domenica, ottobre 21, 2018
Home > Cultura > Giochi matematici, parola a Michel Criton

Giochi matematici, parola a Michel Criton


di Ester Costa - 14 maggio 2018, 12:00

È una tradizione che arriva a noi con una storia di quasi quattromila anni. Stiamo parlando dei divertimenti a carattere matematico e logico. È una tradizione che ha potuto trasmettersi di generazione in generazione e di civiltà in civiltà grazie in primo luogo alle grandi menti scientifiche che per “rilassarsi”, ma anche per puro piacere, non hanno disdegnato di consacrare un po’ del loro tempo a quelle che alcuni possono considerare delle semplici “curiosità”. Nella biblioteca di Albert Einstein, per esempio, c’era tutto un settore dedicato alle opere di giochi matematici. (…) Lewis Carroll, Hamilton, Lagrange, Eulero, Cartesio, Pascal, Fermat, Cardano, Viéte, Fibonacci, Alcuino, Diofanto, Archimede, ecc.: per queste grandi menti i “passatempi matematici” non furono solo un momento di divertimento, ma anche una potente fonte di ispirazione.” afferma, Michel Criton.
È con queste premesse che il centro Pristem organizza tutti gli anni la fase nazionale dei giochi matematici a Milano presso l’università Bocconi. Per la categoria Grande Pubblico secondo posto assoluto per Andrea Nari che ha nuovamente conquistato la maglia azzurra e rappresenterà la nostra nazionale alla fase internazionale a Parigi, nel prossimo mese di agosto. Nel frattempo allenamenti con tutti i compagni di squadra presso il festival di giochi e cultura matematica a Calde, sul Lago Maggiore, nel mese di luglio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *