domenica, Settembre 22, 2019
Home > Attualità > Il comune di Vado Ligure e APT Terminals inaugurano l’Emporio Solidale

Il comune di Vado Ligure e APT Terminals inaugurano l’Emporio Solidale

“La nostra azienda è da sempre molto attenta alle esigenze delle località in cui opera”, ha dichiarato Paolo Cornetto, amministratore delegato di APM Terminals durante l’inaugurazione dell’Emporio Solidale di Vado Ligure in Via XI Febbraio 20 presso l’ex sede dei Servizi Sociali, “ed abbiamo pensato a questo progetto con il sindaco Giuliano che spero possa essere d’aiuto alle famiglie vadesi. Tanti nostri dipendenti sono nati e vivono qui e l’azienda vuole partecipare alla vita della città di Vado Ligure”.

Stessa soddisfazione da parte del primo cittadino di Vado Ligure Monica Giuliano: “Noi abbiamo fornito gli spazi, il personale e la volontà e questo progetto è un forte segnale per la nostra città, che ha da sempre una vocazione portuale. Occorre dare risposte ai disagi dei cittadini e questa è la prima volta in cui si mettono insieme i servizi sociali di un comune ed una realtà industriale. Il compito di questo emporio è accompagnare le famiglie con beni di prima necessità e fino ad ora il comune aveva fornito alle famiglie più indigenti buoni per la spesa ma questo progetto permette una fornitura costante di tutti prodotti alimentari e non come, ad esempio, prodotti per l’igiene della casa e della persona. I beni di prima necessità sono una risposta importante alle famiglie e questo è senza dubbio un percorso difficile ma nuovo che ha creato un rapporto tra i servizi sociali di un comune ed una realtà produttiva del territorio. Questo è un cammino importante ma vi è anche la speranza di nuova occupazione sul nostro territorio e questo progetto permette di dare una risposta immediata ai bisogni delle famiglie. Sono circa 150 le persone vadesi seguite dai servizi sociali e voglio ringraziare l’APM per la sensibilità dimostrata verso questo progetto senza però dimenticare gli uffici del comune coinvolti e voglio ricordare che verranno effettuati bandi per individuare le famiglie del nostro comune con l’ISEE più basso”.

“La nostra azienda è da sempre attenta alla comunità dove opera e questo progetto ha preso il via ad inizio febbraio in collaborazione con il sindaco Giuliano. Siamo circa 170 dipendenti e speriamo vivamente che altre aziende si uniscano a questo progetto perché occorre sinceramente dare un aiuto dove vi è più bisogno”, conclude Paolo Cornetto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *