Musica

Il finalese: locus typicus del trekking anche d’inverno

Il Finalese, quel paradiso verde dall’aspetto selvaggio, ma che custodisce preziose testimonianze storiche del rapporto profondo tra l’uomo e il territorio, è anche una delle mete ideali per gli appassionati del trekking in inverno. Sicuramente per la vegetazione sempreverde e rigogliosa, il clima mite e la possibilità di “andare al mare” in un modo diverso da quello estivo… ma anche per gli agriturismi e le osterie che costellano il territorio e possono essere degna tappa conclusiva delle escursioni.

Anzi, questo connubio tra camminare e mangiare è così stretto da far nascere un progetto che vuole promuoverli insieme, organizzando escursioni naturalistiche guidate abbinate a merende e – più in là nella stagione – cene in agriturismo. “A questo progetto ho dato il nome Locus typicus, che nelle scienze naturali indica la località geografica dove una specie animale, vegetale o minerale, viene descritta per la prima volta. – dice Francesca Magillo, naturalista e Guida Ambientale Escursionistica, nonché organizzatrice delle escursioni – Questo termine vuole semplicemente ricordare che il Finalese possiede delle eccellenze dal punto di vista naturalistico, con la Pietra del Finale e la Campanula del Finale, e nel frattempo vuole richiamare al paesaggio tipico, alla cucina tipica, ai prodotti tipici. Le escursioni Locus typicus sono iniziate quest’estate e sarebbe stato un peccato non proseguire nella bassa stagione: il territorio lo merita, ed ha grandi potenzialità in tal senso.” Il progetto è patrocinato dal Comune di Finale e dalle Associazioni degli agricoltori (CIA, Coldiretti, Confagricoltura), dall’associazione culturale Entroterra, dall’AIGAE (associazione delle Guide Ambientale Escursionistiche, riferimento per chi svolge l’attività di guida naturalistica per professione), ed è in collegamento con il progetto “Quattro Borghi”. Il calendario delle escursioni attualmente in programma va da gennaio a giugno 2013, con 12 date. Il programma di ogni escursione verrà pubblicato, una settimana prima della data fissata, sul sito dello studio naturalistico Serinus www.serinus.it dove sono anche spiegate le modalità di partecipazione (è necessaria la prenotazione anticipata). Domenica l’escursione porterà da Finalborgo alle campagne di Perti alto, antico borgo monumentale in posizione panoramica, con merenda presso l’Osteria del Castel Gavone; l’itinerario è breve ma particolarmente ricco dal punto di vista storico e naturalistico. Queste escursioni vogliono infatti essere una visita consapevole del territorio, un’esperienza da gustare in tutta calma. Una proposta di trekking “leggero” adatto a tutti, in un territorio affascinante per natura e storia… Perché non provare?

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: