sabato, Ottobre 19, 2019
Home > Attualità > Il frasario di Gianni Romolotti: “A buon rendere”

Il frasario di Gianni Romolotti: “A buon rendere”

libri

Si può essere più falsi di così? Siete dei Giuda, dei sepolcri imbiancati e sfruttatori delle vedove e degli orfani. Ecco chi siete voi, che – dopo aver bevuto un caffè dal sottoscritto offertovi -, ve ne venite fuori col consueto “Grazie e a buon rendere”. Ma quando mai avete reso?, per aperitivi scroccati, e pranzi e cene e passaggi in macchina e “non preoccuparti pago io al casello, ma porca miseria non ho spiccioli”. I più solerti e bastardi tra voi si impegnano persino a buon rendere la vostra moglie. Guai a voi ricchi, che con la storielle del a buon rendere, avete rovinato oneste famiglie, dilapidato ingenti patrimoni altrui, pignorato interi condomini, arcipelaghi ed isole e macchine di lusso. Tutto grazie al buon rendere. Ve ne renderete conto più avanti quando entrerete nella Grande Luce, ma tosto il tosto san Pietro vi randellerà la cocuzza, sussurrandovi. “Ora se vuoi finalmente rendere,passa prima in Purgatorio.

Conclusione: Se volete vivere sereni pregustando la vera vita che verrà, offrite sempre e solo al sottoscritto quanto segue: Due punti e a capo: caffè, brioche, apertivi dai nomi esotici, pranzi cinque stelle, villini e cottage,vacanze sulla Costa. Mai però le mogli, salvo casi eccezionali; in altre parole devono essere giovani, con i denti a posto, niente cataratte e protesi, alito buono, camminata spedita e – nel limite del possibile – non oltre i centoquindici anni. Conto su di voi. A buon rendere.

Please follow and like us:
error

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *