martedì, Dicembre 10, 2019
Home > Musica > Grande serata con il Trial Indoor a Molo 8.44

Grande serata con il Trial Indoor a Molo 8.44

Merito forse della bella serata di fine giugno, o forse della meticolosa preparazione e comunicazione, concertata tra il comitato organizzatore della gara – guidato dal Motoclub della Superba – il Molo 8.44, il Comune di Vado Ligure – patrocinatore dell’evento – EcoSavona e sponsor tecnici come Edilart, Impresa edile Bagnasco, Richero Legnami, Guagliata Luminarie; o forse, molto più semplicemente, merito della grande destrezza e abilità dei campioni che si sono esibiti per più di due ore sotto il cielo stellato d’estate; sta di fatto che venerdì i savonesi sono rientrati alle loro case con il piacere di essere stati un po’ protagonisti anche loro di un grande evento che ha dato lustro non solo al Parco Commerciale di Vado che lo ha ospitato, ma all’intero territorio della Riviera di Ponente.

Parliamo naturalmente della quarta prova – sulle cinque previste per l’anno 2013 – del Campionato Italiano di Trial Indoor. Il Trial motociclistico, è una disciplina basata sull’abilità del pilota nel superare degli ostacoli rimanendo in piedi sulle pedane della propria moto, cercando di non appoggiare i piedi a terra, o meglio, cercando di appoggiarli il meno possibile. Questi ostacoli sono raggruppati tra loro in modo da formare una zona che può raggiungere una lunghezza media di 15 metri e che è contraddistinta da un cartello di inizio e uno di fine. All’interno della stessa l’atleta deve tenere i piedi sulle pedane e deve riuscire a non appoggiare i piedi fino al termine, superando gli ostacoli che sono controllati da un giudice con il compito di rilevare le penalità. Sin dalle 18.00 le persone hanno cominciato ad affluire via via sempre più numerose al Molo 8.44. Già durante i test del percorso, che i piloti effettuano abitualmente prima di questi importanti appuntamenti, un vasto pubblico gremiva tutta l’area circostante. Quando la gara è iniziata ufficialmente, era praticamente impossibile trovare posto intorno al circuito. Un circuito, per altro, dall’alto tasso di spettacolarità, formato da zone costruite con materiali di diverso tipo: pietre, ardesia, tronchi, gomme, tubi e tavole da ponteggio assemblati da specialisti che hanno predisposto i materiali in modo da formare degli ostacoli difficili da superare anche a piedi, ma dove i formidabili piloti, hanno fatto vedere dei passaggi al limite dell’incredibile. Dieci i piloti alla partenza della prima manche, alle 21.00. I migliori tre italiani più gli stranieri presenti sono passati alla seconda manche, disputata alle 22.30 circa. La serata si è chiusa – tra gli applausi del pubblico – con la premiazione e i saluti delle autorità presenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *