martedì, Aprile 23, 2019
Home > Cultura e Musica > Grazie Vado Ligure!

Grazie Vado Ligure!


di - 8 Agosto 2011, 10:19

Lo strano Luglio, passato piangendo sull’estate delle cicale, non ha cancellato il solare ricordo del tributo di Vado al poeta e critico valbormidese, nato a Venezia, Aldo Capasso, che fu un autorevole promotore dello storico PREMIO VADO. Sono state organizzate dall’Assessorato alla Cultura le manifestazioni d’omaggio (concerto classico, mostre d’arte) dal 19 al 23 con il Patrocinio di Città di Venezia, Provincia di Savona, Ordine dei Giornalisti (Consiglio Regionale Ligure), Comune di Vado Ligure. L’armoniosa partecipazione di Artisti locali, Associazione dei Commercianti Vadesi, COOPERATIVA CULTURALE A.R.C.A., Museo Civico – Biblioteca, Chiesa Arcipresbiterale, ecc… fu una felice cordata di gente di buona volontà al servizio dell’iniziativa.

Da Sanremo al Veneto, dal parmense al Piemonte, ecc… operiamo, da quattordici anni, intorno alla figura del compianto Poeta – senza sovvenzioni, quote di partecipazione – con manifestazioni che hanno ottenuto risonanza mediatica in Italia e talvolta all’estero.
Ciò implica sacrifici, impegni stressanti quotidiani e non permette di formulare, sempre nel tempo protoccolare, la nostra gratitudine a chi ci dà aiuto. Peccato! Il Cominato “Memorial Aldo Capasso”, che ho l’onore di presiedere, si sente in dovere di ringraziare debitamente tutti i nostri collaboratori e con loro l’Amministrazione Comunale e il dinamico Assessore alla Cultura di Vado Ligure: Pietro Toso, che si è particolarmente impegnato, con il suo staff, per offire alla Cittadinanza un programma di eccezionale caratura, senza il concorso del bilancio comunale.
Infatti come per incantesimo, l’Assessore Toso ha saputo ottenere, gratuitamente, la preziosa partecipazione delTRIO D’ARCHI DELL’ORCHESTRA SINFONICA NAZIONALE DELLA RAI, da un anno intitolato ad Aldo Capasso. Rinunciando a “cachet”, rimborso spese, ecc… onorando l’altruismo che ha firmato la vita del Poeta e Critico, sono arrivati con puntualità, il 19, i professori: Giuseppe GHISALBERTI (violoncello), Kasimiro KWIECIEN(violino), Massimo DE FRANCESCHI (viola) ricevuti da Lorella Brondo (hostess) e la sua Scuola di Balletto (Loano).
In tight, come per loro prestigiose prestazioni nel mondo intero, hanno incantato l’auditorio con un eccezionale programma: trio di Beethoven op.3 e Serenade op.10 del grande compositore ungherese: ErnoDOHNANYI. In seguito, l’erudito Giovanni FARRIS, già docente all’Università di Genova, sulla stessa linea di virtuosità e di generosità, ha parlato di Aldo Capasso e commentato alcune poesie lette dal Dott. FabioCARMINATI e gli altaresi Franca BRUZZONE e Alvaro BAZZANO.
Ben tornato ancora fu il Poeta!
Il ritorno inizale di Aldo Capasso – sebbene in spirito – a Vado Ligure, fu, nel centenario della nascita, agevolato dall’allora Assessore alla Cultura Dott.ssa Orlando che inaugurò a Villa Groppallo, con il Sindaco Prof. Attilio Caviglia, una mostra d’omaggio dei bambini della locale Scuola Elementare.
… già la stessa scuola dove mostre d’arte e cerimonie di premiazioni dello storico riconoscimento presieduto da Aldo Capasso erano organizzate…
La figura del Poeta, capo e teorico del REALISMO LIRICO, aiutava a radunare nel Borgo, giovani artisti e letterati della Penisola, alla ricerca di un trampolino di lancio: non fu per caso che il Poeta fu chiamato a Vado. Scopritore di talenti, la sua critica di incontestabile integrità l’aveva portato a presiedere anche altri premi: Gela, Boccadasse, Catania, Genova, Noli, Palermo ecc…
Il ritorno di Aldo Capasso a Vado con il “Memorial” ha permesso anche di ricordare alcuni vadesi ingiustamente dimenticati: Carlo MURATORI, Marino NENCIONI, Egidio FERRERO, fra altri. Dario – G. Martini in gioventù risiedeva a Vado partecipando al Concorso; in età matura pubblicò uno studio critico: “Aldo Capasso ovvero la pietà della condizione umana”. Ora, cinque tesi di laurea celebrano la fatica del giornalista drammaturgo… chi lo sa a Vado?
Al Premio Vado, come nelle feste della Grecia Antica, tutto Vado era presente, felice nella sua unità.
Ciò fu la forza che confermò, sulla Riviera, la leadership conferita al Borgo dal mitico Arturo Martini che lì aveva famiglia e un tempo laboratorio dove fu formato fra altri l’illustre Bertagnin.
Il mecenato del Comune serba la preziosa testimonianza della collezione del Premio Vado al Museo Civico. Essa fu presentata con una pregiata visita guidata della Dott.ssa Ventura il 23 luglio al termine delle mostre d’arte in omaggio ad Aldo Capasso.
Ringraziando ancora, dal profondo del cuore, Chiesta ospitante, Trio d’Archi Aldo Capasso, filologo Giovanni Farris e i suoi assistenti, balletto Lorella Brondo, Museo-biblioteca, Commercianti, tutti i collaboratori delMemorial, auguro a Vado di riprendere la sua posizione di protagonista.
Perciò occorre “nel dare e ricevere” il sostegno del mondo industriale.
Un Assessore alla Cultura attivo, cosciente della sua missione, opera senza mezzi adeguati a Vado.
Occorre anche, intorno al suo impegno, l’affettuosa solidarietà che unificava e ha fatto grande il Borgo delPremio Vado, portando lontano il suo nome.
Al concerto si notava la presenza di una giornalista specializzata in eventi internazionali, arrivata appositamente da Vicenza per un pezzo e diretta al Festival Messian in Francia.
“Una rondine non fa primavera” ma di sicuro l’annunzia.
Con programmi di qualità, giustamente sponsorizzati, la Cultura porterà linfa vitale a Vado.
È la grazia che augura all’Assessore, Pietro Toso, il “Memorial Aldo Capasso” che si permette di esprimere, pubblicamente, la sua gratitudine a Vado Ligure.
Con un caldo saluto,
Florette Morand Capasso
(Due volte premiata a Parigi dall’Accademia Nazionale di Francia Cavaliere dell’Ordine Nazionale delle Arti e delle Lettere della Repubblica Francese – da quarantatrè anni -)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *