lunedì, Dicembre 9, 2019
Home > Attualità > I giornalisti liguri aggiornati sul welfare a Genova

I giornalisti liguri aggiornati sul welfare a Genova

Una giornata di studio e di aggiornamento per i giornalisti liguri è si è svolta ieri presso la sala del Consiglio provinciale a palazzo Doria Spinola. Vi hanno preso parte molti giornalisti ed operatori del settore dell’informazione che hanno seguito con vivo interesse il seminario organizzato dall’Inpgi (Istituto nazionale di previdenza dei giornalisti italiani) e da ForMedia (Istituto per la formazione al Giornalismo e alla comunicazione multimediale).

Si è trattato di un modo utile per tenere aggiornati i professionisti ed i pubblicisti iscritti all’Ordine ed alle varie casse professionali, radunandoli ed informandoli adeguatamente sulle recenti novità relative al nuovo assetto dell’ Ordine. A fare la parte dei padrone di casa Piero Fossati Commissario straordinario Provincia di Genova. “Welfare e ammortizzatori sociali per i giornalisti italiani” era il titolo del seminario che è stato aperto dal fiduciario ligure dell’Inpgi Elio Felice. Si sono poi succeduti gli  interventi di Marcello Zinola, Segretario Associazione ligure dei Giornalisti, Andrea Camporese, presidente dell’Inpgi, Paolo Serventi Longhi, segretario generale della federazione della stampa e Fabio Azzolini della Federazione della stampa. Molti i temi che sono stati affrontati in mattinata: fra questi “Mercato del lavoro e protezione sociale: le sfide tra sostenibilità e solidarietà”; I conti in ordine: visione e futuro; la Riforma dell’Inpgi: le novità introdotte e gli ammortizzatori sociali della categoria. Gli interventi più tecnici, e relativi alla previdenza, sono stati svolti dal Presidente dell’Inpgi Andrea Camporese, dal Vice direttore generale e Dirigente del servizio Contributi e vigilanza Mimma Iorio e dal Dirigente del servizio prestazioni Francesca Merante e sono stati seguiti con vivo interesse dai presenti che hanno poi rivolto numerose domande agli esperti in occasione del Question Time.

Claudio Almanzi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *