martedì, Novembre 19, 2019
Home > Cronaca > I mitici ed inarrivabili ascensori della stazione ferroviaria

I mitici ed inarrivabili ascensori della stazione ferroviaria

Da mesi, sei su sette ascensori installati presso la Stazione Ferroviaria di Savona, che potrebbero servire a trasportare i disabili o i passeggeri anziani con sovraccarico di bagaglio , ai binari dei treni sono fermi e non funzionano, l’unico che si muove è quello posto nell’atrio biglietteria, che sale dal piano stradale sino alla hall della stazione, tutti gli altri sono fermi da tempo e nessuno si prende la briga di farli funzionare.

La presa in giro consiste che nessuno vuole ammettere il disastro ma qualcuno forse in vena di sottile ironia ha affisso su tutti i scintillanti ascensori in acciaio, un cartello involontariamente comico : “ASCENSORE IN FASE DI MONTAGGIO”. Ottimo il senso dell’ironia ma il disagio per i disabili e gli altri passeggeri, dove lo mettiamo?? Questa stazione , ha una lunga storia di incuria e degrado, venne inaugurata nella notte dei tempi dal Presidente della Repubblica Antonio Segni nel 1962, il quale venne in pompa magna a Savona per tagliare il nastro della inaugurazione. La cosa gli portò sfiga, perché dopo poche settimane lo colpì un ictus che rese inevitabile il suo ritiro dal ruolo istituzionale. Nel frattempo la stazione di Savona, tanto decantata e illustrata in manuali di architettura e ingegneria, creata da un grande architetto Nervi, e citata come struttura all’avanguardia fu invasa dalle erbacce e dai carrozzoni degli zingari, diventando un angolo dimenticato dai Savonesi e dalle Istituzioni. Dopo circa venti anni di oblio e di traffico di soli treni merci , e con lo spostamento a monte della ferrovia, finalmente la stazione tornò nella civiltà e subì un restyling di immagine e funzionale. Ora questi ascensori, in perenne fase di montaggio, fanno ritornare la stazione indietro negli anni.

Roberto Nicolick

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *