioni, opera che aveva partecipato alla mostra dell'”Eco” alla Chiesa di Santa Lucia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *