giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Cultura e Musica > Il “Don Giovanni” di Mozart al Priamàr di Savona

Il “Don Giovanni” di Mozart al Priamàr di Savona

Finalmente, il Don Giovanni! Bellissima opera di Wolfgang Amadeus Mozart, dramma giocoso in due atti, su libretto di Lorenzo Da Ponte (prima rappresentazione a Praga, al National Theater, il 29 ottobre 1787).Opera bellissima già dal suo inizio, come ci possono testimoniare coloro che sono stati fra il pubblico martedì 10 luglio, per l’Anteprima legata al progetto “Due generazioni insieme a teatro”.Introduzione con il servo Leporello, un po’ stanco di “Notte e giorno faticar”, che ci presenta il seduttore Don Giovanni, che si è mascherato per introdursi nella casa del Commendatore e sedurne la figlia Anna. Urla e schiamazzi sveglieranno però il padre di lei, che lo sfiderà a duello, ma morirà. I due ‘coraggiosi’ si danno alla fuga.

Donna Anna vede il padre morto e implora il promesso sposo, Don Ottavio, di vendicarlo.Don Giovanni, intanto, in cerca di altre conquiste, a Siviglia si nasconde alla vista di Donna Elvira, che lo ama perdutamente, una delle tante sedotte e abbandonate. Tocca a Leporello svelare la natura del suo padrone all’ingenua, con la bellissima aria: “Madamina, il catalogo è questo”.Ora, sul cammino di Don Giovanni, c’è un gruppo di contadini che festeggiano le prossime nozze di Masetto e la dolce Zerlina: eccola, la nuova preda! Invita tutti al suo palazzo, mentre Leporello ha il compito di tenere tranquillo Masetto, un po’ tonto ma già insospettito. Don Giovanni, intanto, per far cadere Zerlina le promette anche di sposarla: “Là ci darem la mano”. Rompe le uova nel paniere Donna Elvira, che irrompe sulla scena e protegge Zerlina e, a palazzo, giungono anche Anna e Ottavio sulle tracce dell’assassino del padre, a chiedere aiuto proprio a lui! A nulla servono dapprima gli ammonimenti di Elvira, nel non fidarsi di Don Giovanni… ma poi Donna Anna riconosce la sua voce: è la voce di colui che entrò in casa sua quella notte! Intanto, Leporello, ha riportato Zerlina da Masetto, e allontanato Elvira. In risposta, Don Giovanni gli ordina di organizzare una grande festa la sera stessa. Mentre Zerlina sta cercando di placare l’animo di Masetto infuriato, giunge Don Giovanni che ritorna a corteggiare la ragazza. Masetto si nasconde per cercare di capire a che punto sia la tresca, ma viene scoperto e sono tutti invitati alla festa. Però, alla festa, giungono anche Anna, Elvira e Ottavio travestiti, per scoprire il gioco del seduttore e denunciarlo. Le grida di Zerlina richiamano tutti, i tre si rivelano e lo accusano. Ne dubitavate? Don Giovanni riesce a fuggire!Nel secondo atto, godiamoci Zerlina che fa ancora moine a Masetto (e più son moine, e più sa che sarà perdonata!, “Vedrai, carino”), e poi… con tante scuse al Compositore, catapultiamoci là, alla terza scena, dove Don Giovanni e Leporello si incontrano nel cimitero dov’è sepolto il Commendatore e dove ci aspettiamo (pure noi) di assistere all’inimmaginabile. La statua sulla tomba del Commendatore infatti parla e addirittura accetta un invito a cena! Il successo al Piazzale del Maschio sarà decretato dalle scene allestite per questo “Convitato di pietra” (che poi è anche un altro titolo con il quale è conosciuta l’opera). L’ultima scena, la quinta, vede Don Giovanni nel suo palazzo mentre si accinge a cenare. Giusto il tempo di cacciar di casa ancora una volta Elvira, ed ecco che questa rientra urlando: la statua del Commendatore si sta avvicinando! Non crede al soprannaturale, Don Giovanni, e ripete l’invito a cena. Anche la statua gli chiede se lui è pronto per un invito e, al suo sì, gli stringe la mano e gli chiede di pentirsi. Pentirsi, lui? Giammai, e il Convitato di pietra lo trascina negli inferi.Sabato 14 luglio e domenica 15, ore 21.15, al Priamàr di Savona, Simone Alberghini (in foto) sarà Don Giovanni, Irina Dubrovskaya sarà Donna Anna, Francesco Marsiglia sarà Don Ottavio, Manrico Signorini sarà il Commendatore, Anna Maria Chiuri sarà Donna Elvira, Simone Del Savio Leporello, Linda Campanella Zerlina e Matteo Peirone Masetto; Orchestra e Coro del Teatro Carlo Felice di Genova, M° Direttore Giovanni Di Stefano (M° del Coro Marco Balderi, M° al mandolino Carlo Aonzo); scenografo Guido Fiorato; regia di Elisabetta Courir.

Laura Sergi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *