sabato, Agosto 24, 2019
Home > Cronaca > Gli incendi boschivi di Vado

Gli incendi boschivi di Vado

Questo Natale, per noi cittadini vadesi, purtroppo, è stato ricco di molte disavventure che hanno colpito nel cuore tutta la cittadinanza: gli incendi boschivi. Di origine dolosa, hanno devastato la collina vadese partendo da San Bernardo (dove c’è la chiesa), proseguendo verso Segno, piccola frazione del comune di Vado Ligure, S. Ermete, la Valle di Vado e Bossarino. L’incendio ha oltrepassato la linea ferroviaria Genova – Ventimiglia ed è stato necessario chiudere l’autostrada A10 con uscita obbligatoria a Savona, per poi far rientrare gli automobilisti diretti verso Ventimiglia dal capoluogo ligure a Spotorno. Se non ci fosse stato il pronto intervento del Corpo Forestale dello Stato e dei Vigili del Fuoco provenienti da molti comuni (Savona, Cairo Montenotte, Genova, Albenga), forse la collina vadese non esisterebbe più.

Un grazie particolare ai canadair dell’Aeronautica Militare per il grande aiuto apportato, scaricando acqua su acqua per sette giorni consecutivi. Purtroppo, sembra che la collina vadese sia presa spesso di mira dai piromani e spero che nel 2012 questi atti vandalici cessino: non auguro a nessuno di dover trascorrere ore e ore sotto un pallone tensiostatico temendo di non poter più tornare a casa. Grazie anche all’efficienza e al sostegno della giunta comunale di Vado guidata dal sindaco Caviglia e alle forze dell’ordine, vigili e carabinieri. Grazie a tutti, e un augurio sincero per un buon 2012.

Luca Aliprandi

One thought on “Gli incendi boschivi di Vado

  1. Ci vuole un misto di coraggio e di retorica per ringraziare il Corpo Forestale dello Stato per il “tempestivo intervento” a contrasto dell’incendio del 24.12.2011. Non è polemica, è che ricordo benissimo un Vigile del Fuoco che mi tirava per un braccio mentre ero al telefono con la Centrale Operativa della Forestale di Savona che diceva “…NOI ABBIAMO RICEVUTO IL CESSATO ALLARME”, mentre davanti ai nostri occhi il fuoco correva verso le case. Stavamo utilizzando le pompe dei Vigili del Fuoco (quindi potenti e con grande portata d’acqua), ma penso che l’acqua neppure toccava terra…. Forse, essendo la vigilia di Natale, qualcuno ha avuto troppa fretta di tornare a casa…. E non parliamo dell’amministrazione Comunale….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *