venerdì, Agosto 23, 2019
Home > Cultura e Musica > “Il fiume Wang” degli artisti Sergio Dangelo e Eugenio Lanfranco

“Il fiume Wang” degli artisti Sergio Dangelo e Eugenio Lanfranco

sergio dangelo mostraSabato alle ore 17 presso la prestigiosa sede del Circolo degli Artisti in Albissola Marina Pozzo Garitta 32 si inaugurerà la mostra “Il fiume Wang” degli artisti Sergio Dangelo e Eugenio Lanfranco. Il titolo della mostra riprende la raccolta  “Poesie del fiume Wang” scritte in Cina nel VII secolo d.C. Venti quartine di Wang Wei ispirate alla natura ed ai canoni del buddhismo Chan, cui si accompagnano altrettante quartine dell’amico P’ei Ti. Due amici hanno scritto a quattro mani, così Sergio ed Eugenio hanno creato liberamente, rapidamente,  senza ripensamenti, a “mente vuota”, il mushin degli antiche samurai, queste cinque tavole montate su basi di monitor. Vogliono rappresentare l’umanizzazione della tecnologia, evocare sentimenti, “cose”, ricordi che vivono nel nostro profondo a livello subliminale in attesa di essere riportati a livello conscio. L’importante è  oltrepassare la superficie dell’immagine, vedere quello che c’è dentro, vedere quell’ ”oltre” che c’è in tutte le cose. Questi schermi molto Chan (Zen in Giappone), armonicamente vuoti, parlano un linguaggio universale al nostro shin (cuore-mente). In questa occasione sono esposte anche 18 (9+9) opere dei due artisti che rappresentano una piccolissima parte del lungo viaggio nella storia dell’arte di Sergio Dangelo e del più breve di Eugenio Lanfranco. Opere diverse nel linguaggio e nei materiali usati, ma che ben rappresentano le convergenze parallele di due modi diversi di esprimersi. Sono esposti anche due stendardi della Collezione Bosco dei Poeti in deposito al MART Museo d’Arte Contemporanea di Trento e Rovereto, le cui immagini sono state utilizzate per una serie di 42 etichette di altrettanti importanti artisti per le Cantine Valdadige, presentate con successo all’ultima edizione di Vinitaly a Verona. In catalogo un interessante testo critico di Riccardo Zelatore.
La mostra è aperta tutti i giorni da sabato a domenica 26 Aprile dalle 17.00 alle 19.00.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *