giovedì, Ottobre 17, 2019
Home > Attualità > Il consiglio comunale di Alassio approva l’affidamento a Sat del servizio di raccolta rifiuti e pulizia

Il consiglio comunale di Alassio approva l’affidamento a Sat del servizio di raccolta rifiuti e pulizia

Il consiglio comunale di Alassio ha approvato l’affidamento all’azienda di Vado Ligure Sat il servizio di raccolta rifiuti e pulizia della città; unico assente il consigliere ed ex sindaco Enzo Canepa.

“Abbiamo deciso di affidare a Sat il servizio per via degli scarsi risultati nella raccolta dei rifiuti e nella pulizia della città ottenuti dalla ditta precedente”, ha dichiarato l’assessore all’ambiente Giacomo Battaglia, “e lo scorso 30 aprile è arrivato il via libera all’acquisizione dell’1,25% del capitale sociale di Sat con l’inizio del servizio a metá agosto ma l’azienda Alassio Ambiente ha fatto ricorso al Tar, ricorso successivamente respinto. Ora ripartiamo per poter affidare il prima possibile il sevizio a Sat; la data è il primo novembre. Il consiglio comunale deve approvare il capitolato per il quale, nei primi mesi, è previsto un sevizio analogo ma con un risparmio del 10% mensile rispetto ad oggi; abbiamo poi chiesto alla società specializzata Erica di mettere a punto un nuovo piano di raccolta per rientrare all’interno dei parametri previsti dalla legge. Il nuovo piano, nelle nostra aspettative, dovrebbe partire ad inizio 2020. Dopo le contestazioni, per Alassio Ambiente arriveranno sanzioni per circa 500.000 euro”.

La risposta delle minoranze non si è fatta attendere con Jan Casella e Giovanni Parascosso che hanno fatto una sorta di bilancio tra aspetti positivi e negativi :”Grazie alla sentenza del Tar ora la situazione appare piú chiara e sembra in parte sbloccata. Buono anche il prospettato 10% di risparmio mensile rispetto ad oggi cosí come la reputazione di Sat, che finora ha sempre soddisfatto le realtà in cui ha operato ma ció che ci mette in difficoltà è votare un capitolato, per quanto provvisorio, che è di fatto un copia-incolla del precedente, tanto criticato. Ci era stato detto che era necessario replicarlo con il cambio a metà della stagione estiva, ma è stato procrastinato ad ottobre e c’era tutto il tempo per modificarlo e speravamo di vedere qualcosa in piú. Si è parlato di avvio del nuovo sistema nel 2020, ma ci sono ancora aspetti troppo vaghi per essere a pochissimi mesi dalla scadenza. Chiediamo anche nel capitolato venga inserito lo sfalcio e identiche modalità di raccolta su tutto il territorio, a monte e non della ferrovia, al contrario di quanto avviene oggi. Infine, auspichiamo maggior coinvolgimento delle categorie e degli abitanti”.

“Concordo con il consigliere Casella”, afferma il consigliere di minoranza Rossi, “poichè andiamo a votare oggi un capitolato identico a quello degli anni precedenti e questo mi lascia perplesso visto che la vostra campagna elettorale è stata basata su due temi chiave: tassa di soggiorno e pulizia e decoro urbano : la tassa di soggiorno è stata tolta e poi rimessa e sulla raccolta rifiuti e pulizia è stato fatto poco con numeri addirittura peggiori dei precedenti; nel capitolato manca anche lo sfalcio e rimango quantomeno perplesso”.

“I nostri rapporti con l’attuale ditta sono solo giudiziari. Non abbiamo un buon rapporto come sempre avvenuto con l’amministrazione precedente”, ha replicato il vicesindaco Galtieri, “ed abbiamo chiesto di applicare il contratto in maniera precisa, ma non è successo. Ad oggi ci hanno anche portato in tribunale e ora al Consiglio di Stato; se non arriveranno altre sospensive o simili partiremo tra una ventina di giorni con Sat e la scelta di replicare provvisoriamente il capitolato è dovuta al fatto che la nuova ditta avrà bisogno di tempo anche per decidere dove e come investire. È stata una partita antipatica e pagarne le conseguenze sono sempre i cittadini; la speranza è che sia prossima alla conclusione”.

 

Di seguito un breve riassunto della vicenda : la Ati che riunisce le tre società ha preso in mano il servizio nel 2016. La scadenza del contratto era prevista per il 15 agosto scorso. Ad aprile, però, il consiglio comunale di Alassio ha stabilito di acquisire alcune quote della Sat spa di Vado Ligure per poter poi procedere con l’affidamento “in house providing” dello stesso servizio di igiene ambientale.

Alassio Ambiente, però, non è stata a guardare e ha presentato ricorso al Tar della Liguria chiedendo l’annullamento degli atti che hanno portato all’affidamento “in house” del servizio alla Sat di Vado. Il Tribunale Amministrativo Regionale, inizialmente, aveva stabilito di sospendere temporaneamente l’efficacia di tali provvedimenti e quindi di “congelare” l’affidamento del servizio a Sat, salvo poi respingere il ricorso di Alassio Ambiente che ha fatto ricorso al Consiglio di Stato, il cui responso è atteso a giorni. Dopo la votazione del consiglio, in caso di respingimento, l’iter proseguirà senza intoppi con l’entrata in scena di Sat a partire dai primi giorni del mese di novembre; in caso contrario, la partita si riaprirà nuovamente e con un esito tutto da riscrivere.

 

Il punto all’ordine del giorno in consiglio comunale è stato approvato con 10 voti favorevoli, 2 astenuti (Casella e Parascosso) ed 1 contrario (Rossi).

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *