giovedì, Agosto 22, 2019
Home > Attualità > Ictus e stroke unit, lotta contro il tempo

Ictus e stroke unit, lotta contro il tempo

Si è celebrato nel mondo la VII Giornata Mondiale contro l’ICTUS Cerebrale. L’iniziativa è stata promossa dalla World Stroke Organization che ha utilizzato la parola d’ordine “ONE IN SIX” per spiegare che nel mondo, 1 persona su 6 avrà un ictus, nell’arco della sua vita, indipendentemente dall’età o dal sesso. L’ictus colpisce una persona ogni 2 SECONDI. Un messaggio forte che rende, seppur affidandosi alla statistica, l’importanza epidemiologica della patologia. Anche l’ASL 2 Savonese ha aderito con iniziative rivolte alla cittadinanza ponendosi l’obiettivo di sensibilizzare e informare la popolazione presso gli ospedali di Savona e Pietra Ligure.

L’ictus – stroke –è definito dalla OMS come “L’improvvisa comparsa di segni e/o sintomi riferibili a deficit focale e/o globale – coma – delle funzioni cerebrali, di durata superiore alle 24 ore o a esito infausto e non attribuibile ad altra causa apparente se non a vasculopatia cerebrale”. Con il termine TIA si intende un attacco transitorio, della durata inferiore alle 24 ore. In Italia ogni giorno l’ictus colpisce circa 660 persone, 200.000 ogni anno: di queste, 40.000 muoiono entro breve termine e altre 40.000 perdono completamente l’autosufficienza, cambiando radicalmente la loro vita e quella delle loro famiglie. Ma ora si sa, e le più recenti terapie lo confermano, che l’ictus è una patologia curabile e soprattutto prevenibile ed è quindi di fondamentale importanza che questo vitale messaggio e soprattutto questa consapevolezza raggiungano sempre più persone nel mondo. C’è anche da considerare che l’ictus può colpire persone giovani (circa 4.200 con età inferiore ai 45 anni) e che vi sono differenze di genere che rendono il peso dell’ictus diverso nelle donne, sia come pazienti sia come figure di accudimento, differente da quello degli uomini. Indispensabile l’azione preventiva atta a ridurre quei fattori di rischio modificabili quali : l’ipertensione, il fumo, il diabete, dislipidemie e sindrome metabolica; legati quindi per lo più allo stile di vita. Negli ultimi anni, al fianco dei fattori di rischio più tradizionali è andata ad aggiungersi il possibile ruolo dell’aumento della omocisteina nel plasma. Esistono poi delle condizioni come la Fibrillazione Atriale che aumenta di cinque volte il rischio di ictus. Questa è una forma di aritmia cardiaca che si manifesta con piccole ed irregolari contrazioni atriali che si susseguono. Tali possono risultare inefficaci nello spostare il sangue verso il ventricolo determinando la “stagnazione” del medesimo con il rischio di formazione di coaguli da cui si possono staccare frammenti che vanno ad embolizzare ed occludere i vasi.  Di fronte a episodi di ictus acuto l’approccio terapeutico ad oggi più efficace è la rapidità d’intervento, ossia il fattore tempo, indirizzando da subito il ricovero presso una Stroke Unit: unità specifica formata da personale medico e paramedico addestrato all’emergenza e sistema integrato di diverse competenze. Secondo le evidenze scientifiche, tali Unità in Italia risultano essere ancora poche (0,28/200.000 abitanti fonte aliceitalia.org), investire su di esse rappresenterebbe il vero progresso nella salvaguardia della salute pubblica ed un risparmio per il sistema sanitario.
Lorenzo Grazioli Gauthier

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *