martedì, Aprile 23, 2019
Home > Cultura e Musica > I Colombo lombardi

I Colombo lombardi


di - 16 Novembre 2011, 10:56

Eccoci dunque arrivati alla famosa causa di successione, iniziata dopo la morte di Diego Colombo, bisnipote di Cristoforo Colombo e ultimo possessore del maggiorasco; secondo logica, avrebbe dovuto presentarsi alla causa un discendente di Colombo di origini lombarde, visto quanto affermato da tutti i contemporanei del Grande Ammiraglio. Verifichiamo dunque se la famiglia alla quale apparteneva Baldassarre Colombo, che fu ammesso alla causa e vi partecipò per tutta la sua durata, circa trent’anni, si possa dire lombarda.

Baldassarre era un esponente della nobile famiglia Colombo, infeudata nel piccolo centro di Cuccaro, facente parte del Marchesato del Monferrato; per comprendere appieno il significato delle parole di Bartolomeo de Las Casas sui genitori dello Scopritore, bisogna però fissare una cronologia. Per far questo dobbiamo ricorrere ad un altro contemporaneo che conosceva bene Cristoforo Colombo: si tratta di Andres Bernaldez, un medico che ospitò a lungo Colombo nella sua casa, dopo che l’Ammiraglio fu costretto a rientrare in Castiglia, nel 1496. Afferma il Bernaldez che: “Colombo morì dell’età di settant’anni.” Quindi, stando a questa qualificata testimonianza, Cristoforo era nato attorno al 1436. Che cosa accadeva in quegli anni nel piccolo marchesato monferrino? L’improvvida politica del marchese, che si era alleato con Venezia, aveva causato la reazione dei potenti vicini, in particolare del duca di Milano, Filippo Maria Visconti. A questo proposito, possiamo leggere un documento significativo, citato da Gianfranco Ribaldone (La famiglia Colombo di Cuccaro, Atti del II Congresso internazionale colombiano, Cuccaro 2009), che lo ha individuato nell’Archivio di Stato di Milano: il 18 dicembre 1431, Filippo Maria, duca di Milano e Amedeo di Savoia, duca di Savoia, considerato che il marchese del Monferrato, Giovanni Giacomo, ha fatto lega con i Veneziani, ribelli al Sacro Romano Impero, e ha attaccato le terre e i vassalli del duca di Milano, si accordano sulla guerra contro il marchese, già avviata dal duca di Milano. In particolare, le terre marchionali (del Monferrato) saranno spartite in questo modo: … Conzano, Camagna, Cuccaro, Ozzano a Francesco Barbavaria, Luigi Crotus, Giovanni Francesco Gallina, fedelissimi consiglieri di Filippo Maria. Da questo documento apprendiamo che la guerra nasce proprio in Lombardia (“ha attaccato le terre del duca di Milano”) e che, successivamente, si trasferisce in Monferrato. Apprendiamo anche che Cuccaro è destinata ai vassalli del duca di Milano, che ne vengono investiti in un successivo documento del gennaio 1432. Citando sempre da Gianfranco Ribaldone, veniamo a sapere che l’8 maggio 1432 il marchese del Monferrato si rifugiò a Venezia e che i beni dei Colombo di Cuccaro, sia dei ribelli, sia dei non ribelli, furono confiscati. Quindi Cuccaro, in pratica, entrava a far parte del ducato di Milano. Rileggiamo ora quanto scrive il De Las Casas a proposito della famiglia di Cristoforo: “ I suoi genitori furono persone illustri, in un certo tempo ricchi … in altri tempi dovettero essere poveri, a motivo delle guerre e delle fazioni che vi furono sempre e mai vengono meno, soprattutto, in Lombardia.” Si adatta a Domenico e Marietta del castello di Cuccaro, possibili genitori di Cristoforo? Perfettamente, almeno stando agli avvenimenti che vanno dal 1431 al 1435, quando cessano finalmente le ostilità. Tutto coincide, dai genitori illustri (i Colombo di Cuccaro sono sempre definiti nobili, nei documenti che vi si riferiscono) e ricchi, in tempo di pace, in altri tempi poveri, perché i beni vengono loro confiscati, a motivo delle guerre in Lombardia, e delle fazioni. Il De Las Casas, a differenza di quanto affermato da molti studiosi, è, in realtà, molto preciso: basti pensare al fatto che, durante questo periodo, vi furono, all’interno dello stesso Marchesato, varie posizioni (ribelli e non ribelli) e sono proprio le “fazioni” di cui parla il frate dominicano, il quale d’altronde, era bene informato, perché conosceva sia Fernando Colombo, figlio dello Scopritore, che Giovanni Antonio Colombo (“col quale ebbi frequenti conversazioni”), parente dell’Ammiraglio. E’ interessante notare come, Giovanni Colombo di Cuccaro, fratello di Domenico, quindi zio di Cristoforo, si trovi a Savona il 2 maggio 1435; egli dunque ha abbandonato Cuccaro proprio durante le ostilità e, quando il marchese del Monferrato rientrerà nei suoi territori, lo priverà dei suoi beni, “per i suoi demeriti”. Ecco dunque che il riferimento alle “fazioni ”, risulta quanto mai preciso. La seconda fonte che avevo in precedenza esaminato, le Historie, attribuite a Fernando Colombo, ricalca quanto afferma Bartolomeo De Las Casas. Vi è scritto: “ Essendo per cagione delle guerre e parzialità della Lombardia, … ridotti a bisogno e povertà…” Non voglio però trascurare la terza fonte esaminata riguardo la famiglia di Colombo, ovvero Fernando Gonzales de Oviedo, che afferma: “ I suoi antenati sono originari della città di Piacenza, in Lombardia.” L’Oviedo non parla dei genitori, ma degli antenati. Dice anche. “Le armi degli antenati del casato di Colombo… ( e le descrive).” Quindi, se il casato di Colombo possedeva un emblema, doveva trattarsi di “persone illustri”, come dice Bartolomeo de Las Casas. Che cosa avevano a che fare i Colombo di Cuccaro con Piacenza? Presto detto: da un atto rogato in Piacenza nel 1441 e rinvenuto nell’archivio di questa città, Pietrino Colombo di Cuccaro, detto de Monteferrato, risulta presente in questa città, pur avendo mantenuto rapporti d’affari con il consortile d’origine. Il detto Pietrino Colombo, che era parente di Domenico, padre di Cristoforo Colombo, è citato anche fra le testimonianze prodotte da Baldassarre Colombo di Cuccaro nella causa di successione già menzionata. Quindi, un ramo dei Colombo di Cuccaro, si era trasferito a Piacenza, forse da molti anni; sicuramente vi risiedeva Pietrino e questo giustifica le asserzioni dell’Oviedo; ma ritornerò su questo punto in seguito. E ora torniamo ancora a Bartolomeo de Las Casas: che cosa dice sul luogo di nascita del Grande Ammiraglio del Mare Oceano? Di lui afferma. “ Fu dunque quest’uomo eletto di nazione genovese, di qualche luogo della Provincia di Genova; quale fosse il luogo dove nacque o quale nome avesse (il tal luogo), per la verità non consta…” Quindi Cristoforo Colombo, di nobile famiglia monferrina, sarebbe nato in una località della Repubblica di Genova, l’attuale Liguria, e, conseguentemente sarebbe stato genovese di nazionalità. Nel ‘400 infatti, come nei secoli successivi, questa terminologia di “genovese, veneziano, fiorentino, napoletano o lombardo” non si riferiva, come invece avviene oggi, ad una persona nata o residente nella città di Genova, Venezia, Firenze o Napoli, bensì ai cittadini di uno stato, quale la Repubblica di Genova o di Venezia o del Regno di Napoli e via discorrendo. Eppure, nonostante vi siano documenti chiarissimi in tal senso, tutt’ora in molti testi si continua a riferire il termine “genovese” non all’intera Liguria ma, erroneamente, alla sola città di Genova. Sgomberato dunque il campo dagli equivoci, Bartolomeo De Las Casas afferma che Colombo era nato in Liguria, senza però citarne la località. E’ lo stesso atteggiamento del figlio Fernando, molto amico di De Las Casas, che, nel suo testamento del 1539, scrive: “Mio padre era genovese”. Ed è lo stesso atteggiamento di Pedro de Arana, criado e cugino di Fernando, che di Colombo afferma: “Ho sentito dire che era genovese, però non so dove fosse nato (documento De Uhagon, 1535)”. Si direbbe proprio che la famiglia mantenga quell’atteggiamento di Cristoforo che è stato definito più volte “l’occultismo del Descubridor”. In realtà, dobbiamo considerare l’epoca di tali affermazioni (1535-1539) e la difficile posizione “politica” della famiglia proprio in quegli anni. Torniamo ora a quanto affermato dall’Oviedo, che cita Savona, Nervi e Cogoleto quali possibili luoghi di nascita di Colombo. Le Historie sono ancora più generiche ma, a questo proposito, abbiamo già riportato l’affermazione di don Fernando nel suo testamento, nel quale peraltro non si fa nessun riferimento all’esistenza delle Historie stesse. Vediamo ancora il De Las Casas, per capire in quale luogo della Liguria potrebbe essere nato Cristoforo.

I Colombo Savonesi
Che cosa potrebbe essere successo ai genitori di Cristoforo? Privati dei loro beni nel 1432, come abbiamo già visto, si trovarono in condizione di povertà ed, in più, coinvolti sia nella guerra sia nelle dispute che opponevano le diverse fazioni che si erano formate nel consortile di Cuccaro; potrebbero aver deciso di seguire Giovanni Colombo di Cuccaro, che si era trasferito nella viscontea Savona nel 1435 o forse prima, come sembrerebbe dai documenti di investitura del 1434, dai quali risulta che Giovanni Colombo non era in Monferrato. E’ difficile capire che cosa sia successo fra il 1434 e il 1438, sicuramente in Monferrato regnava il disordine e la posizione del marchese era di estrema debolezza. Forse, mentre Domenico tornava al fianco del marchese del Monferrato, la madre di Cristoforo potrebbe essere rimasta a Savona, ospite dello zio Giovanni o dei marchesi Del Carretto, amici di famiglia. E’ solo un’ipotesi: i documenti però, attestano la presenza in Savona di Giovanni Colombo di Cuccaro negli anni 1435-1443 e, dopo la sua morte, della moglie Sobrana Della Porta, savonese di origine acquese, negli anni successivi, sino al 1477. Mi sembra di essermi decisamente inoltrato, a questo punto, nella questione del luogo di nascita di Cristoforo Colombo. Anche qui bisogna procedere in ordine cronologico. Il primo documento nel quale si parla della patria di Colombo, risale al 1491: si tratta del Memorial y Registro della Corte di Spagna, nel quale veniva annotato quanto accadeva di importante nella Corte stessa. Cristoforo Colombo aveva ufficialmente preso servizio nel 1486 e, nel farlo, non aveva mancato di presentare le proprie credenziali ad Isabella e Ferdinando. Nel 1491, la resa di Granada, che segnerà la fine delle guerre contro i mori di Spagna, era ormai stata concordata e quindi, come viene riportato nel Memorial, vi furono delle trattative fra Colombo e i Sovrani, anche se quest’ultime verranno perfezionate solo nell’aprile 1492. Ed ecco come annotò Lorenzo Galindez de Carvajal nel Memorial y Registro de la Corte de los Reyes Catolicos: “ Ano 1491. Y este ano tomaron los Reyes asiento con Cristobal Colon, ginoves, natural de Saona, sobre el descubrimiento de las Indias…” ( In questo anno i Re sedettero al tavolo delle trattative con Cristoforo Colombo, genovese, nativo di Savona, riguardo la scoperta delle Indie)”. E’ del tutto evidente che, se il luogo di nascita di Colombo non fosse stato conosciuto, non sarebbe stato specificato in un documento di corte, così come è evidente che questa notizia (nativo di Savona) faceva parte di una sorta di curriculum, ossia le credenziali che Cristoforo stesso aveva presentato agli illustri sovrani. Colombo, dopo essere stato ospitato per oltre un anno dal duca di Medinaceli, nel gennaio 1486, contattò la corte, munito di lettere di presentazione del duca che consegnò a Alonso de Quintanilla, “Contador Mayor de los Reyes”. Che i Re di Spagna sapessero tutto del passato di Colombo, non mi pare possano esserci dubbi; dubbi che sono peraltro stati fugati da Cristoforo stesso che, tre anni più tardi, nel corso del secondo viaggio, nel settembre 1494, battezzò un’isola con il nome della sua città natale: Saona (Savona). Già qualche mese prima, al ritorno di una parte della caravelle, troviamo una testimonianza della savonesità di Colombo in una lettera scritta nella città di Cadice il 19 marzo 1494, e pervenuta alla corte di Mantova, forse riferibile all’ambasciatore dei Gonzaga, ove Colombo è detto, per l’appunto,” savonese, armiraglio dell’ Oceano per lo re de Castiglia”. Pare che nessuno abbia notato la straordinaria coincidenza cronologica: il 19 marzo 1494 Colombo, in una lettera, è detto savonese, ed il 20 settembre 1494, battezza un’isola con il nome di Saona! Ed eccoci al 1535, a quasi trent’anni dalla morte dell’inventore delle Indie; nel documento De Uhagon, sono contenute tre testimonianze giurate che debbono servire per decidere dell’ammissione di Diego, nipote dello Scopritore, nell’ordine di Santiago, al fine di confermarlo nell’alta nobiltà spagnola. Ho già citato uno dei tre testimoni, Pedro de Arana, un parente, cugino di Fernando, che si limita ad affermare che Cristoforo era genovese, senza indicare il luogo di nascita. Più preciso è Rodrigo Barreda, che afferma che “Cristoforo Colombo era della signoria di Genova, della città di Savona”, ed infine appare inequivocabile la testimonianza di un personaggio che conosceva benissimo Colombo. Si tratta di colui che gli fece da segretario durante il quarto viaggio e che, con Bartolomeo Fieschi, raggiunse su di una barchetta Santo Domingo, salvando la vita a Cristoforo Colombo e a tutti coloro che erano sopravvissuti. Colombo stesso lo definisce come “ il molto affidato Diego Mendez de Segura”. Che afferma: “Cristoforo Colombo, genovese, ed era nativo di Savona, che è un paese presso Genova”. Sono le parole di un uomo nel quale Lo Scopritore riponeva un’assoluta fiducia. Nella genealogia di questo documento, che farà testo anche per altri, il nonno di Diego è dunque “Cristobal Colon, natural de Saona”. A questo punto, vi sono sufficienti elementi per poter affermare che l’ipotesi più fondata su Colombo, in base alle testimonianze dei contemporanei, è che fosse originario di Cuccaro e nato a Savona; rimangono tuttavia da chiarire molti aspetti della vicenda colombiana e, soprattutto, per poter avere l’assoluta certezza sulle origini del Grande Ammiraglio, rimangono ancora da sitemare i tasselli riguardanti i suoi parenti, Giovanni Antonio Colombo e Andrea Colombo, dei quali ho parlato nel primo articolo della serie.

Filippo De Nobili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *