giovedì, Ottobre 17, 2019
Home > Cultura e Musica > Il Caos e l’anima

Il Caos e l’anima

Il linguaggio con cui descrive il CAOS Maura Canepa ci appare criptato eppure ad un ulteriore esame
riusciamo a coglierne le simbologie e i messaggi velati, similmente a un calligramma si evidenziano
significati e si marcano intensità di sentimenti al punto che il colore predomina soprattutto nel
mescolarsi delle tonalità scure che tendono a prevalere sui rossi e sui gialli; lo spessore delle “lettere”,
spesso sovrapposte, non risulta così solido come potrebbe sembrare ma di quando in quando si aprono
zone create con garze dalla trama larga come a voler indicare un vuoto, una via di fuga.
Alle opere di piccolo formato si alternano altre di grande dimensione fino ad uscire dalle cornici in una
“fuga” dove le “lettere” sembrano rincorrersi su di un lungo rotolo. Questa ricerca di superare limiti,
questa necessità di respirare libertà raggiunge momenti di parossismo e diventa l’idea ossessiva, il
desiderio o la necessità di far prevalere la propria individualità a qualunque costo. Da qui nasce pure
l’alternanza cromatica che in apparenza pare casuale ma in realtà viene modulata secondo il ritmo
interiore. Perciò quello che sembra banale e stereotipato concretizza l’espressione di un IO solo simile a se
stesso ed irripetibile: un linguaggio che nasce da un alfabeto di cui molti si sono appropriati ma ciascuno
ha usato crome e sfumature ottenute, come nelle tele di Maura Canepa, dalla tavolozza interiore, dallo
sguardo intimo con cui osserva il reale, dall’impasto del sentimento-razionalità, da pensiero o desiderio e
da tutti gli ingredienti che l’esperienza le ha offerto.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *