Sabato 26 ottobre 2019, all’Hurricane club di Boffalora Sopra Ticino (MI) nel contesto del galà “Petrosyan Mania”, Chiara Vincis, nata a Savona il 17 giugno 1995, si è laureata campionessa mondiale di savate combat (nota anche come boxe francese) nella categoria 56 kg. superando ai punti la francese Flora Yanga al termine di una finale equilibrata e combattuta. Un’ulteriore gemma, la più preziosa, che va ad incastonarsi nel già ricco palmarès dell’atleta del team Kick Boxing Savate Savona allenato dal maestro Andrea Scaramozzino, che ha seguito la giovane Chiara fin dai primi passi del suo percorso in questa disciplina che, in neppure sette anni, l’ha vista raggiungere i massimi livelli, aiutata in tal senso da una determinazione non comune. E pensare che aveva iniziato come… Bé no, questo lasciamo che sia lei a raccontarlo.

 

                                                                                                                                                                                      Come sono nati la sua passione per la kickboxing e il suo desiderio di praticarla?

Si tratta di una passione nata nel gennaio del 2013, dopo otto anni durante i quali mi sono cimentata nella danza hip hop. Un giorno una mia amica mi ha spinta a provare questo sport che a suo tempo praticava anche lei e così, un po’ per gioco e un po’ per mettermi in prova con me stessa, sono entrata in palestra. Ho iniziato con la savate – simile alla kickboxing ma che si differenzia da essa per l’uso delle scarpette – e da lì è nato il mio grande amore per le discipline sportive da ring.”

 

Come è stato per lei il primo impatto con uno scenario particolarmente “tosto” come quello del ring?

 

 

“In realtà è stato un passaggio piuttosto naturale: un po’ perché ballando avevo acquisito una certa mobilità, ma soprattutto perché fin da subito avevo amato questa disciplina. Mi era piaciuta talmente tanto che non mi pesava  nessun tipo di sforzo. E ancora oggi  ho voglia di imparare cose nuove e di mettermi in gioco con me stessa.”

 

Chi sono stati i suoi primi maestri?

 

“Il primo e l’unico è Andrea Scaramozzino, che è tuttora il mio allenatore. Mi supporta in ogni cosa che faccio e riesce ad allenarmi al meglio perché conosce i miei punti deboli, le mie paure e i miei difetti e ogni volta mi sprona a colmare queste lacune. Non potrei chiedere maestro migliore.”

 

Quali sono gli insegnamenti più importanti che sente di aver ricevuto dal suo allenatore?

 

“Innanzitutto l’aver trovato la fiducia in me stessa: sembra una cosa banale, ma spesso questi sports ti fanno capire che prima, forse, non ne avevi molta, ma una volta che sali su un ring viene fuori naturalmente. E oltre a questo, il mio maestro mi ha insegnato anche la lealtà e il rispetto sportivo nei confronti delle avversarie e verso tutte le figure che compongono il nostro sport.“

 

Quali sono state le prime competizioni alle quali ha partecipato e quali le prime vittorie che ha conseguito?

 

“Dopo due mesetti in cui ho praticato la savate ho cominciato a fare i contatti leggeri, ovvero combattimenti nei quali è proibito l’uso del contatto pieno e della massima forza. Nel giro di 6-7 mesi ho dapprima sostenuto e vinto il mio primo combattimento di kickboxing da dilettante, quindi ho intrapreso il percorso che mi ha portata a diventare classe A, professionista. La prima vittoria da dilettante – così come i titoli italiani conquistati con savate, kickboxing e Muay thai, meglio conosciuta come boxe thailandese – ha avuto per me un grande significato, ma il primo combattimento davvero importante è stato quello affrontato a Nizza nel 2016, dove in palio vi era la cintura mondiale I.S.K.A. (acronimo di International Sport Kickboxing Association, la principale federazione di kickboxing) che ho vinto superando la pluricampionessa francese Nahed Kharchi: gioia al 100%. Un’altra vittoria che ricordo con grande piacere è quella ottenuta, nello stesso anno, a Biel-Bienne, in Svizzera, dove ho conquistato la cintura europea WKU (altra federazione prestigiosa) di K1 – disciplina identica alla kickboxing, ma con l’aggiunta delle ginocchiate – battendo l’elvetica Jessica Marazzi. Sono tante le vittorie che mi sono rimaste nel cuore, ma devo ricordare anche una sconfitta: nel 2017 ho provato a prendermi la cintura mondiale di K1 contro la famosissima e fortissima Anissa Meksen, un Mike Tyson al femminile, in occasione dell’Oktagon Bellator svoltosi a Torino. Venivo data per spacciata in partenza e invece, a detta di tutti, ho disputato un bel match. Cinque riprese da tre minuti contro di lei sono indubbiamente pesanti perché aveva colpi che da certi uomini non ho sentito, tirava delle tibiate che ti spostavano. Però mi ha battuta soltanto ai punti, è stato uno dei miei incontri più belli.

 

D’altra parte, spesso, è dalle sconfitte che si traggono gli insegnamenti più importanti. Detto delle soddisfazioni, quale è stata la delusione maggiore che ha dovuto superare?

 

“Dopo la sfida contro la Meksen ho combattuto a Montecarlo contro Mallaury Kalachnikoff, un’altra avversaria molto forte. Anche in quel caso  i chili di differenza erano tanti, ma ho accettato ugualmente la sfida. Sono finita al tappeto al primo round ed è stata una brutta situazione non tanto per il KO, che nello sport ci sta, quanto perché ero salita sul ring da sconfitta in partenza: la più brutta sensazione che un atleta possa provare. Però mi è servita perché mi ha fatto capire tante cose di me, tanti altri difetti che non sapevo di avere. E da lì siamo ripartiti superbene.”

 

Tornando alla kickboxing: malgrado non goda del risalto mediatico riservato agli sports più popolari è comunque abbastanza praticata. A suo giudizio, che cosa può spingere un giovane che voglia intraprendere un percorso sportivo a orientarsi verso la scelta di questa disciplina?

 

“Innanzitutto, come ho detto in precedenza, il desiderio di mettere in discussione sé stessi e uscire un pochino dagli schemi: siamo abituati a vedere i ragazzi praticare il calcio, la pallacanestro e la pallavolo, tanto per citare gli sports più diffusi. Mentre invece provando questa disciplina, oltre che fiducia in sé stessi, si acquisisce un maggiore autocontrollo: ci si accorge che molte cose scivolano addosso quando prima, magari, ci si arrabbiava per cose inutili. E poi, cosa molto importante, se praticata con passione struttura il corpo, dona una giusta linea alimentare e fa stare bene. E può davvero portare a raggiungere alti livelli.”

 

Dopo sette anni per lei così intensi e ricchi di soddisfazioni, quali sono i prossimi obiettivi che si prefigge?

 

“Il prossimo 30 novembre sosterrò a Strasburgo un incontro “prestige fight” di K1, mentre il 7 dicembre affronterò in Corsica Emma Gongora in un altro “prestige fight” della stessa disciplina. Per il resto, attualmente non ho un obiettivo vero e proprio, ma mi piacerebbe – anzi, voglio assolutamente – migliorarmi sotto tutti gli aspetti per colmare le mie lacune e diventare ancora più forte. Vorrei altresì ricordare che da tre anni tengo un corso di kickboxing e savate presso il palazzetto dello sport di Savona, dove mi alleno: le lezioni si svolgono il lunedì e il venerdì dalle 16 alle 17,30  e coinvolgono bambini dai 5 ai 12 anni che, a partire dal tredicesimo anno di età, passano al corso adulti. Per la verità abbiamo anche alcuni bambini di 4 anni perché tutto dipende dalla loro indole: può capitare che vi siano bambini di 6-7 anni più scalmanati di quelli di 4, è tutto molto generico.”

 

Come spesso accade ogni qualvolta un giovane intraprende la pratica di una disciplina sportiva, i genitori tendono a vedere nella scelta del proprio figlio la possibilità di una carriera e di un tornaconto economico a discapito dei veri valori che lo sport intende trasmettere. Anche in discipline come kickboxing e savate è riscontrabile un atteggiamento analogo da parte degli adulti?

 

“In realtà questo aspetto lo noto molto di più negli sports principali, in primis il calcio. Nelle nostre discipline è molto meno visibile; anzi, direi che da quando ho aperto il corso non l’ho mai notato. I genitori sono molto contenti perché vedono i bambini che si divertono e, man mano che crescono, iniziano a sapersi difendere. Ovviamente per i più piccoli il corso viene proposto principalmente sotto l’aspetto ludico e se ne cambia l’impostazione quando diventano più grandicelli. E di solito, motivo per me di grande soddisfazione, i bambini escono entusiasti.”

 

A differenza dei suoi piccoli allievi, come ricordato, lei ha invece scoperto e deciso di praticare la kickboxing alle soglie della maggiore età. Una scelta condivisa dai suoi genitori oppure no?

 

“Mio padre mi ha sempre appoggiata e se potesse mi seguirebbe in capo al mondo; mia madre, invece, ha messo il bollino nero su questo sport e non lo ha tolto neppure oggi. Per carità, è contenta quando vinco e mi sostiene per ogni mio impegno, ma sarebbe più contenta se facessi altro; e se viene a vedermi guarda il primo round e poi scappa via. Però il 27 ottobre è venuta, l’ho trascinata!”