mercoledì, Giugno 26, 2019
Home > Attualità > Il Confuoco è tornato in piazza

Il Confuoco è tornato in piazza

Domenica 16 dicembre si è finalmente rialzato il sipario sul rito augurale più antico e tradizionale della nostra città, il Confuoco, (un grosso tronco di un albero di alloro, coperto di rami), organizzato dall’ Associazione A Campanassa e patrocinato Comune di Savona. A causa del freddo e della pioggia gelida il programma però è stato rivisitato e presentato in forma ridotta. Quindi niente corteo storico per le vie cittadine con i figuranti in costume a fare da contorno. Alle 10,45 il presidente Davide Mirenghi e il sindaco Ilaria Caprioglio si sono incontrati davanti al palazzo del Comune dove è avvenuta la consegna da parte de A Campanassa del vaso del Confuoco (quest’anno realizzato dalla Fornace Pacetti-Ernan di Albisola e dedicato all’impresa di Premuda, dell’eroe savonese Giuseppe Aonzo). Dopo il brindisi benaugurante è avvenuta l’accensione del ceppo con la fiamma che si è levata impetuosa e alta in cielo, segno di un buon augurio e auspicio per il 2019. L’antica cerimonia è continuata nell’atrio del palazzo comunale dove si è dato voce al tradizionale «mugugnu». Vari i temi caldi : dall’Aurelia Bis, passeggiata a raso nella riqualificazione del fronte mare di Ponente al recupero dell’Oratorio dei Beghini. Un monito d’attualità inerente il ritiro regolare della spazzatura è giunto attraverso un messaggio letto in dialetto dai bambini delle elementari delle scuole Colombo che hanno chiesto a Natale « a rumenta fà sparì». Al termine è avvenuta la consegna del riconoscimento «A Campanassa ringrassia» ad una savonese doc che si è distinta in campo nazionale portando in alto in il nome di Savona : trattasi dell’avvocato Cristina Rossello la «lady di ferro della finanza italiana» segretaria del patto di sindacato di Mediobanca. e deputata per Forza Italia, difensore di Silvio berlusconi nella causa di separazione dalla moglie Veronica Lario. Intirizziti e sparsi qua e là i pochissimi partecipanti si sono apprestati a raccogliere i rami bruciacchiati da portare a casa come porta fortuna per l’anno che verrà. Parrebbe che lo scarso numero dei convenuti possa essere dipeso proprio dall’intitolazione a Giuseppe Aonzo, legata ad una giunta di centro destra, una questione che è stata sollevata e che ha portato inevitabilmente alcuni borghi storici a non partecipare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *