domenica, Marzo 24, 2019
Home > Rubriche > Personaggi > I personaggi dell’Eco – Intervista a Francesca Auxilia

I personaggi dell’Eco – Intervista a Francesca Auxilia


di BORIS CARTA - 3 Gennaio 2019, 13:07

Un altro gioiello dell’ASD Semplicemente Danza di Savona è di scena. E non si potrebbe parlare che di gioiello quando c’è da presentare una… medaglia d’oro come quella che Francesca Auxilia, in coppia con Matteo Negro, ha conquistato nella categoria danze Latino Americane Combi blind della Cup of Nations svoltasi a Bratislava nel novembre del 2018. “Esattamente il 3 novembre. Una grandissima soddisfazione perché è stata una medaglia sofferta, arrivata dopo tanto lavoro, tanti sacrifici e tanto impegno, ma soprattutto dopo averci sempre creduto perché il mio motto è crederci sempre: chi vuole raggiungere un obbiettivo può raggiungerlo, ma soltanto volendolo intensamente. Io, con tutta me stessa, volevo far bene a questa gara ed il risultato è stato grandioso quanto inaspettato: dopo il quarto posto dello scorso anno miravo anche solo al terzo gradino in modo da dire che ero migliorata perché dopo aver lavorato tanto si desidera vedere un risultato, anche se non bisogna basarsi soltanto sul piazzamento quando si prende parte alle competizioni. Indubbiamente è il risultato che permette di capire se vi sono stati miglioramenti, ma io, pur essendo passata dal quarto al primo posto, non mi considero arrivata: credo che ogni volta si debba ripartire da zero e ricominciare il lavoro cercando di fortificare tutto ciò che è stato imparato prima”. Archiviata la gioia del trionfo, risuonano ancora di palpabile emozione e di sacrosanto orgoglio le parole di Francesca nel raccontare il raggiungimento del punto più alto della sua parabola sportiva. Ma… come tutto ebbe inizio?  È il momento di scoprirlo.

Francesca, in quale circostanza si è concretizzato il suo avvicinamento alla danza?

“Dall’età di 7-8 anni fino alla seconda media ho fatto danza classica e danza moderna. Mi sono dovuta a fermare a causa del mio problema visivo che inizialmente era presente in maniera molto lieve, ma con il passare del tempo è andato peggiorando costringendomi, con grande sofferenza, ad abbandonare la mia passione. Da bambina avevo giurato che mai avrei lasciato la danza: come per tante altre bambine, il mio sogno era danzare, per emozionare me e per cercare di emozionare anche gli altri. E questa interruzione forzata è stata un grande dolore non solo per me, ma anche per i miei genitori, che sapevano quanto tenessi a tutto ciò. Anche le mie insegnanti sono rimaste scioccate dalla decisione che ho dovuto prendere, ma questo problema – per di più arrivato in un’età non facile come l’adolescenza – era più grosso di me. Tuttavia il sogno della danza, specialmente quella di coppia, mi è sempre rimasto dentro. Poi ho avuto la fortuna di conoscere Luisella Frumento, che caratterialmente mi somiglia molto – entrambe siamo molto sensibili, ma anche molto tenaci – e nel 2017 sono arrivata alla Semplicemente Danza. Vi sono entrata in uno stato abbastanza disastroso: soffrivo di attacchi di panico e forti disturbi legati all’ansia, avvertivo un tremendo malessere e un grande desiderio di solitudine. Piano piano, però, ho cominciato a liberarmi un ‘sacchetto’ alla volta da quello che pesava sul mio corpo e sulla mia anima. È stata dura, Luisella ha impiegato quasi un anno e mezzo per convincermi a mettermi in gioco, anche perché in quel periodo frequentavo l’Università e lo studio era sempre stato la mia priorità. Nel 2015 mi sono laureata in pedagogia con 110 e lode, dopodiché ho trascorso un anno in una sorta di limbo, come se fossi finita in una gabbia: non sapere come uscire, sentirmi sempre più stretta, soffocare. E so che questa sensazione l’ha provata anche Luisella. Con il tempo ho capito che questi miei attacchi di panico erano l’espressione fisica di un qualcosa che avevo dentro e piano piano, liberandomene, ho ricostruito la mia vita ed oggi sono una persona serena. Sia chiaro, anch’io ho le mie paure, ma la mia vita è cambiata perché io sono cambiata: vivo da sola, ho raggiunto la mia autonomia e mi sento una donna libera, quella che non ero assolutamente fino ad un anno prima. Per me il ballo è stato la cura e ha dato effetti ai quali, se me l’avessero detto, non avrei creduto. Qui ho trovato una famiglia e questo mi ha aiutato a liberarmi, ad uscire da questa gabbia capendo che la chiave ero io, mentre io credevo che la soluzione per uscirne fosse fuori. Invece la soluzione ero io, sono stata io ad aprire la gabbia e ad uscire. Questo è stato l’insegnamento più grande che ho ricevuto e che vorrei poter dare sia alle persone disabili come me che a tutte quelle che si trovano in momenti di difficoltà e di chiusura: la soluzione siamo sempre noi. Gli altri ti possono aiutare da fuori – per me il mezzo è stato la danza – ma non possono entrare dentro la tua scatola: lì ci sei solo tu e se tu a doverla aprire.”

Da quanto tempo, prima che entrasse a far parte dell’ASD Semplicemente Danza, non si era più dedicata alla sua grande passione?

“Avevo smesso a 12 anni ed ho ripreso a 26, per cui sono trascorsi la bellezza di 14 anni. Nonostante questo lungo periodo, tuttavia, avevo continuato a coltivare questo sogno e sentivo che prima o poi sarebbe sbocciato. Ho dovuto lottare contro tantissime resistenze, non solo mie ma anche della mia famiglia, ma ho deciso di mettere da parte un pochino tutto e di ascoltare me stessa, di fare ciò che in quel momento mi rendeva felice e adesso mai tornerei indietro. È stata una cura che ho seguito con costanza: tantissime volte avrei voluto telefonare al mio maestro e dirgli che non mi sentivo bene e non riuscivo a venire, ma sapevo che questo sarebbe stato un fallimento. Infatti ho saltato, forse, soltanto una o due volte perché proprio non mi sentivo. Ero venuta qui soltanto per svolgere un’ora o due alla settimana di attività sportiva ed invece sono finita dentro all’agonismo, truccata e ben vestita, per prendere parte, due mesi dopo, alla mia prima competizione: un autentico crescendo. Probabilmente il mio malessere derivava dal fatto che non ero libera e non ero padrona di fare niente perché per andare da qualsiasi parte avevo bisogno di qualcuno e da sola non riuscivo ad essere quella che avrei voluto: il bisogno di avere sempre qualcuno per fare qualsiasi cosa era per me frustrante. Invece, nel giro di un anno, sono andata a vivere da sola e adesso ho la mia vita, le mie amicizie e vivo una relazione sentimentale. E, naturalmente, ho una grinta e una tenacia che mi caratterizzano da quando sono nata e senza le quali, mi dico sempre, non avrei raggiunto nessun traguardo nella vita: ho sempre messo impegno in tutto ciò che ho fatto e i risultati sono arrivati.”

Quali sono state, nell’ambito di questa associazione, le persone che maggiormente l’hanno aiutata ad uscire dalla “gabbia” e a credere pienamente nelle sue potenzialità?

“In primo luogo Luisella, che è stata… il mio Virgilio in questa selva oscura, la luce che mi ha sempre guidata. Poi il mio insegnante Fabrizio Pani, il mio… Geppetto che mi ha creata giorno per giorno sia mentalmente che fisicamente: grazie a lui sono molto migliorata e sono tornata ad assere quella che ero. Io ero sempre stata una bambina e ragazzina molto sportiva ed avevo un bel fisico; non è che in precedenza mi fossi trascurata, ma è grazie alla danza se oggi mi sento bene sia dal punto di vista mentale che da quello fisico. Ma mi rendo conto che il mio sentirmi bene fisicamente è dovuto al fatto che prima di tutto mi sento bene mentalmente e il fisico, di conseguenza, ne risponde. Quindi Giulia Dotta, altra insegnante che ha sempre creduto in me, e sicuramente il mio ballerino Matteo Negro, giovanissimo – quando sono arrivata qui aveva 16 anni, oggi ne ha 18 – ma dotato di una sensibilità che mi ha permesso di raggiungere in poco tempo un buon feeling con lui, nonostante non vi siano molte occasioni per allenarci in quanto lui studia ancora. E poi tutte le persone che ne fanno parte, perché Semplicemente Danza non è solo ballo: appartenervi significa anche organizzare eventi insieme, andare a mangiare una pizza, chiamare e trovare persone pronte a rispondere ogni volta che qualcuno ha un problema. E a fare da sfondo, naturalmente, c’è sempre la la danza, la grande passione che lega tutti noi appartenenti a questa famiglia. Perché Semplicemente Danza è una famiglia.”

Quale è stata la prima competizione alla quale ha partecipato e con quale spirito l’ha affrontata?

“La primissima è stata il campionato regionale del 2017, praticamente due mesi dopo che era iniziata la mia avventura alla Semplicemente Danza. Ma in quell’anno ho preso parte per la prima volta anche al campionato nazionale svoltosi in luglio alla Fiera di Rimini. Una bella soddisfazione ed una grande emozione, nonostante fossi molto frastornata da quell’ambiente enorme e per me nuovo: tantissima gente, tantissimi ballerini – trentatremila (!) – per un evento del quale non si può immaginare la grandiosità se non si è presenti. E poi banchetti di ogni genere: dai vestiti ai gioielli, dalle scarpe ai brillantini e tantissimi truccatori, parrucchieri, estetiste… Insomma, veramente un mondo nel quale, per quindici giorni, si ballano in contemporanea discipline diverse in otto padiglioni. Però io ho sempre affrontato tutto con il sorriso e la tranquillità, mi sentivo come scaraventata dentro un sogno e mi chiedevo se prima o poi non sarebbe finito. Invece il sogno continuava ed ecco che, a novembre del 2017, andiamo a Bratislava per  la prima edizione della Coppa delle Nazioni: un’esperienza ancora più bella perché ci trovavamo all’estero, in un palazzo molto elegante. Tuttavia mi viene da dire che, man mano che il tempo passa, mi sento sempre più forte e riesco a godere veramente il momento in cui mi trovo: ad esempio, sia a Rimini che a Bratislava, mentre aspettavo il mio turno per andare in pista ballavo, ridevo e scherzavo dietro le quinte così come facevano gli altri, perché il nostro è un gruppo molto unito e siamo sempre tutti insieme a farci coraggio l’un l’altro. Il primo viaggio a Bratislava, poi, era stato particolarmente bello poiché lo avevamo fatto con il pulmino che ci aveva messo a disposizione Lorenzo Carlini, il presidente dell’associazione: abbiamo cantato, giocato, fatto di tutto. Come fosse una gita. Al ritorno ero molto amareggiata perché il quarto posto ottenuto non era il risultato che avevo auspicato, ma – secondo una frase che ho avuto modo di ascoltare da un programma sportivo in televisione – è dalle sconfitte che si impara.  È una questione di testa più che di allenamento, è fondamentale sentirsi bene mentalmente. E difatti, un anno dopo, sono tornata a Bratislava tranquillissima. Certo, dietro le quinte un po’ di agitazione c’era – non mi trovavo a fare la spesa al supermercato, ma a ballare davanti a giudici, al presidente della Repubblica slovacco e a numerose autorità – ma mi sentivo al posto giusto nel momento giusto ed ero felice, come testimoniano i video relativi al momento della vittoria. La cosa comica era il fatto che, poiché si parlava in una lingua che non conoscevamo, l’unica cosa che capivamo erano i nostri nomi: la premiazione cominciava dagli ultimi classificati ed io e Matteo non venivamo nominati. Si giunge alla premiazione del quarto posto e penso: ‘Adesso chiameranno noi’. Niente. Premiano il terzo e non ci chiamano. Allora mi giro verso il mio ballerino e dico: ‘Urca, addirittura secondi o primi!’. Quando  sono stati annunciati i nomi dei secondi classificati e ho sentito che non eravamo noi sono scoppiata in un pianto liberatorio, ero talmente emozionata che al momento di ritirare il premio non riuscivo nemmeno a tenerlo tra le mani, tanto mi tremavano. Ero contenta anche per il mio ballerino, perché lui lo è sempre di tutto quello che facciamo: Matteo è un ballerino di classe internazionale che in questo momento gareggia per l’Irlanda, e per un ragazzo così giovane una medaglia d’oro è un traguardo di assoluto rilievo. Tuttavia – io mi metto anche nei suoi panni – sono convinta che ballando con me si senta più responsabilizzato perché sa che è una cosa diversa: quando scende in pista sa benissimo quello che io devo fare e sa che io lo so fare, ma è comunque lui il responsabile della coppia perché io non posso averne il controllo in pista. Ci sono altre coppie che ballano ed è lui che deve stare attento, sapersi mettere nel posto giusto e guardare che gli altri non vengano addosso, perché capita di scontrarsi mentre si balla a coppie. E direi che per lui sia una grande responsabilità anche quella di portare il nostro messaggio, quello con cui balliamo: se vuoi puoi. Lo diciamo sempre io e Luisella: volere e potere e anche volare. Nella vita bisogna anche sognare ed io vivo tutto come un sogno; senza bisogno di svegliarmi, perché sono già sveglia nella realtà.”

Realtà che sembra dire che la danza sia ormai qualcosa di più di una passione per lei…

“È un punto da cui partire.  È ovvio che la vita sia al di fuori di questa sala da ballo, ma è soprattutto qui – e quando sono arrivata era solo qui – che riesco a trovare questo senso di pace che adesso, per fortuna, avverto ovunque. Sto già lavorando per le competizioni future: al momento del mio arrivo erano pochissime ad essere riservate ai non vedenti, ma poiché adesso si stanno aprendo tantissime strade io e Luisella abbiamo la valigia sempre pronta. Con dentro tutto.”

Allora, a questo punto, quali traguardi si prefigge?

“Sicuramente torneremo a Rimini per il campionato italiano. Ho sentito dire che nell’aprile del 2019 si svolgerà una competizione in Olanda alla quale mi auguro di poter partecipare. E poi si vedrà. Ripeto: quando, nel gennaio del 2017, sono arrivata qui non avrei mai pensato di fare tutto quello che ho fatto. Le occasioni si sono presentate man mano, il mio è stato un lavoro costante che comunque serve sempre e che quando arrivano le competizioni si intensifica. Chiaramente i miei progetti sono anche a livello lavorativo poiché sono sempre alla ricerca di un’occupazione, ma fortunatamente ho questo sfogo rappresentato dalla danza e dall’attività sportiva che mi permette di sentirmi viva in attesa di quello che sarà il mio futuro nel lavoro.”

Per concludere, Francesca: a chi si sente di dover dire grazie?

“Innanzitutto ai miei genitori, perché anche loro si sono lasciati trascinare da me e sono stati al gioco: per loro era una cosa incredibile che io facessi tutto questo, ritenevano impensabile che potessi prendere e andare in giro per l’Italia e all’estero per una gara di ballo. Ma anche loro ormai ci hanno preso gusto. E poi devo ringraziare Luisella e tutta la Semplicemente Danza per avermi dato la possibilità di essere quella che sono, perché non è facile trovare ambienti in cui sentirsi veramente liberi di essere ciò che si è. Ma quando sei nell’ambiente giusto con le persone giuste, che credono in te e in quello che stai facendo e che ti stimolano, è tutto più facile.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *