mercoledì, Novembre 20, 2019
Home > Attualità > Grande successo per il convegno sul bullismo

Grande successo per il convegno sul bullismo

Ha avuto luogo giovedì presso la Sala Rossa del comune di Savona il convegno sul tema “Disagio giovanile, bullismo e precoce abbandono dell’attività sportiva”. Un argomento, purtroppo, di grandissima attualità che sta assumendo negli ultimi anni proporzioni sempre maggiori e preoccupanti. Il seminario è stato organizzato dalla presidenza provinciale del Centro Nazionale Sportivo Libertas nella persona della dott.ssa Elisa Baglietto e voluto dalla stessa presidenza regionale Libertas nella persona del sig. Roberto Pizzorno.

Oltre cento le persone presenti al convegno con una folta rappresentanza di alunni/e degli istituti scolastici savonesi accompagnati dai loro insegnanti, oltre a tecnici e dirigenti di molte società sportive della città. La stessa Elisa Baglietto ha aperto il convegno portando i saluti della “Libertas”, ente di promozione sportiva riconosciuto dal Coni sempre molto sensibile e vicino ai problemi dei giovani d’oggi. Ai saluti della Baglietto hanno fatto eco quelli del presidente regionale Roberto Pizzorno che ha ricordato come la Libertas non si occupi solo di organizzare eventi sportivi affrontando anche tematiche sociali e culturali. L’assessore allo sport del comune di Savona Luca Martino ha voluto evidenziare come il comune di Savona sia sensibile a tali problemi, dicendo che ogni euro investito nello sport è sempre ben speso e che porta risparmio alle spese sanitarie. A lui ha fatto seguito il saluto dell’assessore regionale allo sport della regione Liguria, il dott. Matteo Rossi che ha onorato il convegno con la sua qualificante presenza ammettendo che l’Ente Regione deve e può fare molto di più a favore della gioventù e dello sport, nonostante il difficile momento economico che tutte le regioni italiane stanno vivendo. Un impegno che deve materializzarsi in aiuti economici mirati a iniziative di rilievo di grande valenza sociale e sportiva. La presenza dell’assessore regionale a testimonianza della validità degli argomenti trattati nel convegno. Anche l’assessore alle politiche sociali del comune di Savona Isabella Sorgini, nel sottolineare l’importanza del convegno, ha detto chiaramente che i problemi sociali si sposano perfettamente con quelli sportivi e che, una volta per tutte, devono essere affrontati e risolti in maniera netta e definitiva a favore dei giovani. L’ex presidente del Coni provinciale, il dott. Lelio Speranza, ha, nel suo intervento, ricordato i valori dello sport che è l’unico vero collante in grado di amalgamare e unire i giovani negli ideali olimpici ai quali ha dedicato la sua intera vita. Il nuovo delegato del Coni provinciale, il professor Otorino Bianchi, ammettendo che il massimo ente sportivo italiano sta passando un difficile momento di transizione con delle scelte peraltro assai discutibili, ha messo in evidenza che scuola e sport devono viaggiare su un unico binario di collaborazione e di intesa, ove anche le società sportive dilettantistiche svolgono e hanno un ruolo di primaria importanza nella crescita e nella formazione dei giovani. Il moderato del convegno, il professor Carlo Colla, ha poi passato la parola ai vari relatori che hanno dato vita all’intensa mattinata congressuale.

Prima a relazionare sul tema del “bullismo”, la dottoressa Valentina Bigatto che, nella sua lunga e precisa relazione, ha messo a fuoco il problema indicando le strade per aiutare i giovani che, come “vittime”, subiscono tale bullismo da parte di giovani coetanei che, dietro i loro atteggiamenti, nascondono problemi gravissimi spesso di origine familiare. Comuni e ben studiate devono essere le sinergie che enti locali, scuola e sport devono saper fondere. A seguito degli interventi dei due medici specialisti in Medicina dello Sport, quali il dottor Andrea Addis, ex atleta e anche oggi presidente di club, e del dottor Renato Giusto, primatista del lancio del giavellotto negli anni ’70. Il loro intervento, basato anche su dirette esperienze personali della loro vita da atleti, si è protratto sul legame bullismo-sport e sui vantaggi che l’attività sportiva ha sul piano prettamente medico. A seguire c’è stato l’intervento del professor Giuseppe Rosso, ex coordinatore di educazione fisica presso il Miur: anche da questo intervento è emerso che lo sport è l’unica vera strada da percorrere contro il bullismo e per favorire la vera integrazione sociale. Dopo il professor Rosso ha preso la parola l’avvocato Claudio Strinati, che si è rifatto anch’egli alle esperienze vissute come atleta e poi come manager e dirigente del Savona Calcio e della Rari Nantes Savona. Molto interessante e profondo il suo intervento relativo al fenomeno del bullismo, che spesso si trova anche nell’ambiente professionistico. Il professor Gianfranco Pusceddu, presidente del Faggio Olimpic, ha parlato delle sue esperienze soprattutto rivolte agli atleti diversamente abili e alle grandi problematiche che, ancor oggi, essi riscontrano nell’affrontare la loro attività sportiva e agonistica che, per essi, significa la vita stessa. Enti e istituzioni dovrebbero cercare di offrire ben maggiori aiuti e possibilità ai portatori di handicap. Ultimi relatori della giornata sono stati la dottoressa Daniela Liaci e il dottor Piero Germini, che hanno direttamente coinvolto molti giovani presenti in Sala Rossa motivandoli al massimo e coinvolgendoli in esempi pratici e in dirette esperienze.

Le conclusioni finali del convegno sono state tenute dal presidente regionale della Libertas Roberto Pizzorno che, al termine delle stesse, ha nuovamente ringraziato tutti gli alunni/e partecipanti, i loro insegnanti e tutti i relatori intervenuti, nonchè le autorità presenti. Un convegno di grande spessore che, certamente, potrà in futuro essere ripetuto approfondendo ancora meglio le varie tematiche emerse.

Carlo Colla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *