mercoledì, dicembre 19, 2018
Home > Economia > Happily, l’azienda ligure che “produce benessere” per le altre aziende

Happily, l’azienda ligure che “produce benessere” per le altre aziende


di Michael Traman - 8 marzo 2018, 10:44

Nel 2013, su Il Sole 24 Ore, era apparso un articolo dove si spiegava come il grado di felicità dei dipendenti fosse direttamente proporzionale alla produttività dell’azienda. L’articolo, firmato da Giorgio Bronzo, si apriva con un dato allarmante secondo il quale, in Italia, circa il 70% dei dipendenti non si riteneva soddisfatto del proprio lavoro. Senza dubbio, la crisi, già presente allora, e dalla quale sembra difficile risollevarsi, non ha certamente aiutato a invertire questo trend. Anzi, la modernizzazione e il progresso tecnologico sembrano andare nel verso opposto. Basti pensare all’ “affaire Amazon”, dove si è forse raggiunto l’apice della spersonalizzazione dei rapporti tra datore di lavoro e lavoratore. Non di certo il viatico migliore per superare il problema espresso da Bronzo.

Per fortuna, c’è chi ha pensato a una possibile soluzione e, sotto l’impulso dell’attuale amministratore delegato Gianluca Caffaratti, è nata, a Genova, una realtà il cui obiettivo è proprio quello di creare benessere tra i dipendenti delle aziende che decidono di rivolgersi a essa. L’eloquente denominazione di questa start up innovativa lanciata nel 2015 è Happily.

Dal settembre 2017, Gianluca Caffaratti, dopo un passato da manager in importanti realtà, ha preso pieno controllo dell’azienda e, nello specifico, della parte strategica-commerciale, portando una crescita concreta e significativa come dimostra il numero di contatti instaurati che sono diventati quasi 50 in soli sei mesi di lavoro. Ma cosa si intende quando si dice che l’obiettivo è quello di creare welfare o, se preferite, benessere?

Il core business di Happily è quello di erogare servizi di welfare alle piccole e medie imprese. In altre parole, le realtà aziendali virtuose, che vogliono premiare i propri dipendenti senza ricorrere ad aumenti salariali che sarebbero, inevitabilmente, soggetti a tassazione, possono scegliere tra i vari servizi proposti da Happily per ricompensare i propri dipendenti, per gratificarli e per contribuire a creare un ambiente lavorativo più positivo e di conseguenza più produttivo. Scendendo nel dettaglio, sono due i principali benefit proposti dell’azienda: i primi sono i fringe benefit, che non possono essere di valore superiore ai 258,23 euro e che devono constare di beni e servizi che non rappresentano un prodotto finito, tipo gift card o buoni benzina tanto per capirci, e i flexible benefit, non soggetti ad alcuna limitazione di valore a differenza dei precedenti e che possono essere, in in termini concreti, dei pacchetti che comprendono attività non legate a quella lavorativa ma soltanto con obiettivi di welfare aziendale, come corsi di nuoto, pacchetti vacanze ecc. Inoltre, in questa seconda categoria, sono compresi benefit che possono essere destinati al rimborso delle spese scolastiche dei figli, dall’asilo nido al master post laurea, a un fondo pensionistico o alla copertura delle spese di trasporto. “L’importante è che non si tratti di qualcosa che serva in senso stretto allo svolgimento di mansioni aziendali. Il reciproco beneficio deve essere rappresentato dall’incremento del grado di soddisfazione del dipendente, che si ripercuoterà positivamente nella quotidianità lavorativa”, tiene a precisare il responsabile operativo di Happily Fabio Denegri, che poi aggiunge: “Naturalmente, si tratta di incentivi che devono essere erogati a categorie di lavoratori, appositamente identificate dall’ente aziendale, e non a singoli individui, cosa che potrebbe avere l’effetto opposto creando disparità e malumori”.

Happily si pone quindi l’obiettivo di stimolare un approccio lungimirante da parte dei dirigenti nei confronti del capitale umano, il quale rappresenta ancora, anche nell’era tecnologica, quel quid in più che può e deve fare la differenza. Un modo quindi per riallacciare i contatti tra le diverse sfere delle realtà aziendali promuovendo la fidelizzazione del dipendente. Happily opera in tutta Italia ed è la piattaforma Welfare del circuito Sardex. L’attività, normata dalla legge italiana che dal 2018 permette di inserire nei benefit anche i trasporti, ha anche, tra le finalità, quella di sgravare lo Stato da una parte delle attività volte al welfare. “Detassare il welfare può permettere a un dipendente di svolgere alcune visite mediche in una struttura privata, liberando così un posto nella sanità pubblica”, chiosa Denegri. Insomma, l’appello è a tutti quegli imprenditori che vorranno incrementare la loro produttività investendo sul benessere delle persone di cui si circondano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *