lunedì, dicembre 18, 2017
Home > Politica > “Il 2018 che vorrei…” I sindaci della provincia di Savona si raccontano. La parola a Franco Bologna primo cittadino di Carcare

“Il 2018 che vorrei…” I sindaci della provincia di Savona si raccontano. La parola a Franco Bologna primo cittadino di Carcare



di Selena Borgna - 6 dicembre 2017, 11:16

La fine di un anno porta con sé i bilanci delle esperienze che si sono fatte ed è così anche per gli amministratori pubblici, che riassumono le opere già realizzate e quelle ancore da realizzare. I sindaci della provincia di Savona non fanno eccezione e per l’anno nuovo hanno alcuni desideri e progetti. Oggi è il turno di Franco Bologna, sindaco di Carcare.

 

  • Si parla spesso di crisi, patto di stabilità, conti in rosso. Come stanno le casse del Suo comune?
  • Il nuovo metodo di pareggio di cassa non permette di programmare nulla e diventa tutto più difficile per il problema della copertura finanziaria
  • Se potesse chiedere solamente una cosa al governo nazionale per il 2018 cosa chiederebbe?
  • Al governo nazionale chiederei, vista la situazione attuale, un ripensamento totale sulla gestione dei migranti
  • Se si votasse oggi pensa che verrebbe nuovamente eletto?
  • Ascoltando le persone direi che sarei nuovamente eletto ma la verifica va fatta in modo diverso
  • Tre promesse concrete per il 2018
  • Nel 2018 finisce il mio mandato e vorrei riuscire a chiudere la questione della manutenzione stradale con la messa in sicurezza delle strade comunali, completare alcuni lavori che vanno dalla sostituzione completa dell’illuminazione pubblica alla messa in sicurezza delle scuole comunali, lasciare i conti a posto per chi verrà dopo di me
  • Un bilancio della Sua amministrazione
  • Il bilancio della mia amministrazione è positivo anche perchè abbiamo portato a termine lavori che sembravano impossibili come la variante del mulino, abbiamo portato l’azienda Noberasco sul nostro territorio, abbiamo costruito una piscina che copre i bisogni dei residenti e non, abbiamo portato a termine la costruzione della nuova rsa facendola diventare un poliambulatorio con tanti specialisti ed abbiamo mantenuto sul nostro territorio servizi essenziali destinati alla chiusura come, ad esempio, l’Inps, l’Inail ed il Centro per l’impiego
  • Si ricandida allo scadere del Suo mandato elettorale?
  • Non posso ricandidarmi perché per me questo è già il secondo mandato consecutivo ed è troppo presto per conoscere il nome di chi si candiderà al mio posto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *