giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Cultura e Musica > Gustavo Tiranti e Alessandro Sala a Sassello

Gustavo Tiranti e Alessandro Sala a Sassello

Ritorniamo su un evento artistico di domenica scorsa, a Sassello, nel consueto spazio espositivo di Piazzetta Barbieri. Nella giornata del Corpus Domini, quando Sassello è ornata dalla suggestiva infiorata per le vie del paese, Gustavo Tiranti ed Alessandro Sala, ospiti fissi nelle rassegne sassellesi, hanno richiamato l’attenzione con le loro opere.

Conosciamo Tiranti come un erede della tradizione dei paesaggisti liguri, per le sue marine, per le sue vedute dei paesi costieri e per gli scorci, spesso sorprendenti, dell’entroterra; nella sua pittura si denota l’entusiasmo dell’autodidatta appassionato, il dichiarato amore per la terra di Liguria, nei suoi aspetti molteplici, la maestria per non dire il virtuosismo, della sua tecnica, la pennellata avvincente e convincente che ne fanno un protagonista dell’arte estemporanea ligure. La pittura di Tiranti può essere inoltre caratterizzata da una vividezza a volte fotografica dei soggetti raffigurati e proprio qui possiamo denotare un’altra particolarità della sua opera: talvolta il maestro, con certe visuali, con la capacità di cogliere taluni particolari, con l’atmosfera attonita che riesce a creare, rimanda ad un certo “realismo magico” che trascende la “raffigurazione dal vero” cui l’artista sembra, in modo comunque magistrale, votato, e porta il suo lavoro ad una completezza di riferimenti artistici di assoluto rilievo.
Si può così affermare che la visuale di Tiranti sia esteriore ed interiore.
Alessandro Sala ci trasporta invece in un mondo fantasioso ed onirico in cui permane un’impronta di surrealismo a volte divertito, a volte incline a più pensose visuali, a volte ad una simbologia fantastica, criptica forse ma pur sempre evocativa, affascinante, ricca di immagini catturanti. La sua opera rimanda, come anche altri hanno affermato, a qualcosa di Chagall, ma potremmo pure cogliervi un soffio del primo Kandinskij. Le sue fantasmagorie coloratissime, che rimangono comunque ben personali,  contengono riferimenti al cosmo, al mare, alla natura, ad oggetti disparati che al suo tocco si illuminano della magia dell’arte! Vi pare costante un riferimento alla musica e ad un “fantasma” senza volto e senza corpo che vive dei soli abiti che indossa e che per questo induce a riflessioni, suscita interrogativi, richiama interesse e curiosità. Il suo micro – o macro – cosmo onirico induce ad indagare il rapporto conscio-inconscio – o la lucidità assoluta? -, nel procedimento della creazione artistica, oltre ad essere di totale appagamento visivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *