sabato, dicembre 15, 2018
Home > Attualità > I liceali di Finale Ligure cavalcano le onde dello “Tsunami Mooc”

I liceali di Finale Ligure cavalcano le onde dello “Tsunami Mooc”


di - 19 aprile 2013, 9:42

Saranno presentati domani dalle 9 alle 12, presso l’Aula Magna del Liceo Issel di Finale Ligure, i risultati della prima fase di sperimentazione del progetto Mooc (Massive Open Online Courses), iniziato lo scorso novembre nella scuola di via Fiume. Gli allievi della classe IV C del corso di Liceo Scientifico Pni (Piano nazionale informatica) stanno sperimentando con i Mooc nuove modalità di apprendimento online, digitale, networked, a grande partecipazione interattiva e libero accesso via web.

I Mooc sono, secondo la MIT Technology Review, “la più importante tecnologia per la formazione negli ultimi 200 anni”. Martin Vetterli, rettore della Scuola di Scienze del Computer e Comunicazioni dell’Epfl, Istituto Svizzero Federale di Tecnologia di Losanna, ha dichiarato: “Ho la sensazione che i Mooc saranno una specie di tsunami per il mondo accademico” . All’Issel il progetto Mooc è stato pianificato nei due anni scolastici 2012-13 e 2013-14. E’ coordinato dal professor Claudio Romeni e fa parte del Programma “InquietaMente 2013”, iniziativa organizzata congiuntamente dal Liceo e dal Circolo degli Inquieti, grazie alla competenza di Claudio Casati, nell’ambito della sesta Festa dell’Inquietudine, che si terrà dal 31 maggio al 2 giugno prossimi a Finale Ligure. Gli studenti dell’Issel hanno utilizzato tre Mooc della piattaforma Coursera: “Introduzione alla programmazione interattiva in Python” (Rice Università), “Pensiero Critico nelle sfide globali” (Università di Edimburgo) e “Pre-Calculus” (Università della California – Irvine). Alla presentazione dei risultati in programma domani interverrà Luigi Battezzati, ingegnere che ha una trentennale esperienza nell’ambito dei sistemi informativi di gestione della produzione. Nicola Viassolo, assessore alle Politiche Giovanili e alla Pubblica Istruzione del Comune di Finale Ligure ha dichiarato : “Sono orgoglioso che il nostro Liceo sia tra i primi nel mondo a sperimentare avanzate metodologie di apprendimento e insegnamento”. La dirigente scolastica, Francesca Palmonella ritiene che “il liceo deve anche preparare gli studenti alla gestione della propria formazione futura, universitaria e permanente; i Mooc possono aiutare a orientare gli studenti nelle loro scelte e servire da “precalculus” per completare i saperi minimi richiesti dal corso di laurea prescelto. Ancora una volta, l’Issel si mostra sensibile all’innovazione e precorre i tempi, grazie alla curiosità e alla sete di sapere dei suoi allievi e docenti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *