venerdì, dicembre 14, 2018
Home > Attualità > I “muretti a secco” patrimonio dell’Umanità

I “muretti a secco” patrimonio dell’Umanità

L'Unesco promuove al prestigioso riconoscimento una tradizione non solo agricola


di GIORGIO SIRI - 1 dicembre 2018, 8:22

muretti a secco arnasco

L’Unesco ha iscritto “L’Arte dei muretti a secco” nella lista degli elementi immateriali dichiarati Patrimonio dell’umanità. E’ quanto si legge in un post sul profilo Twitter dell’organizzazione che si congratula con gli 8 paesi europei che hanno presentato la candidatura: oltre all’Italia, Croazia, Cipro, Francia, Grecia, Slovenia, Spagna e Svizzera.

“I muretti a secco” non sono solo una tecnica agricola; rappresentano una mentalità, una tecnica antica di secoli, una volontà di ferro!

L’Italia aveva partecipato, nel marzo dello scorso anno, alla candidatura internazionale del progetto formativo “Tecnica dei muretti a secco” in agricoltura. La candidatura aveva come capofila Cipro, insieme a Italia e agli altri Paesi europei. “Una buona notizia per tutta l’agricoltura e in particolare per quella ligure – aveva commentato in quell’occasione Luciano Gallizia, presidente della Cooperativa Olivicoltori di Arnasco -. Noi siamo stati veri e propri pionieri quando 17 anni fa abbiamo fatto i primi corsi di terrazzamento, formando diverse squadre di ragazzi che oggi lavorano con successo in molte zone della Liguria”.

La tecnica dei muretti a secco affonda le proprie radici nella storia, testimonianza di un’agricoltura che ha saputo trasformare in fasce coltivabili i versanti collinari liguri, scoscesi se non a picco sul mare. ”Sono il simbolo di un’economia agricola eroica che ha visto tante imprese mettere a frutto i terreni e difendere paesi e località – ha sottolineato Gallizia -. Ora arriva questa notizia che ci fa un enorme piacere. I terrazzamenti hanno bisogno di essere continuamente curati, i terreni rischiano sempre di più di franare. Ora dobbiamo fare in modo che tutto questo si traduca in azioni concrete di ulteriore formazione sulle tecniche, diffusione delle opportunità e interventi sul territorio”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *