domenica, Ottobre 20, 2019
Home > Attualità > Gioco d’azzardo, Savona terza provincia in Liguria

Gioco d’azzardo, Savona terza provincia in Liguria

Un settore in costante crescita che va conosciuto e studiato, come il caso della tassazione.

Tre italiani su 10, vale a dire il 28.2% della popolazione totale, ha affermato di aver giocato a denaro nell’ultimo anno. Lo rivela una ricerca Eurispes relativa al 2017, che mette in luce anche la modalità di fruizione: soprattutto Gratta e Vinci e Lotto, poi scommesse sportive, casinò e ippica. Le motivazioni, invece, sono quella della speranza di vincere una grossa somma o semplice intrattenimento. Un fenomeno in costante crescita in tutta Italia, che produce un giro d’affari di 101.8 miliardi di euro.

All’interno di questi numeri figura, ovviamente, anche la Liguria. Due i paesi in cui si gioca di più, come evidenziano i dati riportati da Gedi Visual,soprattutto per quanto riguarda le slot machine: Savignone e Loano. I sindaci delle due località, Antonio Bigotti e Luigi Pignocca, hanno spiegato questo primato con la presenza nel primo caso di una grande sala giochi, nell’altro di una Sala Bingo. Dietro di loro ci sono Vado Ligure, Alassio, Sarzana, seguono Loano e precedono Savignone, la quinta in classifica.Con Savona che ricopre il terzo posto delle province per quanto riguarda la spesa pro capite: 1.039€, dietro a La Spezia (1.276), Genova (1.171) e vanti a Imperia (998).

Vero e proprio specchio della situazione italiana, la Liguria mette in luce numeri in rialzo anche per quanto riguarda il segmento online, il cui boom era iniziato nel 2016 quando a regione faceva registrare 1.9 miliardi di euro. Il mondo di internet ha infatti aperto una vera e propria voragine per quanto riguarda il gambling italiano: per comodità e per facilità di utilizzo sempre più utenti giocano direttamente dagli smartphone.

Anche perché sulle slot online non esiste alcuna tassazione e quindi l’utente non deve assolutamente pensare a nulla. Quando infatti si vince su un casinò online, appartenente al circuito delle piattaforme autorizzate dall’Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato (AAMS) o dall’Agenzia delle dogane e dei Monopoli (ADM), è direttamente la casa madre a effettuare i versamenti dovuti allo stato. Diverso il discorso, invece, se le vincite provengono da un casinò non autorizzato.

In questo ambito le cose sono profondamente cambiate dal luglio 2018, ovvero da quando è stato approvato il Decreto Dignità. La riforma varata dal Governo Conte ha reso il gioco italiano il più tassato d’Europa PREU salito al 6.25% per le VLT e al 19.25% per le slot, con un calendario progressivo che lo farà aumenterà ulteriormente raggiungendo il 6.68% e il 19.68% entro il 2020.

Un giro d’affari, insomma, sempre più ricco e sempre più importante. Che passa anche dalla Liguria.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *