giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Attualità > I nostri ceramisti in Cina

I nostri ceramisti in Cina

Marcello Mannuzza di Celle e Gabriele Resmini di Albisola nella missione dei ceramisti italiani in Cina

AiCC, nell’ambito del proprio ampio programma di lavoro, ha concordato, nel corso del 2018, un importante progetto di scambio culturale e professionale con la Cina ed in particolare con il Fuping International Pottery Art Village, centro a pochi chilometri da Xi’An, gestito dalla famiglia Xu insieme e con la consulenza del grande maestro ed editore I Chi Hsu.

Si tratta di un progetto che prevede la realizzazione di cinque workshop in Cina, tra luglio 2019 e settembre 2020, dedicati ad un team di 30-40 Ceramisti italiani attentamente selezionati e provenienti, di preferenza, dalle Città della Ceramica aderenti ad AiCC.

Dopo una importante missione svolta a novembre 2018, promossa dal presidente AiCC e Vicesindaco di Faenza Massimo Isola e condotta dai Vicepresidenti Paolo Masetti, Sindaco di Montelupo Fiorentino e Chiara Luisetto, al momento Sindaco di Nove ed organizzata dal Coordinatore AiCC, Giuseppe Olmeti, nel corso della quale è stato siglato uno specifico accordo di collaborazione, il progetto ha preso il via nel luglio scorso, con la partenza di un primo gruppo di sette Ceramisti ed oggi prosegue col secondo gruppo di artisti ed artigiani, imbarcatisi a Fiumicino a metà novembre, che gestisce il workshop dal 14 novembre 2019 sino al giorno di Natale; il team è composto da Ivana Antonini (Montelupo Fiorentino), Patrizio Bartoloni (Montelupo Fiorentino), Lorenza Boisii (Laveno Mombello), Monika Grycko (Faenza), Marcello Mannuzza (Celle Ligure), Luce Raggi (Faenza), Gabriele Resmini ” (Albisola Superiore).

Il progetto è affidato ad un gruppo di lavoro, responsabile della promozione, della selezione degli artisti e della definizione degli aspetti culturali e tecnici, diretto dal Coordinatore AiCC Giuseppe Olmeti, e composto da Benedetta Falteri del Comune di Montelupo Fiorentino, da Giovanni Mirulla, editore della rivista La Ceramica Moderna ed Antica, da Fabio Poli di CIBAS (Bassano del Grappa) e da Matteo Zauli, Direttore del Museo Carlo Zauli di Faenza: fanno parte della missione anche Benedetta Falteri, Giovanni Mirulla e Matteo Zauli, con l’incarico di consolidare e perfezionare gli accordi con i partner Cinesi, volti alla realizzazione di importanti eventi espositivi, sia in Cina che in Italia, una volta al termine dello svolgimento del progetto, con le opere realizzate nel corso del workshop.

L’intero progetto ha avuto origine dal lavoro di relazioni promosso dall’associazione mondiale degli editori di riviste ceramiche “ICMEA” e direttamente dal presidente uscente, il cinese I Chi Hsu, già ideatore del centro internazionale di Fuping, e dal presidente entrante, Giovanni Mirulla, editore de “La Ceramica Moderna & Antica”.

Gli artisti realizzeranno opere ed installazioni di dimensioni medio-grandi, ad essere collocate, negli ultimi mesi del 2020, nella collezione del Museo Internazionale FLICAM di Fuping, già ricco di centinaia di opere, in occasione dei festeggiamenti per i 20 anni dalla creazione del “progetto Fuping”. Una copia di tali opere inoltre verrà trasferita, a fine progetto, in Italia, per dare vita ad una mostra itinerante nelle Città della Ceramica AiCC. Saranno inoltre chiamati a realizzare anche opere più piccole e più “tipiche” della produzione propria e dei propri territori, che verranno messi in vendita presso l’importante galleria che il Fuping Pottery Art Village gestisce nel centro di Xi’An, una delle maggiori città della Cina, famosa per i “guerrieri di terracotta”.

Il Fuping Pottery Art Village metterà a disposizione, per l’intera durata di ogni workshop, un tutor tecnico che seguirà i ceramisti nel proprio lavoro, oltre a farsi carico per intero dei costi di vitto e alloggio e di tutte le spese connesse alla realizzazione delle opere (materiali e cotture). Le spese di viaggio, invece, sono rimborsate al 50% dall’Associazione Italiana Città della Ceramica.

Il curatore artistico del progetto Matteo Zauli ha proposto una tematica di lavoro che i ceramisti italiani dovranno affrontare durante i workshop, ovvero una riflessione sul viaggio Italia-Cina, sui legami fra i due paesi, con l’obiettivo di trovare nella ceramica frammenti di identità comuni ai due territori coinvolti. I ceramisti potranno quindi lavorare su alcuni elementi guida: la narrazione di elementi comuni, esprimendo segni – decorazioni o elementi scultorei – di contatto tra l’espressione ceramica italiana e cinese, tra gli stili artistici dei territori di provenienza di ciascun ceramista e Fuping. Dal punto di vista tecnico, il curatore del progetto Fabio Poli, indica ai ceramisti partecipanti le caratteristiche tecniche di materiali ed attrezzature che troveranno a Fuping (tipo di argille, smalti, fornaci, processi di lavoro, etc.).

Massimo Isola, Presidente di AiCC e Vicesindaco del Comune di Faenza, nell’esprimere entusiasmo per questo progetto che proietta AiCC in una seria e concreta collaborazione internazionale, nell’inviare gli auguri ai ceramisti in partenza, ai “Guerrieri Italiani della Terracotta”, ha evidenziato come esso sia composto in maggioranza da Ceramiste (al contrario del precedente che, per casualità logistiche, era composto da soli uomini).

Paolo Masetti, Vicepresidente di AiCC e Sindaco di Montelupo Fiorentino, si dichiara soddisfatto per la precisa attuazione degli accordi discussi nel 2018 ed il raggiungimento di concreti risultati, attraverso i quali ci si augura e si opera in tale senso, si possano aprire nuove prospettive ed inserire il progetto “AiCC – Fuping” all’interno di progetti più vasti e di grande rilievo (quali ad es. “La Via della Seta – The Belt and the Road”), che vedono coinvolti attori istituzionali di livello mondiale.

Giuseppe Olmeti, Segretario coordinatore di AiCC, nell’augurare “in bocca al lupo” ai partecipanti e confermando che lo staff AiCC segue giorno per giorno il loro lavoro, pubblicando sul sito “Buongiorno Ceramica” foto e diari dell’esperienza in corso, ha invitato i Ceramisti italiani a rileggere il bando pubblicato sul sito www.buongiornoceramica.it perché le iscrizioni per i 3 workshop previsti nel 2020 sono ancora aperte, con un prossimo gruppo, in via di selezione, in partenza a febbraio 2020.

Per informazioni sul progetto: giuseppe.olmeti@romagnafaentina.it – 320 4076432

L’Associazione Italiana Città della Ceramica – AiCC, nell’ambito delle proprie attività di tutela e promozione della ceramica artistica tradizionale italiana, in applicazione della Legge 188/90, ha sviluppato, fin dalla sua nascita nel 1999, numerosi progetti e azioni di sviluppo a supporto diretto delle Città della Ceramica,socie, ed indirettamente di tutto il settore e dei ceramisti italiani. Oltre ad attività di promozione e supporto alla commercializzazione, ha sviluppato inoltre azioni internazionali, dando vita al Gruppo Europeo di Cooperazione Territoriale “Città della Ceramica” (AEuCC) e promuovendo la nascita di Associazioni di Città della Ceramica in Francia, Spagna, Romania, Germania, Repubblica Ceca, Polonia, Portogallo ed in costituzione o in formazione in Croazia, Slovenia, Austria, Turchia, Lettonia, Lituania.
Informazioni su AiCC: www.buongiornoceramica.it

Fuping è una città nella regione dello Shaanxi di medie dimensioni per la Cina (circa 800.000 abitanti), non distante (75 km) da Xi’an, la più grande e sviluppata città nel centro della Cina nord-occidentale, una fra le prime città cinesi per popolazione, dove si trova il famoso “esercito di terracotta”.

In questa città si è sviluppato il progetto “Fuping Pottery Art Center”, con la creazione di padiglioni espositivi per la Ceramica contemporanea e l’organizzazione di una ospitalità di ceramisti provenienti da tutto il mondo: all’interno del Centro Internazionale, il Museo FLICAM ospita, in diversi settori espositivi dedicati alle varie nazioni e continenti, opere di artisti contemporanei da tutto il mondo (presenti nel padiglione italiano opere di Nino Caruso, Antonella Cimatti, Elisa Confortini, Giuliana Geronazzo, Adriano Leverone, Giorgio di Palma, Rolando Giovannini, Guido Mariani, Mirta Morigi, Nero/Alessandro Neretti, Martha Pachon Rodriguez, Francesco Raimondi, Renza Sciutto, Paolo Staccioli, Enrico Stropparo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *