martedì, Agosto 20, 2019
Home > Attualità > Il giorno della memoria

Il giorno della memoria

In una Sala Rossa gremita di pubblico fino all’inverosimile,con il Patrocinio del Comune di Savona, alla presenza del signor Sindaco Federico Berruti, di S.E. il vescovo,Vittorio Lupi, del dottor Amnon Cohen, eletto da alcuni mesi presidente della Comunità ebraica Ligure,del teologo don Giampiero Bof, del rabbino capo della Comunità ebraica di Genova, rav. Giuseppe Momigliano, e Andrea Chiappori, responsabile della Comunità di Sant’Egidio della Liguria si è svolto l’incontro sul Tema del Comandamento “non uccidere”.

Queste eminenti personalità, per la prima volta, hanno voluto confrontarsi sull’approfondimento dello sviluppo del dialogo ebraico-cristiano promosso dalla diocesi di Savona-Noli assieme alla Comunità ebraica di Genova e della Liguria. Il dialogo interreligioso tra ebraismo e cristianesimo non è facile. Attraverso i secoli è sempre stata un’impresa a lungo respiro con i suoi alti e bassi.Il problema del dialogo tra le due Fedi ha evidenziato ancora una volta che Gesù Cristo era ebreo, ha vissuto da ebreo, parlava e pregava da ebreo in aramaico, ed è stato circonciso. Le due religioni monoteiste, nelle parole dei due illustrissimi, ancor più esimi relatori; Momigliano-Bof hanno focalizzato e stigmatizzato la questione teologica. Ho apprezzato molto le parole del teologo Don Giampiero Bof, quando ha evidenziato l’importanza dell’avvicinamento ai nostri Fratelli Maggiori,come sempre li ha ha definiti Papa Woitjla. Belle le sue parole nell’asserire che dobbiamo avvicinarci di più.., perchè è questo il momento, che non possiamo esimerici da questo dialogo con le Comunità Ebraiche.
D’altronde il novecento è stato il secolo della grande diffusione del dialogo interreligioso ed ecumenico e delle prese di posizioni innovative da parte delle Chiese cristiane nei confronti dell’ebraismo (si pensi ad esempio al documento conciliare, in ambito cattolico “Nostra Etate”). Se noi cristiani vogliamo tornare al Gesù storico dobbiamo tornare, in certa misura, a quell’ebraismo nel quale Gesù è vissuto si è mosso e ha avuto la sua esistenza, dobbiamo sentirci parte delle radici ebraiche da cui nacque il ramo del cristianesimo.
Il 27 gennaio 1945 vuole ricordarci la “Giornata della Memoria”, quando le truppe sovietiche dell’Armata rossa, nel corso dell’offensiva in direzione di Berlino, arrivarono presso la città polacca di Oswięcim (maggiormente nota con il suo nome tedesco di Auschwitz) e scoprirono il famoso campo di concentramento, liberando dall’immenso orrore le anime spettrali dei pochi superstiti. La scoperta di Auschwitz e le testimonianze dei sopravvissuti rivelarono compiutamente per la prima volta al mondo tutto l’orrore del genocidio nazista. Auschwitz è stato l’inferno sulla Terra, le SS i diabolici guardiani di quell’inferno che chiamavano gli Ebrei “verfluchter Untermensch”, ossia dannati subumani.
Oggi, a distanza di ben oltre 60 anni dobbiamo chiederci perchè le forze Alleate che sapevano, hanno così ritardato a bombardare quei binari che portarono sei milioni di uomini alla soluzione finale, a quel programma di annientamento da loro definito “Vernichtung durch Arbeit”.
Possa esser sempre più foriero di buoni auspici quel meraviglioso dialogo in Sala Rossa.

Fulvio la Cognata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *