sabato, Maggio 25, 2019
Home > Attualità > Il giorno 7 marzo, i funerali di Florette Morand

Il giorno 7 marzo, i funerali di Florette Morand

Pubblichiamo la commossa relazione di Simona Bellone – scrittrice, artista, Presidente di caARTEiv – dei funerali di Florette Morand, con le interessanti riflessioni che formula sull’eredità culturale della poetessa antilliana e del marito poeta e critico letterario Aldo Capasso, che potrebbe essere messa a buon frutto. (Giorgio Siri)

In una triste giornata uggiosa, il 7 marzo 2019, ad Altare, è stata officiata da Don Paolo Cirio, nella parrocchia S.Eugenio, l’onoranza funebre a Madame Florette vedova Capasso (Florentine Adelaide Morand), alla presenza del sindaco Briano Roberto, alcuni altaresi, la sua più cara amica prof.ssa Ofelia Garbarino di Varazze, ed una rappresentanza dell’arte ligure, quale il ceramista Ettore Gambaretto creatore dell’ass.ne culturale “La casa delle Arti” di Albisola superiore (SV), il professor e critico letterario Marco Pennone, le savonesi scrittrice Maria Franca Ferraris e la presidente dell’ass.ne “Alzheimer” di Savona Clara Simioni, l’artista e pres. ass.ne culturale caARTEiv Simona Bellone di Millesimo (SV).
Nella sincera e suggestiva omelia di Don Paolo Cirio, che ebbe l’onore di officiare anche la sepoltura, nel 1997, di Aldo Capasso, (Venezia 13/08/1909-Cairo M.tte (SV) 3/3/1997), è emerso ciò che questa illustre poetessa di grande cultura, abbia voluto trasmetterci ricordando l’opera artistica di suo marito Aldo Capasso: il piacere del bello della cultura, che deve essere insegnato, valorizzato, celebrato, condiviso, divulgato e tramandato ai posteri.
A cura di Alessia Briano è stata letta a fine cerimonia, una lettera di Fulvio Bianchi che ha delineato i profili artistici dei coniugi Capasso, e due poesie di Aldo Capasso “Aldilà della morte” ed “Anniversario”, a cura di Alvaro Bazzano e Franca Bruzzone; hanno così concluso una raccolta cerimonia religiosa ed artistica, per ricordare l’amore che univa queste due eccellenze culturali. (Un piccolo aneddoto sul loro matrimonio del 1970: Florette lo ricordava come “morganatico”, perché lei proveniva da una famiglia principesca caraibica, e lui dai Conti delle Pastene – Benevento).
E’ da ringraziare la presenza dell’amministrazione comunale di Altare che si è presa carico totalmente delle onoranze funebri a questa illustre artista internazionale, che nata nelle isole caraibiche, in America centrale, visse in seguito a Parigi, dove pubblicò varie sillogi di poesie, e fu adottata dalla Val Bormida, deceduta il 14 febbraio scorso a Genova, (come riportato in targa sulla bara – classe 1926, 20 giugno Guadalupa).
Nelle stagioni invernali soleva trascorrere il suo soggiorno dapprima in Torino ed ultimamente a Sampierdarena, per meglio pensare a ricordare il marito durante le consuete commemorazioni primaverili, raggiungendo la residenza di in Altare, per poi organizzare gli eventi culturali in Savona e dintorni, proferendo ai suoi più cari collaboratori, indicazioni utili da seguire alla perfezione. Quest’anno purtroppo non ha potuto perpetuare questa sua missione artistica, colta da improvviso malore in quel di Genova, lei che ha sempre curato suo marito e se stessa, con erbe medicinali, elargendo consigli a richiesta agli amici (cultura radicata nei suoi amati Caraibi).
Resta ai posteri il proseguimento delle commemorazioni annuali per Aldo Capasso, nel premio a lui dedicato, in Altare, nonché alla poetessa e pittrice Silvia Ragazzini Martelli dell’associazione “Padus Amoenus” di Sissa (Parma), artista che Aldo Capasso considerò come una figlia artistica, e che ogni hanno gli dedica da due decenni orsono, un omaggio con manifestazione d’arte a 360° gradi, il 13 aprile.
Sarebbe ormai opportuno conoscere le sorti della villa Capasso, che sorge accanto al celeberrimo Museo del Vetro di Altare, edificio che ha bisogno di interventi di restauro strutturale, e provvedere ad un inventario e ad una catalogazione della storia letteraria dei coniugi Capasso, a cura di un’associazione culturale preposta o fondazione da crearsi appositamente. Florette rese noto in vari discorsi ai suoi più stretti collaboratori, che l’esecutore testamentario era l’amico stimato di famiglia professore universitario, Don Giovanni Farris, sperando che, se ne conserva le intenzioni testamentarie, od altra persona da essi indicata in seguito, le proprietà propendino verso la gestione di associazioni valbormidesi o amministrazioni comunali altaresi. La villa Capasso sarebbe un fulcro culturale di valore, d’accesso pubblico per diffondere la cultura ai posteri di Aldo Capasso e Morand Florette. Diventerebbe sicuramente baluardo culturale valbormidese, nelle intenzioni accorate di quest’ultima, dal carattere forte ed esotico, con il suo intercalare francese, meticolosa ed anche gelosa del ricordo del marito, perché giustamente deteneva il copyright delle sue opere, e voleva gestire il da farsi. E’ da sottolineare che il prestigioso Premio Nobel per la letteratura, è stato conferito ad un solo ligure, il genovese Eugenio Montale nel 1975, e la nomination a tale premio, dignitosa menzione d’onore in merito, per un altro ligure, d’adozione altarese quale Aldo Capasso, deve essere ricordata come un vanto di tutta la Regione.
Sarebbe anche opinabile un gemellaggio di Altare con Guadalupa, che il 27 marzo 2015, organizzò una manifestazione in ricordo dell’opera artistica di Madame Florette Capasso, presso la “Médiathèque Raoul Georges Nicolo” du Gosier en Guadeloupe (America Centrale).
Le sue opere oltre a figurare con critica letteraria in “La symbolique du regard: regardants et regardés dans la poésie antillaise d’expression francaise – Martinique Gadeloupe Guyane 1945-1982”, (di Eris Mansfield – 2009), sono incluse anche in “Cent ans de poesie en Guadeloupe – 1911-2017” (di Gerard Lamoureux – 2017).
Un piccolo appunto, è giusto ricordarlo proprio per questo evento funebre, perché Morand Florette, omaggiando la letteratura del poeta e critico, nonchè marito, Aldo Capasso con manifestazioni artistiche a 360°, ha chiamato a raccolta centinaia di artisti in circa 20 anni, tra Liguria, Piemonte e Lombardia, e tutti hanno beneficiato vantandosene di parteciparvi di buon grado, accrescendo i propri curriculum artistici. Questa affluenza di stima artistica, non è invece emersa al suo funerale, e a parere di molti, Florette meritava molto più riguardo e rispetto, che spero le sia reso in futuro con onori, congiuntamente alle commemorazioni a suo marito. Anticipiamo una manifestazione ancora in cantiere in merito, per elogiare entrambi i coniugi Capasso, prevista per il mese di giugno 2019 presso la Sala Nervi del Palazzo della Provincia di Savona, alla quale tutti son fin d’ora invitati a parteciparvi: verranno resi noti appena possibile date e modalità, dalle associazioni culturali “Casa delle Arti” e “caARTEiv”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *