Sport

I Personaggi de L’Eco – Linda Cerruti

Linda Cerruti ha tenuto il corso on line organizzato dalla Rari Nantes Savona

Linda Cerruti è ormai per tutti la “reginetta” del nuoto sincronizzato italiano. Nata a Savona il 7 ottobre 1993, ha raccolto i primi successi a partire dal 2004, anno in cui ha preso parte ai campionati italiani categoria esordienti. Dopo una serie di affermazioni ai campionati italiani di categoria, nel 2009 è giunto per lei il momento del debutto ai campionati europei giovanili dove si è classificata quinta nelle quattro specialità (singolo, duo, squadre e combinato a squadre). Nel 2010, dopo essersi aggiudicata due bronzi agli Europei giovanili di Tampere nel singolo e nel combinato a squadre (dove compariva tra le riserve), ha ottenuto il sesto posto nel singolo agli Europei assoluti di Budapest e, sempre in quello stesso anno, ha altresì partecipato ai Mondiali giovanili disputati a Indianapolis. Nel 2011, da giovane promessa nonché fresca vincitrice del suo primo titolo italiano da singolista, inizia così a imporsi tra le sincronette italiane di punta a livello internazionale: a Belgrado, in occasione della sua ultima partecipazione agli Europei giovanili, conquista la sua prima medaglia d’argento (nel singolo), alla quale aggiunge il bronzo nel combinato a squadre; quindi esordisce ai campionati mondiali assoluti di Shanghai ottenendo il nono posto nel singolo tecnico nonostante fosse febbricitante, mentre si piazza settima nel singolo.
Sono solo alcune delle “prime volte” di una carriera costellata da 45 titoli italiani (17 nel singolo, 17 nel duo tutti insieme a Costanza Ferro, 6 nella competizione a squadre, 5 nel libero combinato), tre medaglie d’argento agli Europei (a Londra 2016 nella gara a squadre programma libero e Glasgow 2018 nel singolo programma libero e nel libero combinato), una ai Mondiali (a Gwangju 2019 nell’highlight) e una, come già ricordato, agli Europei giovanili di Belgrado 2011, oltre a 13 bronzi conquistati agli Europei (a Eindhoven 2012 e Berlino 2014 nel libero combinato, Londra 2016 nel singolo programma tecnico e libero, nel duo programma tecnico e libero, nella gara a squadre programma tecnico e nel libero combinato e Glasgow 2018 nel singolo programma tecnico, nel duo programma tecnico e libero e nella gara a squadre programma tecnico e libero), due alle Universiadi (a Kazan’ 2013 nel singolo e nel duo) e i tre, già ricordati, agli Europei giovanili. E di sogni sempre nuovi da coltivare…

Linda, come e quando sono nati la sua passione per lo sport e il suo desiderio di praticarlo?

«Ho iniziato a praticare il nuoto sincronizzato per puro caso. Presso la società dove stavo imparando a nuotare era stato appena aperto il settore del nuoto sincronizzato, i dirigenti avevano chiesto a me e a una mia amica se avessimo voluto provare. Con il sincro è stato subito amore e da allora non l’ho mai più mollato: mi sentivo tipo… la sirenetta, per me era completamente un gioco, un modo per andare in piscina e divertirmi.»

Chi sono stati i suoi primi maestri?

«La mia prima allenatrice è stata Laura Vecchietti del Doria Nuoto Loano. L’anno successivo mi sono trasferita alla Rari Nantes Savona perché a Loano era stato chiuso il settore sincro e mi era stato consigliato di andare a Savona se avessi voluto continuare. »

Quale è stata la sua prima “vetrina” importante, la prima grande occasione per mettere in mostra le sue qualità?

«Sono entrata nella Nazionale giovanile nell’ultimo anno categoria Ragazze: avevo 14 anni, facevo già il doppio con Costanza Ferro e insieme abbiamo partecipato alla Coppa Comen in Israele, la cosiddetta Coppa del Mediterraneo. L’anno dopo sono approdata alla Nazionale juniores: il primo anno gareggiavo già in singolo, doppio, squadra e in tutti gli esercizi, mentre durante il secondo mi è arrivata la prima convocazione nella Nazionale assoluta con la quale, nel 2010 a Budapest, ho debuttato ai campionati europei assoluti. Avevo 16 anni.»

Quali sono state le prime soddisfazioni che la sua carriera le ha regalato?

«La primissima l’ho avuta a 7-8 anni, quando ancora facevo parte della categoria Esordienti B. Per quella categoria non ci sono i campionati italiani ma solo quelli regionali, e ogni regione ha una sua rappresentativa: io e Costanza eravamo state scelte per il doppio e, insieme a un’altra nostra compagna, per il trio. Naturalmente le prime medaglie europee nella categoria Junior hanno rappresentato per me una grande soddisfazione, ma quelle competizioni a cui ho partecipato da piccola restano un’emozione unica.»

E i risultati di maggior rilievo che ha ottenuto?

«Certamente l’argento mondiale a Gwangju 2019, gli argenti e i bronzi europei di Glasgow 2018 e Londra 2016. Poi la qualificazione olimpica a Rio 2016 e la partecipazione alle Olimpiadi.»

A quale dei successi sportivi fin qui raggiunti è maggiormente legata?

«Diciamo che non ce n’è uno in particolare perché me li porto tutti nel cuore con grandissime emozioni. È comunque ovvio che le Olimpiadi rappresentino qualcosa in più, così come tutte le gare che mi hanno regalato soddisfazioni e medaglie.»

Quali sono i prossimi traguardi che si prefigge?

«Con l’emergenza Coronavirus gli impegni in programma quest’anno sono slittati tutti al prossimo. Di conseguenza saremo ancora più concentrate sulla qualificazione olimpica, gli Europei e le Olimpiadi.»

E io, naturalmente, non posso che farvi i miei migliori auguri dal più profondo del cuore. Per concludere, Linda: a chi sente di chi sente di dover dire maggiormente “grazie”?

«Quando un’atleta riesce ad arrivare ad alti livelli penso che debba ringraziare veramente tantissime persone e io, se dovessi elencare tutti, non finirei più. Sicuramente un “grazie” gigante va alla mia società, la Rari Nantes Savona, perché mi ha permesso di allenarmi con tecnici molto validi che mi hanno portata a essere dove sono adesso e dato stimoli nei momenti in cui, magari, era un po’ più difficile andare avanti: senza di loro non avrei mai raggiunto certi risultati. Un altro “grazie” va certamente alla mia famiglia: sappiamo bene che in Italia praticare sport non è mai facile per i giovani, dovendo conciliare tali impegni con quelli scolastici. Quando poi, come nel mio caso, si vive in una località diversa da quella dove si trova la piscina, ecco che le cose apparentemente piccole come portare avanti e indietro agli allenamenti, aiutare nella preparazione della valigia prima di partire per le gare e dare una parola di conforto diventano invece molto importanti. Infine, devo ringraziare tutti i fans che mi hanno seguita fin da piccola: mi scrivono prima di una gara, mi fanno i complimenti quando torno a casa, dandomi ogni volta quella spinta e quella carica in più necessarie per affrontare ogni impegno. Ma i messaggi più graditi sono quelli delle bambine che seguo, sono troppo carini.»

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: