domenica, Febbraio 24, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > House of cards

House of cards


di - 3 Agosto 2015, 9:03

enrico letta

Tempo di vacanze, per chi può permettersele, cioè sempre i soliti, si dispone di più tranquillità per leggere qualche libro; noi ci permettiamo di suggerire, oltre alle ‘100 e più sfumature ormai non più solo grigie ma virate in tutti i colori editoriali pur di fare quattrini, la vecchia nostra Costituzione particolarmente dei capitoli ‘la sovranità appartiene al popolo’, ‘l’Italia è una Repubblica democratica’, ‘i funzionari pubblici debbono adempiere ai loro mandati con disciplina e onore….’. La confusione di molte identità politiche, le negazioni del pluralismo, il disconoscere le nobili radici del Risorgimento, le reciproche delegittimazioni, hanno portato a un deterioramento politico e sociale del nostro Paese; chissà mai se si riuscirà a ritrovare quel consenso innovativo fatto di uomini, programmi, immagini e linguaggi muovi, la capacità di captare le trasformazioni della società, la lungimiranza di anticipare il futuro. Nel PD è esploso il virulento pus dell’herpes con l’acquisizione trasversale di Verdini fino all’altro ieri battistrada servente di Berlusconi, palesando la peggiore incoerenza per un partito che si (auto) definisce storico, tradizionalmente vicino e a sostegno delle masse operaie, alla società civile maggiormente bisognosa: un partito ormai senza alcun ritegno e volto solo al mantenimento del potere fine a se stesso, una immagine divenuta sbiadita e non credibile, a dirla con Enrico Letta una ‘House of Cards’. Lo scriviamo per coerenza, null’altro, ma se Berlusconi avesse operato, anche solo per una minima parte di come ha fatto e disfatto da Renzi, le piazze italiane si sarebbero riempite di folla urlante a gridare ‘a morte il tiranno puttaniere’ con rischio di impiccagione: che viene da pensare (vedasi legge Severino e ‘assoluzioni’ del Parlamento per politici indagati per corruzione, presi con le mani nella marmellata) che non sempre ‘la legge è uguale per tutti’, spesso strizza l’occhiolino a chi non dovrebbe. Mai e poi mai a pensare a una semplice legge con ‘nessun politico potrà essere candidato, quindi eletto a far parte del Parlamento, se condannato in passato per atti di malaffare o ha residui in corso con la Giustizia, se non dopo sentenza definitiva di accertata innocenza’. (Pannella, invece di perdere tempo a bisticciare con La Bonino, pensa a un ‘referendum’ ad hoc). Che, come dice Gigi Proietti, evidentemente ‘a qualcuno questo schifo piace’.

Gianni Gigliotti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *