Attualità

I femmincidi si possono prevedere e possono essere evitati. a che cosa serve denunciare se, non si viene adeguatamente protetti

violenza-donne

DI CARLO COLLA

Non passa giorno che non facciamno altro che sentire di donne che vengono uccise da mariti o amanti che non accettano di essere lasciati. Nella stragrande maggioranza si tratta di uomini che si erano già resi autori di pestaggi o gravi minacce nei confronti della persona che diventerà la loro vittima: uomini già riconosciuti come estremamente violenti e recidivi ad ogni avvertimento di non avvicinarsi alla donna che, peraltro, aveva provveduto una o più volte a denunciare i soprusi subiti o le botte ricevute dal loro convivente. Le domande che mi pongo e che tutti ci poniamo sono quelle relative a capire quelle che erano state le misure preventive prese dall’autorità competente per evitare questi omicidi, peraltro ampiamente previsti e prevedibili? Quali sono state le precauzioni prese per proteggere la vittima? Perchè questi uomini non sono stati fermati e rinchiusi in galera dopo aver appurato le lesioni e le minacce già perpetuate? Chi ha la responsabilità oggettiva di questi femminicidi che si sarebbero potuti evitare? A che cosa è servito denunciare, se, poi, tutto resta solo scritto su un pezzo di carta? Perchè nessuno paga per questa insufficienza operativa e per non aver preso in seria considerazione denunce chiare e circostanziate? Domande che attendono risposte precise e che convincono, purtroppo, a credere che il cittadino non sia affatto sufficientemente protetto dallo Stato! Perchè questi uomini – che nemmeno dovrebbero essere chiamati uomini – vengono lasciati liberi di circolare traquillamente dopochè siano stati ben dimostrati i loro infami comportamenti? Come si giustificano le autorità di questo loro non-intervento? Donne, che dopo le loro denunce, vivono nella paura e nel terrore di essere perseguitate e colpite! Cosa che, purtroppo, molto spesso si viene a verificare e che si conclude con i fatti di cronaca che tutti conosciamo! Da un lato si invita la gente a denunciare i soprusi a cui si è soggetti e, dall’altro, nulla viene fatto per fare scattare quella sacrosanta ” protezione” alla quale ogni cittadino ha pieno diritto. Io credo che, in galera, debbano andare non soltanto questi uomini indegni, ma anche coloro che non abbiano dato la credibilità alle donne perseguitate, che, con la loro denuncia, si sono affidate allo Stato per essere protette.Non vorrei che un giorno prevalesse il concetto di “farsi giustizia da sé” dal momento che lo Stato non è in grado o non è capace di dare aiuto e protezione a chi ne necessita ed a chi la richiede! Non si può continuare a prendere tristemente atto di questi femminicidi senza veder attuato un piano di emergenza a tutela dei cittadini e della loro incolumità. Un’altra considerazione che voglio fare è quella che, molto spesso, questi assassini vengono chiusi in carcere, ma, dallo stesso, ne escono dopo poco tempo, liberi nuovamente di attuare i loro piani criminosi! Che senso ha chiudere in “gattabuia” questi degenerati per poche settimane o pochi mesi sperando che questa breve pena serva loro per redimersi, protetti e difesi anche da avvocati, che, in galera, dovrebbero andare anche loro? Il femminicidio si può e si deve prevedere: può essere evitato con un intervento e decisioni più drastiche e risolutive da parte di chi ha dovere e compito di proteggere il cittadino!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: