domenica, Dicembre 8, 2019
Home > Cultura e Musica > Gli scavi all’Arma dell’Aquila (Finale Ligure, Savona).

Gli scavi all’Arma dell’Aquila (Finale Ligure, Savona).

Le ricerche e i materiali degli scavi del Novecento

locandina-Arma-Aquila-9-marzo-2019-bis-web

L’Arma dell’Aquila è uno dei siti archeologici preistorici più importanti del Finalese con testimonianze che documentano la storia umana per un arco temporale molto lungo: dal Paleolitico superiore (40mila anni fa), attraverso un’importante fase del Neolitico, fino alle Età dei Metalli con le ultime attestazioni riferibili alle età storiche. Nonostante la loro importanza i reperti, recuperati dagli scavi archeologici effettuati nel corso del Novecento in diverse campagne di ricerca, oltre a materiali sporadici rinvenuti durante le attività di estrazione della limitrofa cava di Pietra del Finale, che danneggiò parzialmente il sito, non sono stati oggetto di approfondita analisi e studio per lungo tempo. Un progetto avviato alcuni anni fa – coordinato da Paolo Biagi (Università di Venezia) ed Elisabetta Starnini (Università di Pisa) – ha portato alla revisione di tutti i reperti conservati presso il Museo Archeologico del Finale.  Trenta ricercatori italiani e stranieri con le più attuali metodologie di analisi hanno analizzato diversi aspetti e temi ricostruendo la storia delle ricerche, acquisire informazioni sui manufatti e comprendere dinamiche culturali e caratteristiche delle popolazioni preistoriche e moderne che frequentarono l’Arma dell’Aquila.

I risultati di tali studi sono ora raccolti in un ampio volume, interamente illustrato a colori, che permette ad appassionati e alla comunità scientifica di scoprire la rilevanza di questo sito. Gli studi presentati dai diversi ricercatori, che hanno apportato a questa edizione le loro specifiche competenze nei propri campi di ricerca, offrono una serie di risultati che sicuramente costituiscono e costituiranno nell’immediato futuro un preciso punto di riferimento nell’archeologia preistorica non solo nazionale.

Il volume è edito dalla Società per la Preistoria e Protostoria della Regione Friuli Venezia Giulia (Trieste – 2018), con la collaborazione del Museo Archeologico del Finale e della sezione Finalese dell’Istituto Internazionale di Studi Liguri, ente gestore del museo, il sostegno della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e le province di Imperia, La Spezia e Savona e il patrocinio del Dipartimento di Civiltà e Forme del Sapere dell’Università di Pisa.

Durante la presentazione del volume sarà possibile vedere i reperti dell’Arma dell’Aquila conservati nel Museo, illustrati da alcuni degli autori del volume attraverso l’accompagnamento nelle sale espositive per rispondere alle curiosità dei partecipanti e offrire approfondimenti sui risultati delle ricerche.

L’incontro sarà anche l’occasione per presentare il nuovo allestimento nella Sala dedicata al Territorio di un importante reperto di recente entrato a fare parte delle collezioni del Museo Archeologico del Finale: un frammento fossile di mascella di un balenide (cetaceo misticeto) risalente a circa 16 milioni di anni fa, ritrovato in un blocco di Pietra di Finale estratto nella cava “dei Ciapassi” nella Valle dell’Aquila, proprio in prossimità del sito archeologico dell’Arma dell’Aquila.

Al termine dell’iniziativa sarà offerto un rinfresco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *