lunedì, maggio 21, 2018
Home > Economia > I giovani savonesi fanno impresa in agricoltura e nelle costruzioni

I giovani savonesi fanno impresa in agricoltura e nelle costruzioni


di Redazione - 3 febbraio 2018, 15:06

In Italia i giovani che fanno impresa superano quelli che emigrano all’estero per motivi di lavoro, di studio o personali. Infatti, stando agli ultimi dati Istat disponibili, nel 2016 sono stati circa 61 mila i giovani, tra 18 e 39 anni, che hanno trasferito la propria residenza all’estero, mentre si contano circa 114 mila imprese giovanili (18 – 34 anni) che hanno aperto un’attività in proprio nel 2016 in Italia.

Nel 2017, in Italia, sono nate circa 300 imprese giovanili al giorno lungo tutta la penisola (in totale circa 110 mila), pari al 30,5% di tutte le nuove imprese registrate lo scorso anno. Roma (8.276), Napoli (7.073), Milano (5.594) e Torino (3.312) i territori con il maggior numero di imprese giovani iscritte nel 2017 mentre sono al Centro Sud i territori dove i giovani pesano di più sul totale delle nuove imprese, Nuoro (44%), Crotone (42,2%), Reggio Calabria (41,9%), Vibo Valentia (41,1%) ed Enna (41%). I giovani in Italia fanno impresa soprattutto nel settore del commercio (circa 21 mila iscrizioni), dell’edilizia (10.369), nell’agricoltura (9.850) e nel comparto dell’alloggio e ristorazione (6.124). Emerge da una elaborazione della Camera di commercio di Milano, su dati del Registro Imprese e Istat

In Liguria le imprese giovanili costituite nel 2017 sono state 2.704, pari al 2,6% del totale nazionale. In provincia di Genova sono state 1.286, pari al 28,3% di tutte le imprese di nuova iscrizione (4.542); a Imperia 497, pari al 33,9% delle ditte registrate nel corso dell’anno (1.467); a La Spezia 415, il 30,6% delle 1.356 nuove iscritte; e a Savona 506 su 1.769 di nuova costituzione (28,6%).

Per quanto riguarda i settori di attività, in provincia di Savona i giovani imprenditori hanno scelto le costruzioni (98) e l’agricoltura (75, con un balzo di quasi il 50% rispetto al 2016). Seguono il commercio (68) e le attività legate al turismo (57). Distanziati i servizi alle imprese (21) le attività professionali (13), quelle manifatturiere (12), credito e assicurazioni (11), la comunicazione (6), le attività artistiche e sportive (5), i trasporti (3), il comparto immobiliare (2) e gli altri servizi (24).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *