lunedì, Novembre 18, 2019
Home > Sport > Calcio > Il clamoroso ritorno di Buffon alla Juventus

Il clamoroso ritorno di Buffon alla Juventus

Il popolo bianconero si divide, ma che trattativa di Paratici.

Gianluigi “Gigi” Buffon nasce calcisticamente parlando il 19 novembre 1995, esordendo durante un Parma-Milan con la compagine di casa. Gia dai primi interventi si capisce che il giovanissimo Buffon, appena diciassettenne, ha un grande talento; da li a poco infatti, Nevio Scala, all’ora c.t. del Parma, lo schiera sempre con maggior frequenza fra i primi 11.

Negli anni, con l’arrivo a Parma del mister Carlo Ancelotti e successivamente Alberto Malesani, la musica non cambia: il giovanissimo “Gigi” si sta affermando uno dei giovani talenti piu interessanti del mondo.

Dopo essersi aggiudicato a Parma il soprannome di “superman”, 3 trofei (Coppa Uefa, Coppa Italia, Supercoppa Italiana) e qualche premio personale, l’estremo difensore italiano è pronto ad effettuare il grande salto: il 3 luglio 2001 infatti, diventa il nuovo numero 1 della Juventus.

Arrivato alla corte di Marcello Lippi a Torino, inizia il percorso che lo porterà ad essere definito come il miglior portiere della storia.

Il 2006 fu un anno decisivo per la carriera di Buffon: il 9 luglio infatti, Gigi si ritrova ad alzare la Coppa del Mondo al cielo di Berlino, coronando un vero e proprio sogno.

Poche settimane dopo però, lo scandalo: il 25 luglio 2006 infatti, la corte federale emette la sentenza contro la Juventus, accusata di calciopoli, che si ritrova punita con la retrocessione in serie B.

Di conseguenza, molti dei talenti juventini abbandonano la nave cercando altre sistemazioni (vedi Ibrahimovic, Cannavaro, Vieira e Zambrotta); discorso diverso invece per le colonne bianconere come Del Piero, Nedved e Trezeguet, che da veri condottieri, dimostrano e giurano fedeltà alla Juventus, promettendo di riportarla subito ai massimi livelli.

A sorpresa, anche Buffon decide di entrare nei cuori dei tifosi juventini, restando a Torino e mandando un chiaro segnale alla dirigenza bianconera.

Come promesso, dopo un solo anno in serie B, la Juventus nel 2007 torna nellla massima serie italiana, dove da li a pochi anni comincerà a battere record su record.

Parallelamente al percorso vincente e glorioso della Vecchia Signora, anche Buffon negli anni si afferma uno dei migliori portieri della storia del calcio (se non il migliore), continuando a regalare prestazioni sublimi e vincendo numerosissimi premi personali.

Dopo ben 17 anni a fianco della Juventus, il 17 maggio 2018 “Superman” dichiara ai microfoni che l’ultima partita di campionato sarà l’occasione giusta per dare l’addio alla ormai definibile famiglia che per anni lo ha supportato; l’addio di Buffon era già nell’aria da mesi, forse anni, ma è comunque un durissimo colpo per tutti, dalla dirigenza ai tifosi.

Il 19 Maggio 2018, durante l’ultima di campionato Juventus-Hellas Verona al 62′ minuti avviene ciò che tutti avrebbero preferito non vivere: viene sostituito Buffon, che calca per l’ultima volta il campo dello Juventus Stadium, fra le lacrime di compagni, dirigenti, telecronisti e tifosi.

Dopo alcuni giorni dall’addio però, voci di mercato parlano di una clamorosa trattativa inerente a Buffon: il popolo bianconero ovviamente prende alla leggera ciò che i giornali dicono, considerando le notizie semplicemente fake news.

Durante i primi giorni di giugno però, arrivano le tanto indesiderate conferme: Buffon è praticamente ad un passo dal Paris Saint-Germain.

Arrivati a questo punto, il popolo bianconero si sente quasi tradito e offeso dal trasferimento di Buffon nella capitale parigina, tanto che arrivano le prime lamentele e addirittura insulti tramite social.

Buffon prosegue a testa alta il suo percorso, firmando un contratto annuale con opzione di rinnovo con il club: con il PSG dimostra di essere ancora in grande forma, ottenendo il titolo di Campioni di Francia e vincendo una Supercoppa Francese.

A fine stagione però, il mancato rinnovo con il Club francese apre svariati scenari a Buffon e di conseguenza i giornali si scatenano: in molti credevano che Gigi potesse chiudere dove tutto ebbe inizio, ovvero al Parma; altri invece lo davano per scontato al Porto, come post-Casillas; altri ancora lo accostavano a club tedeschi come il Borussia Monchengladbach: in pochi dunque si aspettavano che Buffon appendesse i guanti al chiodo al termine della stagione in Francia. A metà giugno però Buffon non ha ancora deciso il da farsi, mantenendo alta l’attenzione e l’interesse di tutti. Ecco che però il 20 giugno accade l’impensabile: la Juventus pare sia sulle tracce di Buffon, pronta a offrigli un contratto da giocatore e non da dirigenti come tutti si sarebbero immaginati. Inutile sottolineare lo scalpore dell’intero mondo calcistico, rimasto allibito e scioccato dal clamoroso riavvicinamento del giocatore alla società.Il 4 luglio 2019 Buffon è ufficialmente un nuovo giocatore della Juventus: i giornali e i programmi tv impazzisconono, definendo la trattiva un qualcosa di impensabile e a dir poco clamoroso. Al di la dello stupore e dell’eccitazione di tutti nel rivedere Gigi Buffon in quelle vesti, troviamo il popolo juventino diviso in due: alcuni sono entusiasti di rivedere la leggenda difendere la porta che per anni ha protetto, altri invece si sentono quasi presi in giro dal ritorno del grande campione, convinti che Buffon ormai non possa piu dare niente nel mondo del calcio giocato, preferendo per lui un ruolo da dirigente.Lasciando da parte il malessere dei tifosi e questa enorme divisione fra di essi , c’è da sottolineare una grandissima operazione di mercato della Juventus, che in pochi hanno saputo scrutare. La Juventus infatti, dopo l’addio di Buffon nel 2018, acquista Mattia Perin (ex estremo difensore del Genoa) affidandogli il ruolo di vice-Szczesny. All’inizio il portiere italiano pare accetti il ruolo addifatogli dalla società, considerando anche il fatto che il titolare Szczesny ne arriva a sua volta da un anno di gavetta, alle spalle di Gigi, ed è dunque lecito che il ruolo di titolare sia affidato al polacco. Dopo i primi mesi però, dove nonostante tutto Perin colleziona qualche presenza, si inizia a percepire il malumore dell’ex Genoa; a fine stagione infatti, la richiesta del portiere è quella di essere inserito nella lista trasferimenti, non volendo dunque far più parte del club. La Juventus si trova improvvismanete senza un secondo portiere, un ruolo particolare e delicato: il vice del titolare infatti, deve essere un giocatore esperto e capace di farsi trovare pronto ad ogni evenienza, sfruttando al massimo le occasioni che gli vengono concesse. La dirigenza bianconera comincia dunque a guardarsi intorno alla ricerca di un estremo difensore da mettere alle spalle del polacco Szczesny, cercando di spendere il meno possibile visto le importanti campagne acquisti affrontata da Fabio Paratici (dirigente bianconero) nelle ultime stagioni.Il club di Torino infatti, durante l’estate del 2018, mette a segno uno dei colpi più costosi e importanti della storia: Cristiano Ronaldo il 10 luglio diventa un giocatore della Juventus, dopo estenuanti settimane di trattative. Oltre al fenomeno portoghese, la Juventus sborsa circa 35 milioni più il cartellino del giovane Caldara per il ritorno in bianconero di Bonucci, più 40 milioni per il terzino portoghese Joao Cancelo. Anche durante quest’ultima sessione di mercato, la dirigenza ha regalato ai tifosi juventini un altro colpo formidabile: Matthijs De Ligt arriva a Torino per ben 75 milioni, senza contare gli elevati ingaggi da pagare ai nuovi arrivati Adrien Rabiot, Aaron Ramsey e Danilo su tutti. É logico pensare dunque che la juventus voglia spendere il meno possibile per un secondo portiere dopo due anni di spese elevatissime, ma con i prezzi degli ultimi anni si rivelerebbe comunque un’uscita di denare notevole. Ecco che però Paratici coglie la palla al balzo, monitorando subito la situazione Buffon-Paris Saint Germain e provando a riportare a Torino l’esperto portiere. Buffon infatti arriva alla Juventus a parametro zero, facendo sborsare alla dirigenza bianconera solamente l’ingaggio. Il portiere italiano è addirittura disposto ad abbassarsi notevolmente lo stipendio pur di rientrare a far parte della famiglia juventina: l’ex Psg infatti, percepiva un salario di circa 5 milioni annuali nella capitale francese, ma d’accordo con Paratici stipula un contratto che gli farà percepire circa 2 compresi eventuali bonus. Sorvolando il discorso soldi, dopo l’arrivo di Maurizio Sarri, di molti giocatori nuovi e l’addio di Andrea Barzagli, uomo fondamentale anche in ottica spogliatoio, Buffon avrà un altro importante ruolo, oltre quello di vice-Szczesny: sarà di nuovo una colonna portante per lo spogliatoio bianconero, in un ambiente che sarà sicurmente movimentato da questi numerosi cambiamenti. La Juventus dunque si ritrova ad evere un perfetto secondo portiere ed un uomo spogliatoio fondamentale, che saprà sicuramente mantenere l’equilibrio e la serenità in questo “nuovo” spogliatoio. Ecco svelata la mossa di mercato studiata da Fabio Paratici in primis, che spera dunque che i tifosi ora possano cominciare ad intendere l’efficenza e la genialità di questa discussa trattiva.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *