sabato, Agosto 17, 2019
Home > Attualità > Il leghista Alessandro Piana è il nuovo presidente del consiglio regionale della Liguria, la vicepresidenza al pietrese Luigi De Vincenzi

Il leghista Alessandro Piana è il nuovo presidente del consiglio regionale della Liguria, la vicepresidenza al pietrese Luigi De Vincenzi

Alessandro Piana è il nuovo presidente del Consiglio regionale. Questa mattina, dopo le dimissioni del presidente uscente Francesco Bruzzone, neo Senatore della Repubblica, si è svolta l’elezione all’Assemblea legislativa ligure: nessuna sorpresa per la presidenza, che resta in quota Lega con la nomina che era stata già anticipata nei giorni scorsi.

E se il savonese perde la presidenza con le dimissioni di Bruzzone (eletto in Parlamento), mantiene la vice presidenza del Consiglio regionale, per la quale c’è stata una dura lotta tra Andrea Melis (M5S) e Luigi De Vincenzi (Pd): a spuntarla è stato quest’ultimo con 10 preferenze rispetto alle 5 del candidato pentastellato. Nel ruolo di consigliere segretario del Consiglio regionale resta Claudio Muzio, in quota Forza Italia.

Cambia, quindi, la geografia politica ai vertici dell’Assemblea legislativa ligure: con Bruzzone un presidente eletto a Stella, piccolo comune dell’entroterra savonese, e un vice presidente genovese, mentre ora per il Consiglio regionale la presidenza è stata affidata ad un imperiese e la vice presidenza all’ex sindaco di Pietra Ligure.

Rappresentare un’istituzione di così alto prestigio come l’Assemblea Legislativa della Liguria è una grande Responsabilità”, ha dichiarato il neo presidente del consiglio Piana, “ e sento il dovere di farlo con rigore e imparzialità, garantendo a ciascun Consigliere i diritti e le prerogative che lo Statuto sancisce solennemente. Ringrazio il presidente uscente dell’Assemblea, il neo senatore Francesco Bruzzone, e il presidente della Giunta, Giovanni Toti, per l’ottimo lavoro svolto finora e per le parole di apprezzamento nei miei confronti. Essere vicini ai cittadini significa non solo prestare attenzione ai loro problemi ed esigenze, ma anche favorirne la partecipazione attiva attraverso tutti gli strumenti necessari. Tuttavia, prima di ogni altra cosa, dobbiamo impegnarci per rendere sempre più trasparente e comprensibile il nostro impegno di amministratori pubblici al servizio della Comunità ligure e nel ringraziare la società civile che segue il nostro lavoro e i giornalisti per l’attenzione che ci prestano, li invito a tenere sempre accesi i riflettori sull’Assemblea Legislativa e più in generale sulla nostra attività, senza guardare nel buco deformante della serratura e sapendo distinguere le ‘boutade’ dalle cose serie. Ciò perché riteniamo che tra gli impegni prioritari vi sia quello di un più adeguato sistema di informazione del Consiglio regionale, condizione essenziale per rinsaldare il rapporto di fiducia con il cittadino che per noi deve essere giudice sovrano. Dobbiamo avvertire il dovere di ascoltare e rispondere a tutte le esigenze del nostro territorio, consapevoli che siano imprescindibili la responsabilità e l’impegno di più soggetti sociali, culturali, istituzionali a tutti i livelli: locale, nazionale e sovranazionale. Credo che la Liguria debba sentirsi regione d’Europa e centro vitale del Mediterraneo. Mi impegnerò sempre a difendere il prestigio e l’autonomia dell’Assemblea Legislativa della Liguria”.

 

Nato a Imperia il 9 maggio 1972, Alessandro Piana è un agrotecnico e imprenditore agricolo nell’azienda di famiglia. Iscritto alla Lega dal 2001, dal 2005 al 2009 è stato consigliere comunale a Pontedassio e, nello stesso periodo, consigliere capogruppo della Comunità Montana dell’Olivo. Dal 2006 al 2010 è stato consigliere provinciale e capogruppo della Lega a Imperia. Nel 2009 è stato rieletto consigliere comunale a Pontedassio, dove ha ricoperto l’incarico di assessore ai Lavori pubblici e all’Urbanistica tra il 2009 e il 2011. Dal 2010 al 2015 è stato presidente del Consiglio provinciale di Imperia. Nel 2014 è stato nominato vice sindaco di Pontedassio. A maggio 2015 è stato eletto consigliere regionale nella circoscrizione di Imperia e quindi presidente del Gruppo consiliare Lega Nord Liguria-Salvini.

 

Non voglio certamente fare una cosa lunga nel ricordare tutti quelli che ho incontrato in questi 23 anni di appartenenza al Consiglio regionale”, ha sottolineato Francesco Bruzzone, presidente uscente, “ma voglio sicuramente lasciare una traccia rispetto a quanto è stato l’andamento dei lavori di questo consiglio, ma soprattutto il modo in cui consiglio regionale in questa legislatura ha saputo lavorare. Da allora, oggi si è passati dai tempi del commissario di governo a tempi diversi, c’è stata una anche modifica costituzionale, sono cambiate anche le materie di giurisdizione della Regione e oggi i problemi che possiamo rilevare sono quelli comuni al dibattito che avviene in consiglio regionale quando si esamina legge: quando si approva un provvedimento quella certezza che a volte c’è che tante volte non c’è quel dubbio che quando il Consiglio Regionale si accinge ad approvare una legge non sai se la legge andrà a buon fine oppure no. Molte volte ho sentito dire, o ci siamo detti, “Speriamo che il governo non impugni la legge regionale” oppure “Sarà sicuramente impugnata” o il contrario oppure, come è successo, dopo che è stato approvato un provvedimento legislativo si è dovuti andare a fare i conti con la Corte Costituzionale. Ecco credo che questo sia un dato negativo e credo che l’intero paese e tutte le strutture sovraregionali debbano dare un po’ più di certezza del diritto anche per i consigli regionali anche alle assemblee legislative come questa perché sarebbe bello e buono che quando un po’ si regionale Attiva un prodotto su un provvedimento legislativo sia tranquillo e sereno su quello che si può fare e su quello che non si può fare. Le nostre leggi finiscono in ultima analisi sul tavolo del Consiglio dei Ministri ma è anche vero che sullo stesso tavolo finiscono delle relazioni inerenti al lavoro svolto fatte da una burocrazia che spesso è distante dai territori è quello che credo sia grave è che alcune leggi fotocopia in alcune regioni sono state convalidate e per altre regioni no”.

“Io credo soprattutto in questa legislatura di aver dato tutto quello che potevo dare per garantire la massima possibilità della libera espressione di tutti. Devo confessare che c’è stato un momento in questa legislatura in cui mi sono trovato in difficoltà perché per motivi a me sconosciuti, e sono rimasti a me sconosciuti, qualcheduno arrivato in aula e ha fatto interventi acclamando allo scandalo che aveva invaso il consiglio regionale. Quel momento ha messo a rischio la buona attività e buon andamento dei lavori del consiglio regionale. Voglio considerare quelli come dei momenti di gioventù che poi in realtà nei fatti hanno prodotto l’esaltazione del nulla e questa esaltazione del nulla ha portato al risultato del nulla. Grazie anche al lavoro di chi oggi in questo paese si occupa di rendere giustizia e fare giustizia in questa città e nel nostro paese”.

“Aggiungo che le regioni e i consigli regionali meritano un momento di ulteriore orgoglio e meritano una maggiore considerazione, meritano di ritornare ad avere quella centralità che avevano 10-15 anni fa è che ultimamente è stata persa Io credo che consigli regionali non siano quelli degli scontrini ma che sia un’altra cosa, debbano essere un’altra cosa, e credo che i cittadini quando vanno a votare vogliano un’altra cosa. Credo anche che tutti insieme dovremo lavorare per aiutare la burocrazia perché la burocrazia che si trova in difficoltà, forse anche intimidita da questo clima che si è creato, spesso e volentieri si trova a non decidere portando il risultato che al politico che sta lì spetta la responsabilità di non decidere a sua volta. Queste cose non possono andare bene, bisogna avere la capacità di rimuovere anche questo sistema e chi ricopre incarichi ai vertici di questa burocrazia abbia la possibilità di farlo serenamente correttamente senza dover ricorrere a sistemi che alla fine poco producono. Saluto i colleghi e in modo particolare vorrei fare gli auguri di buon lavoro al nuovo ufficio di presidenza e al nuovo presidente del consiglio regionale. Io sono sicuro che questo tentativo che è in atto di innalzare il più possibile fino ai massimi livelli il vero ruolo di istituzione democratica del consiglio regionale sarà attuato e sarà attuato per l’interesse dei cittadini che oggi sono fuori da questo palazzo. Ma sarà attuato anche per la storia e il sacrificio dei molti che ci hanno portato fin qui e di quelli che oggi non ci sono più. Un sacrificio che ci consente di classificare come istituzione Democratica il nostro Consiglio regionale, per cui oggi credo che fino alla fine della legislatura e per tutte le successive avremo il compito e la responsabilità di rendere onore alla storia in particolare alla storia della nostra Liguria”

Raffaella Paita (Pd) ha riconosciuto che Bruzzone e tutto l’ufficio di presidenza hanno svolto un ruolo istituzionalmente corretto rispetto alle minoranze e,dopo aver ringraziato Sergio Rossetti, che ha scelto di non ripresentarsi alla carica di vicepresidente, ha proposto la candidatura di Luigi De Vincenzi. Gianni Pastorino (Rete a sinistra&liberaMENTE Liguria) ha salutato Bruzzone e gli altri tre consiglieri regionali eletti in Parlamento (Raffaella Paita, Edoardo Rixi e Stefania Pucciarelli) e ha auspicato che i lavori in Consiglio possano proseguire evitando situazioni di stallo. Alice Salvatore (Movimento 5Stelle), dopo avere riconosciuto che le minoranze sono state ascoltate e in alcuni casi tutelate dal presidente Bruzzone, ha proposto il collega di gruppo Andrea Melis per il ruolo di vicepresidente. Sergio Rossetti (Pd) ha ringraziato i colleghi dell’Ufficio di presidenza Bruzzone e Muzio per il lavoro svolto insieme con trasparenza e ispirato alla neutralità fra maggioranza e minoranza.

Matteo Rosso (FdI-An) ha rivolto un affettuoso saluto a Bruzzone, non solo per il ruolo di presidente ma anche di consigliere regionale. Angelo Vaccarezza (FI) ha riconosciuto la profonda esperienza del presidente uscente e ha augurato buon lavoro a suo successore soprattutto di fronte alle nuove sfide che attendono l’amministrazione regionale. Franco Senarega (Lega Nord Liguria Salvini) è intervenuto ufficializzando la candidatura di Alessandro Piana al ruolo di presidente.

 

Il presidente della giunta Toti si è associato ai ringraziamenti già espressi dagli atri consiglieri al presidente Bruzzone e, riferendosi ai quattro consiglieri eletti in Parlamento, ha auspicato che questa nutrita rappresentanza territoriale alla Camera e al Senato possa aiutare la Liguria. Infine ha riconosciuto la qualità umana e la professionalità già dimostrate da Piana nel suo ruolo di capogruppo della Lega Nord Liguria Salvini.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *