Cultura e Musica

“Il Fuoco”

“… non voluto, non cercato, ignorato… e quando sentito, allontanato!”… ma immediatamente voluto, cercato, goduto!”. Scoperta preistorica, utile all’uomo, e alla presa di coscienza che modificò le sue abitudini… Il fuoco, fiamma, calore, colore, sensazione, piacevole, non troppo da vicino, se non che nel tattile… brucia, ustiona, lesiona la cute! Il fuoco… questa volta “diverso…”. Interessa i corpi sottili, che sanno “attrarre” solo se si è consapevoli che esiste qualcosa, che scinde l’energia fino a dividere l’uomo materia, dai corpi sottili: chiamandoli “sensi,sentimenti”, qualcosa che senti oltre te stesso: forma, materia, energia, chimica!

…oltre… Il materiale, terreno, la vita terrena, e oltre… forse … “oltre la vita…”. Dopo la morte della materia, del corpo, dell’energia… anche il fuoco, si spegne!”. Ora l’essere umano è un individuo a se stesso, unico e irripetibile. Poi c’è il fuoco… cioè… un esser umano, un uomo, o una donna… che oltre ad essere una persona,un individuo fatto di: forma, peso, altezza, calore, colore, odore, sapore , energia… ha dei sensi, che non si possono toccare; e dei sentimenti, che non si possono nemmeno questi toccare quanto vedere ad occhi aperti… non sono forma, non sono materia… Se un sentimento va ad abbracciare i corpi sottili, se amare è… Capacità di amare, di voler bene, tra corpi sottili, che non s’intenda “sottile” come unità di peso specifico ma ai sensi, che sono innati dentro di noi, che abbiamo tutti, chi più chi meno, chi li sente chi no… oltre ai corpi sottili… c’è il fuoco! Il fuoco, non quello terreno, che scalda, che brucia, che ustiona, che cuoce i nostri alimenti, o scalda i biberon dei nostri figli, no! C’è un fuoco… Speciale, che lascia senza fiato, non fa male… è caldo, a volte brucia, ma non fa male… può spaventare ma non fa male, può stupire, se non lo conosci può innervosire quell’attimo, che serve a realizzare cosa sta succedendo, ma poi al risultato, alla sostanza, al momento al quale… ci si abbandona, ci si lascia cullare dai corpi sottili, ci si fida dell’altro, si chiudono gli occhi, il respiro si fa lento, ci si addormenta da svegli, restando svegli, perché non si perde il controllo con la realtà, ma si sfiora il fuoco, no! Ci sfiora il fuoco, ci si fa sfiorare volutamente, desiderandolo… perché non serve che ci tocchi… Se lo sappiamo sentire, riconoscere, basta essere sfiorati dall’altro, dall’altra persona, “speciale”, se è di sesso opposto al nostro, meglio… e ci si lascia cullare da quest’emozione, che ci permette di entrare dentro a una bolla di piacere, ci chiudiamo dentro questo piacere che potrebbe psicologicamente riportarci fin dentro la pancia della nostra mamma, al caldo, protetti, eccola! Stessa sensazione di protezione, beneficio, calore… è in una mano… è nella sua mano! è il fuoco di un corpo sottile! Volutamente lo chiamo fuoco, perché il calore è molto forte… comincia che brucia, nei punti del corpo dove hai dolore, se hai dolore, senti richiamare il calore, quasi punge… poi rasserena… poi confonde il dolore del corpo, lo fa entrare dentro a una bolla… ti senti ubriaco/a e poi… non c’è più! Non c’è più dolore… Non c’è più il dolore… non ci sono più barriere… non ci sono più ostacoli… non c’è più fastidio… una culla calda… che scalda tutto il corpo ne troppo, ne troppo poco… e tutto questo sul palmo della mano sinistra di un essere umano! che è speciale! perché é fatto non solo di materia, non solo di energia… ma di corpi sottili! energia? fluido? pranoterapia? immaginazione? No!!! immaginazione no! sentito,voluto, apprezzato, goduto… fino a non volerne mai più fare a meno… Fuoco? un calore che sfiora il dolore e poi se lo porta via… una mano, aperta, che ti sfiora e ti sposta… ma non ti tocca… se ti tocca ti porta lontano… se ti porta lontano… non ti brucia, non ti scotta, non lede la cute… nemmeno il cuore! Un fuoco, che non lede… non fa male… se poi nella mano di questa persona, che è semplicemente umana, fatta come tutte le persone normali, con qualcosa che va oltre, oltre al quotidiano, c’è più che la forma, che la chimica, che l’energia, che un corpo, più che il colore, il calore, il sapore, l’odore, il sentimento e i corpi sottili… oltre è fuoco… e credetemi… che non brucia! Coccola, guarisce, rilassa, distende, scinde il corpo e la materia dai sensi, dal piacere, dall’ascoltare il silenzio, il respiro, il battito dei cuori, il vento, ci si stacca dal corpo che resta riverso su un letto… su un pavimento, su una sedia, su un divano… Scinde il corpo dall’anima… la fa leggera, indolore… calore, tanto calore… che se la mano si impone su punti dolorosi punge come un ago la cute, oltre il derma, il muscolo e le ossa… oltre… sensazione di calore, di benessere… che dura un secondo… poi l’oblio…

C. Barux

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: