Attualità

Il Cersaa prossimo all’autonomia finanziaria

Una buona annata per Il Centro Sperimentale di Assistenza Agricola (Cersaa) di Albenga, azienda speciale della Camera di Commercio Riviere di Liguria. L’azienda presieduta da Antonio Fasolo ha chiuso i conti del 2017 in leggero utile, con duemila euro a fronte dei settemila dell’anno precedente, ma soprattutto ha coperto con ricavi propri il 91,2% dei ricavi totali, ai quali ha contribuito, per l’8,8%, il fondo di 100 mila euro erogato dalla Camera di Commercio. Nel 2016 i ricavi propri avevano rappresentato l’89%, e percentuali ancora più basse, intorno al 70%, erano state raggiunte nel 2013-2014. Obiettivo camerale è quello di accompagnare il Cersaa verso una completa autonomia economica.

Il Centro ingauno, in questa prospettiva, ha ampliato l’offerta di servizi per il settore agricolo, adeguandoli sempre più alle esigenze degli imprenditori agricoli e ampliandoli a settore specifici, quali l’agro-ambiente, il turismo rurale, il contrasto al dissesto idrogeologico e all’abbandono del territorio. Ambiti collegati pure al ruolo di coordinamento che il Cersaa ha assunto nelle attività del Gal – Gruppo di azione locale – “Valli Savonesi”, che sta conducendo iniziative a sostegno dell’economia dell’entroterra.

Nel 2017 i ricavi totali dell’azienda sono stati pari a 1.134.000 euro, con 1.364.000 l’anno precedente, mentre i costi totali sono scesi da 855 mila a 714 mila euro. Sensibile la diminuzione delle spese di personale (da 575 mila a 494 mila) a seguito della cessazione di rapporti di lavoro a tempo determinato. Il personale in servizio è di 12 unità, di cui 3 nel settore amministrativo e 9 nei servizi agrari. Ai costi totali vanno aggiunti 415.000 euro di spese sostenute per le attività progettuali (492.000 nel 2016), i risultati della gestione finanziaria e gli oneri e proventi straordinari.

Comment here