giovedì, Ottobre 17, 2019
Home > Cultura e Musica > GulliArte chiude KERAMOS

GulliArte chiude KERAMOS

A conclusione delle ricca rassegna sulla ceramica contemporanee del Novecento, in una
conferenza i cui relatori sono stati Enrica Noceto, Anna Pisani e Carlo Giusto, si è ripercorsa la
storia di questa attività che ha radici profonde nel nostro territorio ma che va riscoperta da parte di
molta gente. Gli sforzi e il grande impegno degli organizzatori saranno gratificati quando
l’attenzione ritornerà su questo settore tra artigianato e industria e arte, che può e deve offrire
sbocchi commerciali anche verso l’estero. Nel dibattito si è sentita anche la necessità di creare una
vera e propria scuola dove convogliare molti giovani che non sono ancora venuti a contatto con
questa realtà e cob gli splendori delle “fabbriche” storiche che erano luoghi di scambio
internazionali. Si è pure garantito un programma molto ambizioso per la prossima edizione
soprattutto mirato a suscitare interesse nel pubblico, nelle amministrazioni e negli altri poli di
eccellenza sempre con lo scopo di promuore la ripresa di questo settore artigianale con tutte le sue
potenzialità sia commerciali che culturali. Una particolare attenzione merita la mostra allestita a
settembre sugli stili albissolesi con la presentzione di riproduzioni in ceramica di stili antichi
realizzate da sette fornaci storiche del territorio:
CERAMICHE GAGGERO – CERAMICHE GUARINO – CERAMICHE LA NUOVA FENICE
CERAMICHE S. GIORGIO – CERAMICHE SORAVIA – CERAMICHE VIGLIETTI – STUDIO ERNAN
DESIGN mentre una collezione privata, con Ceramiche dal Cinquecento all’Ottocento, ha completato il panorama
delle diverse tendenze e stili. La pubblicazione di un catalogo “Gli stili di Albisola” sottolinea l’importanza della
eredità concreta di generazione in generazione delle tecniche insieme alle innovazioni di stile e alle
contaminazioni di artigiani anche stranieri, che possono sembrare un ritorno al passato mentre in realtà stimolano i
contemporanei a progettare verso il futuro attraverso il design ormai Maestro nel nostro presente e in esso
compaiono 15 piatti decorati da altrettante fabbriche che hanno scelto di riproporre uno fra i diversi stili
appartenenti al passato: questa produzione è selezionata e documentata ed è destinata all’acquisto ad un prezzo
agevolato. La collezione è stata presentata a Faenza per “Argillà 2018” nello spazioe sclusivo del Ridotto
I patrocini concessi e le adesioni sono indicativi del successo e dell’importanza di questo evento:
AiCC – Associazione Italiana Città della Ceramica ,Festival Internazionale della Maiolica | Lampi Creativi |
Museo della Ceramica Giuseppe Gianetti del Teatro Masini.
Associazione Paraxo | La Fornace |MeeTTTingpoint.
L’attività espositiva riprende nell’immediato con “L’anima nel caos” di Maura Canepa con
inaugurazione il 5 ottobre alle ore 17,00.
Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *