giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Musica > Grano, carne e amaretti protagonisti a Sassello

Grano, carne e amaretti protagonisti a Sassello

Dal 20 al 22 luglio, tutto il paese sarà coinvolto dalla grande festa “Sassello in piazza – Amaretto amore mio”, per celebrare le eccellenze locali che hanno fatto conoscere il paese ligure a livello nazionale e internazionale. Tra i prodotti più rinomati spicca certamente il prelibato dolce di pasta alle mandorle la cui ricetta risale al XIX secolo, da cui il nome l’evento prende ispirazione, ma non mancheranno altri prodotti tipici che sin da tempi antichi hanno contraddistinguono l’economia del paese montano.

Obiettivo della manifestazione, che per tre giorni dalle 16 fino a tarda serata animerà tutto il comune, è di valorizzare ovvero la carne della bovina piemontese e promuovere gli altri prodotti del comprensorio. Venerdì 20 luglio, alle 16, nell’area Parco Giochi ad aprire ed accompagnare la manifestazione sarà la mostra del bestiame. La notevole presenza di boschi e pascoli sull’intero territorio, infatti, ha favorito lo sviluppo dell’allevamento di mucche e buoi, che oggi assieme ai settori dolciario ed agricolo, rappresenza una delle principali risorse economiche sassellese. “La carne prodotta a Sassello è senz’altro di alto livello di qualità e gusto, ma dobbiamo fare qualcosa per non perdere questo prodotto – dichiara l’allevatore Francesco Romano -. Se le nostre aziende vogliono sopravvivere devono farsi conoscere e portare gente a Sassello. Questo si può ottenere solo con l’impegno da parte di tutti. Al cliente e al turista bisogna offrire quello che abbiamo e fino ad adesso abbiamo offerto niente o ben poco. Con l’organizzazione di questa importante manifestazione abbiamo deciso di unire le nostre forze per dimostrare che anche un territorio come il nostro è dotato di mille risorse che nulla hanno da invidiare ai comuni turistici della costa ma che certamente hanno bisogno di essere maggiormente valorizzati”. La festa sarà caratterizzata da una dimostrazione della trebbiatura del grano effettuata con macchine usate fino a trent’anni fa. “Nel primo dopoguerra i sassellesi vivevano di castagne, legname e cereali coltivati nei nostri campi, ogni parte del territorio veniva coltivata a grano, granturco e orzo – spiega Francesco Romano -. Non esistevano trattori, trebbie o mietitrebbie. I campi venivano arati con le bestie, il grano veniva seminato a mano e coperto con zappe, rastrelli ed erpici trainati da buoi. A maturazione avvenuta veniva tagliato con falcetti a mano, poi veniva legato con aste di legno, per essere caricato sui carri e trasferito nel cortile della fattoria, dove veniva fatto l’accumulo. Nella grossa torre, le spighe venivano rivolte verso il centro mentre lo stelo della paglia doveva pendere verso l’esterno, per consentire all’acqua, in caso di pioggia, di scivolare via senza bagnare i semi. Quando il grano era ben secco e asciutto, avveniva la battitura e la divisione del grano dallo stelo. Un procedimento che i contadini effettuavano in un terreno pianeggiante di 15 metri per 15 con il solo aiuto delle bestie. A questo punto venivano presi gli escrementi dei bovini che venivano impastati con l’acqua per creare un composto da spargere sul terreno, che una volta asciutto formava una crosta dura come il cemento dove veniva allargato il grano ancora nella spiga. Il grano veniva battuto da un rullo con listelli inchiodati tirato da bestie, che oltre a schiacciare, batteva sullo stelo del grano, per farlo uscire dalla spiga. Quando la battitura era finita si toglieva la paglia grossa, che serviva poi per il letto delle bestie nella stalla e si proseguiva la pulitura del grano dall’involucro e da tutte le impurità con un ventilatore che veniva girato a mano dall’uomo”. Dopo questa modalità di trebbiatura del grano, però, sono arrivate le prime trebbie azionate da trattori e la battitura viene effettuata direttamente in campo dalle macchine che tagliano e dividono il grano dalla paglia. Oggi quindi le macchine hanno sostituito gli animali ed hanno facilitato il lavoro dell’uomo, ma a Sassello dei 2-3 mila quintali di grano che si producevano un tempo, oggi se ne producono 300 – 400 in meno. Le aziende che si occupano dei cereali si sono ridotte notevolmente anche perché grano e granturco rappresentano il cibo ideale per i cinghiali.
“Nell’entroterra i cinghiali hanno letteralmente messo in ginocchio l’agricoltura – dice Aldo Alberto, presidente provinciale della Confederazione Italiana Agricoltori -. Più volte la nostra organizzazione ha sostenuto come le aree montane liguri stessero radicalmente cambiando: molte coltivazioni non vengono più praticate, i prati non si riescono più a sfalciare tanto sono degradati e scavati. È evidente che il numero dei cinghiali è troppo alto per il nostro territorio. La Cia di Savona ritiene indispensabile un nuovo sistema di controllo che preveda l’individuazione di aree non vocate al cinghiale, consentire più liberamente la caccia al singolo in difesa dei fondi agricoli, confermare battute straordinarie purché efficaci, metodi alternativi come gabbie e recinti di cattura, utilizzo anche della polizia provinciale”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *