domenica, Febbraio 23, 2020
Home > Cultura e Musica > I terribili venti mesi: non solo i partigiani

I terribili venti mesi: non solo i partigiani

Riceviamo e pubblichiamo un testo ed alcune tavole di Igor Belansky

L’ESERCITO DEL SUD

Quando si parla di Resistenza, si parla poco del Regio Esercito, il cosiddetto Esercito del Sud, che si battè con valore contro l’esercito tedesco, cosa estremamente difficile. Il 14 ottobre 1943, quello che rimaneva del regno d’Italia dichiara guerra alla Germania.

Soldato italiano a Montelungo

Una forza di circa cinquemila soldati, al comando del generale Utili, ha il suo battesimo del fuoco a Montelungo, vicino a Caserta. Dopo essere stati respinti con gravi perdite, successivamente, grazie all’appoggio alleato e ad una maggiore coordinazione, la posizione viene conquistata.

Gen. Giovanni Messe

Dopo alcuni altri scontri l’Esercito del Sud viene ingrandito e riorganizzato. I britannici forniscono l’equipaggiamento.
Sulla Linea Gotica, dopo un periodo di addestramento, i soldati italiani, al comando del maresciallo Messe, si batterono con valore. Ne testimonia il fatto che, conquistata Bologna, a entrare per primi in città sono i soldati di Messe. Un segno di riconoscimento da parte degli Alleati.

E’ un peccato che di questa campagna militare si è parlato poco. Il valore dei soldati italiani, secondo me, non meritava tutto ciò.

Umberto II

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *