giovedì, Dicembre 12, 2019
Home > Attualità > “Il 2019 che vorrei…” – Intervista al sindaco di Pietra Ligure Dario Valeriani

“Il 2019 che vorrei…” – Intervista al sindaco di Pietra Ligure Dario Valeriani

La fine di un anno porta con sé i bilanci delle esperienze che si sono fatte ed è così anche per gli amministratori pubblici che riassumono le opere già realizzate e quelle ancore da realizzare. I sindaci della provincia di Savona non fanno eccezione e per l’anno nuovo hanno alcuni desideri e progetti.

Oggi è il turno di Dario Valeriani, sindaco di Pietra Ligure, eletto nella lista civica “Per Pietra” ed in carica dal 26 maggio 2014.

Situazione generale del comune dal punto di vista finanziario

Ora si cerca di fare al meglio anche se abbiamo le difficoltà di tutti i comuni ed abbiamo concluso convenzioni con privati per opere importanti come ad esempio Piazza Vecchia, Via della Libertà, Via Cavour e l’allargamento di Via Don Maglio. Nella stagione estiva gli ospiti affollano la città e li si accoglie al meglio con eventi, anche di tipo culturale, ogni sera, intrattenimento di ogni tipo e quest’anno il tempo ci ha molto aiutato

Cosa vorrebbe dal Governo centrale per il Suo comune?

E’indispensabile che il Governo prenda coscienza del problema del lavoro per i giovani e che vi siano agevolazioni per i comuni turistici visto che d’inverno la nostra popolazione è di circa 9000 persone mentre d’estate arriviamo anche a 60.000 presenze ed i servizi devono coprire le necessità. Il fondo di solidarietà deve restare nelle casse comunali perchè il comune non può essere solamente un esattore e cosa viene recuperato dalle imposte deve restare sul territorio

Se si votasse oggi pensa che verrebbe rieletto?

Non lo so perchè le elezioni possono cambiare le cose ed io ho fatto del mio meglio lavorando con trasparenza, onestà ed impegno che penso sia stato apprezzato. Ho scoperto in questi quasi cinque anni di mandato che c’è cattiveria ed opportunismo che non si coniugano bene con me e spero che i miei cittadini abbiano capito in questi anni come sono anche in previsione delle elezioni amministrative che si terranno nella primavera del 2019

Tre promesse concrete per il 2019

La cosa per me più importante è l’ospedale Santa Corona che dev’essere mantenuto e potenziato ed il presidente Toti mi ha assicurato il potenziamento di questo polo strategico per tutto il ponente. Un altro progetto per il 2019 è quello riguardante i cantieri navali con l’inizio del progetto di riconversione e riqualificazione dell’area che porterà con sè nuovi posti di lavoro e la riqualificazione di 45000 metri quadri che cambieranno l’immagine della città anche perchè la zona coinvolta è bella e sarà l’ultima zona ligure dove ci sarà la possibilità di avere la casa con sotto l’approdo per la barca. Le operazioni con i privati sono iniziate e permetteranno di dare alla città le opere di cui ha bisogno ma per le quali il comune non ha le possibilità come, ad esempio, Italcementi e la Sacra Famiglia con un nuovo palazzetto, un centro diurno per anziani e altre opere per il territorio come la conclusione della passeggiata di ponente

Un bilancio della Sua amministrazione

Coloro che sono venuti prima di me hanno lasciato difficoltà enormi anche a causa dei debiti fuori bilancio senza dimenticare il problema di Ata che si occupa dei rifiuti. Questo mandato è stato molto difficile e spero in un bilancio positivo anche riguardo a Piazza Vittorio Emanuele senza dimenticare un aumento di fondi per la cultura, una scuola più moderna, la messa in sicurezza delle scuole cittadine ed opere importanti per le scuole investendo molto sui giovani. Vorrei che la gente capisse la difficoltà nel fare questo servizio ed invito tutti ad essere partecipi della vita politica del proprio paese utilizzando l’incontro, lo scambio e la critica costruttiva ma anche l’apprezzamento quando necessario. I social sono importanti ed utili ma solo se usati in modo corretto ed in questi anni ho dimostrato di amare Pietra Ligure che da 50 anni è la mia casa e proprio qui ho svolto per 40 anni il lavoro di maestro. La soddisfazione non è per me ma è quella di poter fare qualcosa per il paese in cui vivo e la parola principale è fare il meglio sempre anche perché sono convinto che un cristiano in politica debba fare questo

E’ soddisfatto del suo lavoro svolto fino ad ora come sindaco?

La soddisfazione per me è quella di rappresentare la città e lavorare per i cittadini anche se mi rendo conto che certe situazioni mi rattristano molto ma sono contento di fare questo servizio per la comunità

Si ricandida alle prossime elezioni amministrative?

Se ci sono le condizioni sì ma non impongo il mio nome

Una frase che la rappresenta

Disponibilità, servizio, trasparenza, onestà assoluta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *