lunedì, Giugno 24, 2019
Home > Economia > I prodotti tradizionali dell’agroalimentare ligure sfiorano quota trecento

I prodotti tradizionali dell’agroalimentare ligure sfiorano quota trecento

L’Italia ha conquistato il record mondiale per varietà ed ampiezza di patrimonio agroalimentare con le sue più di 5 mila specialità alimentari tradizionali presenti su tutto il territorio. Il numero delle tipicità regionali è passato dalle iniziali 2.188 (dato del primo censimento nel 2000) alle 5.047 attuali con un aumento del 131% dei prodotti salvati dal rischio di estinzione. I risultati del censimento 2017 sono stati presentati in occasione dell’apertura del Villaggio contadino della Coldiretti sul lungomare Caracciolo, a Napoli.

“Anche la nostra regione – afferma il direttore di Coldiretti Liguria, Enzo Pagliano – nonostante la ridotta estensione del territorio, ha un rilevante numero numero di varietà alimentari. Sono 294 i prodotti che rispecchiano la nostra terra e che l’hanno resa famosa in tutto il mondo, oltre che per il mare anche per la cucina: si va dalla verdura (fagiolo cannellino della Val di Vara, pomodori), al pesce (stoccafisso, acciughe di Monterosso) dai formaggi (caprino di malga, mozzarella di Brugnato, prescinseua) ai salumi (salame genovese, testa in cassetta), dalle salse (pesto, sugo alla genovese) ai dolci (pandolce, castagnaccio). Chi non conosce – aggiunge Pagliano – la focaccia genovese, l’oliva taggiasca, la torta di riso e i prodotti della terra come la varietà di pomodoro cuore di bue o la patata quarantina. Sono tutti prodotti che rappresentano una determinata zona della Liguria, ma molti altri sono quelli meno conosciuti ma comunque da difendere e valorizzare, come l’asparago violetto d’Albenga, unico nel suo genere, il carciofo spinoso, la carne di cabannina, il chinotto di Savona.”

“Dietro ogni prodotto c’è una storia, una cultura ed una tradizione – afferma il presidente di Coldiretti Liguria, Gerolamo Calleri –  che è rimasta viva nel tempo ed esprime al meglio la realtà del territorio. Al Villaggio Coldiretti di Napoli abbiamo presentato prodotti liguri quali il basilico genovese, la mozzarella di Brugnato, i canestrelli di Acquasanta e molto altro ancora per permettere a tutti di conoscere un po’ meglio la nostra cucina”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *