domenica, Settembre 22, 2019
Home > Attualità > Il consiglio comunale di Savona approva la privatizzazione di Ata

Il consiglio comunale di Savona approva la privatizzazione di Ata

Il consiglio comunale di Savona ha approvato, con 19 voti favorevoli e 11 contrari, l’iter per la parziale privatizzazione dell’azienda municipalizzata Ata con l’ingresso di un socio al 49%.  Il documento è stato approvato dalla maggioranza dopo l’inserimento di due emendamenti: quello del Movimento 5 Stelle che chiede il mantenimento dei livelli occupazionali e dei salari, approvato all’unanimità, e quello del sindaco Caprioglio secondo il quale il documento non sottrae il consiglio d’amministrazione dal completare gli accertamenti per dare il via ad una azione di responsabilità nei confronti delle passate gestioni.

“Ata sta fallendo per investimenti ingiustificabili, atti sconsiderati, scelte industriali insostenibili, sprechi che potevano essere evitati e carenze organizzative”, ha dichiarato l’assessore al bilancio Silvano Montaldo, “e tra le motivazioni di questa disastrosa situazione vi è una scarsa patrimonializzazione della società, nata con l’idea di fare molti investimenti avendo però un capitale modesto, ma alcuni investimenti sono stati sconsiderati come, ad esempio, il parcheggio del Sacro Cuore rivelatosi successivamente un flop, quello relativo alla località di Passeggi o quello per il forno crematorio per il quale erano necessari oltre due milioni, cifra non indifferente per un’azienda già in una situazione disastrosa e poi l’azienda non è stata nemmeno in grado di versare nemmeno 300 mila euro. Sono convinto che siano atti incauti, sia da parte di chi li ha fatti sia da parte di chi li ha permessi. Un’altra causa di questa situazione sono i cantieri aperti negli altri comuni perchè sono convinto che per fare un simile passo serve una solidità finanziaria. Non si possono avviare nuovi cantieri a carico dei fornitori. Un altro spreco è avere una sede così sontuosa che ancora oggi pesa sui mutui di Ata e mi chiedo se ce ne fosse davvero bisogno. Sono convinto che l’ubicazione di questa sede, in mezzo a una discarica e sopra un depuratore, non sia la migliore  per un eventuale compratore. A causa di queste politiche così sbagliate ci troviamo ad avere mezzi vecchi e inadeguati, spesso guasti, con i risultati che sono gli occhi di tutti. Le carenze organizzative sono evidenti, ad esempio, nella scarsa chiarezza della situazione finanziaria: in una società che fattura 23 milioni di euro occorre poter sapere quotidianamente come sta andando, quanti sono i  guadagni e le perdite e su quali cantieri bisogna intervenire e questa cosa  non è mai stata fatta prima del 2016. Ora stiamo lentamente lavorando per ricostruire, ma quando un’azienda è in condizioni critiche come Ata diventa tutto più difficile”.

La risposta delle opposizioni non si è fatta attendere : “La gestione dei posti auto di via Saredo è stata fallimentare”, ha affermato Manuel Meles del Movimento Cinque Stelle, “perchè era evidente a tutti che a quei prezzi non sarebbero mai stati venduti perchè per la città se ne potevano trovare di migliori ad un prezzo più basso e per questo chiediamo con un emendamento la rimozione dell’attuale consiglio d’amministrazione, sostituendo i componenti con persone che abbiano esperienza in management aziendale e risanamento di situazioni simili in una sorta di garanzia non solo nei confronti del Comune e dei cittadini ma anche dei fornitori”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *