domenica, Ottobre 20, 2019
Home > Rubriche > Lettere alla redazione > I nuovi menestrelli italiani: Alfano, Santachè, Bersani, Renzi, Vendola

I nuovi menestrelli italiani: Alfano, Santachè, Bersani, Renzi, Vendola

Chissà perchè in Italia tutto deve ridursi a una ‘caciara’, anche quelle rare e buone iniziative di senso liberale partecipato (esempio, come le primare USA), un ‘teatrino da avanspettacolo’ ogni giorno più deprimente, con i soliti attori politici in cerca di applausi (e, ultimamente, sempre più spesso con qualche fischio), un protagonismo fuori misura, esasperato, con una retorica parolaia altisonante, promesse nebulose, ‘un dire per non farsi comprendere’ per evitare poi impallinamenti da parte dei cittadini delusi, ‘mai detto, sentito o visto’, come e meglio delle tre scimmiette oggi lo specchio della giungla Italia.

E poi, è una storia ben nota, ogni giorno verificabile, la mediocrità, l’approssimazione, l’avidità congenita, anche la scarsità d’intelligenza, sono in Italia fattori di merito (in politica, con pochi esclusi) per fare carriera, arraffare poltrone e quant’altro. E’ l’esempio di come un abile imprenditore, poi editore, poi politico divenuto Priemer, evidentemente con un ‘quid’ superiore alla media, sia facilmente riuscito per vent’anni a raccontarci, e noi a crederci, di un’Italia come ‘il Paese delle Meraviglie di Alice’. Si parla della necessità, non più rimandabile, di un rinnovamento generazionale ma ugualmente non si vuol provvedere con concreta efficacia ad imbalsamare una volta per tutte e collocare in qualche mausoleo dell’oblio questi nostri impavidi politici. E si cavalca l’equivoco dando credito agli ultimi ‘conta o cantastorie’ apparsi sulla scena politica, al non senso del ‘tanto peggio, tanto meglio’, ben intuendo che questi ‘giovani di ventura’ mai saranno in grado di costruire l’Eden della terza Repubblica: perchè nessuno in verità la vuole o lo permetterà. Si vota Alfano nella speranza di eclissare una volta per tutte il Cavaliere, perchè Angelino (nel nome il destino), pesce tonno sacrificale, in qualunque momentro potrà essere facilmente arpionato nelle sempre più cruente mattanze del PdL; non si vota la Santachè perchè femmina e donna (due condizioni solo all’apparenza uguali), esuberante nel conclamare che Lei il … ‘quid’ cè l’ha, troppo determinata e invasiva, esente delle ‘necessarie ambiguità’ della politica gattopardiana. Non si vota Vendola in quanto funge solo da ‘pinzimonio’ all’abbuffata di un desco per altro già occupato; si vota Bersani perchè come per il Festival di Sanremo ‘Bersani è sempre Bersani’; si vota Renzi per far ‘saltare’ il banco del PD; si vota Grillo per sterile protesta e perchè ‘male che vada’ ci farà fare qualche risata essendo (anche) un discreto comico: finchè, appunto, prima o poi una ‘risata ci seppellirà’, magari nel felice risveglio del giorno dopo la ‘fine del mondo’, oppure nella tragica concomitanza dello stesso giorno, il 21 dicembre prossimo.

Gianni Gigliotti
‘presidente del ‘Movimento – Futuro è Socialismo’
www.azioneriformista.it

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *