domenica, Dicembre 15, 2019
Home > Musica > Il cavallo come terapia

Il cavallo come terapia

Molo 8.44, in collaborazione con Decathlon, l’associazione Seconda stella a destra e i volontari del Mucchio Selvaggio, è lieta di invitare la gentile clientela alla giornata “CAVALLI ALLA RISCOSSA”. Evento di sensibilizzazione e divulgazione sulla disabilità che si svolgerà domani al livello zero del Parco. Dalle 10.00 alle 19.00 le mamme e i papà con figli disabili incontreranno altre mamme e papà per condividere esperienze e casi.

Dalle 15.00 davanti a Decathlon, grazie alla presenza di due cavalli adulti e mansueti – adatti al contatto con il minore -, i bambini potranno vivere l’esperienza del battesimo della sella e essere cavallerizzi per un giorno. Questa iniziativa rientra nel programma di Ippoterapia portato avanti dai volontari dell’associazione Seconda stella a destra. Sarà presente una ipnoterapista che accompagnerà i bambini con disabilità nell’incontro con il cavallo. I bambini potranno avere spazio per colorare e potranno beneficiare di merenda gentilmente offerta dall’Associazione, caramelle e coccarda di grande coraggio per aver montato il cavallo da loro scelto. L’associazione Seconda Stella a destra si è costituita a settembre 2012 per volontà di due mamme, Manuela Vianelli e Francesca Sessa che hanno condiviso, anche se in tempi diversi per esperienza ed età, il vissuto che lega la cecità congenita delle loro due figlie, Alessandra, 32 anni, e Ginevra, di appena tre. Da questo cammino insieme hanno compreso che la vera forza per i bambini disabili è l’unione della famiglia e tra le famiglie, affinché il coraggio di affrontare ogni giorno le difficoltà legate agli oggettivi problemi quotidiani della famiglia, e soprattutto dei neogenitori, possano essere sostenute e condivise da chi affronta analoghe condizioni. Manuela trent’anni fa e Francesca oggi hanno purtroppo constatato che troppo spesso i genitori che affrontano l’inaspettata malattia di un figlio vivono nell’isolamento, nella rabbia, nella depressione e nell’impotenza. L’associazione è e sarà l’alternativa a tutto questo. Grazie, ma non solo, al percorso di condivisione dell’Ippoterapia come metodo terapeutico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *