domenica, Giugno 16, 2019
Home > Rubriche > Personaggi > I personaggi dell’Eco – Intervista a Chiara Bruzzese

I personaggi dell’Eco – Intervista a Chiara Bruzzese

Per Chiara Bruzzese, campionessa europea di freestyle  weelchair dance, lo sport è sempre stato presente e importante fin dalla più tenera età. “Ho iniziato con il nuoto: due volte alla settimana, sia con il freddo che con il caldo, ero in vasca e devo dire che stavo per diventare un pesce. Non per gare o altro, ma per aiutarmi a diventare più robusta e per la mia motricità. Poi ho iniziato anche a cavalcare un bellissimo pony che mio nonno mi aveva regalato e dal pony sono passata al cavallo, con vari corsi di equitazione che mi servivano sia come riabilitazione sia ai fini dell’inserimento in un gruppo per partecipare a gare. Anche durante la vacanze, sia estive che invernali, mi sono sempre cimentata in discipline sportive: sci, rafting, arco, roccia e tanti parchi avventura. Insomma, il mio motto – preso in prestito da un’associazione che frequento – è: ‘Se posso fare questo posso fare tutto’. Crescendo ho un po’ abbandonato questi sports e mi sono innamorata della danza perché la musica non mi bastava più. E quando, per caso, ho visto ballare in carrozzina è stata subito una folgorazione: ad una manifestaziuone sportiva ho conosciuto Enrico e con lui è iniziato il mio percorso nella danza, preludio all’ingresso nell’ASD Semplicente Danza e nel corso di danza paralimpica seguito dal coreografo e maestro Edo Pampuro: grazie a lui, alla sua grande conoscenza e bravura, ho partecipato a  gare e ho vinto tante medaglie”.

Chiara, quando hai compreso che la danza poteva rappresentare per te molto più di uno svago?

 “La musica è sempre stata la mia più grande passione, qualsiasi tipo mi affascina e fa sognare.  Crescendo con la musica ho avvicinato la danza guardando films musicali; così la passione è cresciuta e ho scoperto che esisteva anche la danza paralimpica. Probabilmente ho preso da mio padre che è stato ballerino in una compagnia di Genova, ma, sì, ho in me i geni della danza. Che, va detto, al pari di ogni disciplina sportiva è fatta di fatica e prove.”

E poiché tu, come già ricordato, in precedenza avevi praticato altri sports ne eri ben consapevole…

“Ho praticato equitazione e la pratico ancora, anche se molto meno, partecipando agli Special Olympics ad Arezzo e poi a Varese, vincendo due medaglie d’oro nel dressage. Poi ho lasciato le gare di equitazione e mi sono dedicata alla danza. All’inizio ho avuto alcune difficoltà: non sapevo come spingermi perché un conto è spingersi tutti i giorni per andare a passeggio, un altro sono le spinte da danza che costringono quasi a reimparare tutto. Ma grazie all’aiuto di tutti ci sono riuscita. Nel 2016 ho partecipato per la prima volta nel Duo in carrozzina ai campionati italiani a Rimini ed è stata la prima vittoria: ho pianto ed esultato di gioia, ho capito che la danza paralimpica era entrata  nella mia vita ed avrei continuato cercando di migliorarmi sempre di più. L’anno dopo ho nuovamente partecipato ai campionati italiani a Rimini nel Duo in carrozzina con Enrico e in una nuova specialità, cioè nel Combi: io in carrozzina ed una ballerina. È stata una vittoria: due primi posti, ero felice e motivata sempre di più a continuare. Qui inizia la mia grande avventura nella danza, perché queste vittorie mi portano ad impegnarmi sempre di più e a partecipare ad altre competizioni e gare. La vittoria dei campionati italiani a Rimini mi ha portato alla convocazione con la Nazionale paralimpica ed al mio esordio in campo internazionale, a giugno 2018 nel Freestyle Duo Class 1 – una delle tre specialità della danza paralimpica – al Para Dance Sport Polish Open in Polonia insieme ad Enrico Gazzola, altro ballerino in carrozzina. È stata una esperienza unica ed anche inaspettata per la nostra vittoria: un primo posto, oro, coppa, tanta felicità e tanta emozione. Mai, in precedenza, era stato suonato l’inno italiano nella storia di questa disciplina. L’anno appena passato è stato una grande sorpresa perché ho avuto la fortuna di ballare in coppia con Davide, un grande ballerino, maestro coreografo di danza classica e contemporanea: abbiamo partecipato a diverse gare italiane ed internazionali ottenendo grandi risultati e complimenti.”

Quali sono le altre specialità?

“Oltre al Duo (due carrozzine), le altre specialità sono il Solo (io in carrozzina) e il Combi (io in carrozzina e un ballerino-a). Ho iniziato  con il Duo e circa un anno fa ho cominciato a fare il Solo, il pezzo in cui sei sola con la tua carrozzina e devi avere la massima concentrazione perché i punti  di riferimento e la pista sono tutti tuoi e quindi devi occupare tutta la scena sapendo che tutti ti guardano. Molto difficile è stato all’inizio, però la soddisfazione è tanta. Il Combi, invece, lo ballo assieme ad un ballerino in piedi che si trova a gestire i suoi movimenti con gli spazi della carrozzina  dovendo far attenzione alle ruote. E lo stesso vale anche per me.”

Per concludere, Chiara: quale consiglio ti sentiresti di dare a persone afflitte da questo tipo di problema affinché non si sentano sole?

“Di fare ciò che ho fatto io: non stare in casa, non rinchiudersi in sé stessi, ma dedicarsi a ciò che può far stare bene. E di stare in mezzo agli altri e stringere amicizie, perché più si sta soli e peggio è. D’altra parte lo scopo dello sport è proprio questo: aiutare a relazionarsi con le persone per creare squadra e creare gruppo. Penso ai ballerini del nostro settore che gareggiano ai massimi livelli: mettono una grazia ed una leggerezza nei movimenti pensando al dolore che possono provare in quel momento perché comunque fanno cose difficili, che probabilmente sono contro la loro patologia. Ma il sorriso con cui le fanno fa sembrare che tutto sia semplice quando in realtà non è così: per riuscire a compiere certi movimenti è necessario tantissimo tempo fatto di allenamenti, sforzi, fatica e dolore. Ma senza far mai vedere tutto questo agli altri; come… tutti i ballerini, che fanno sembrare facili le cose difficili. Io sono contenta di far parte di questo gruppo un po’… pazzo. Come quando, a novembre 2018, siamo usciti dal palazzo di Bratislava dopo aver vinto tutti i primi premi – premiati dal presidente della Repubblica Slovacca e alla presenza del ministro dello sport e degli ambasciatori di Belgio e Polonia – abbiamo contato fino a tre e poi, con un urlo liberatorio, abbiamo sfogato tutta la nostra gioia continuando anche in pulmino durante il viaggio di ritorno. Io, che per la prima volta mi recavo a Bratislava, non immaginavo che quel palazzo fosse così bello: sembrava quello della principessa Sissi. Ora la speranza è di ripetere quell’impresa e di portare nuovamente a casa l’oro, ma prima ci sono i campionati assoluti a Rimini che ci serviranno per qualificarci alle gare internazionali; poi avremo i campionati regionali e il trofeo Mare Monti che sono altrettanto importanti, saremo ospiti di qualche manifestazione… insomma, tanta carne al fuoco. E poi mi arriverà la nuova carrozzina da danza, più leggera e con ruote diverse, con la quale mi allenerò per… volare verso traguardi ancora più prestigiosi”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *