giovedì, Settembre 19, 2019
Home > Attualità > Il libro di Maura Fioroni ha fatto registrare una massiccia presenza di pubblico alla sua presentazione ad Alassio il 21 giugno.

Il libro di Maura Fioroni ha fatto registrare una massiccia presenza di pubblico alla sua presentazione ad Alassio il 21 giugno.

di Redazione

Alassio. Gli organizzatori dell’evento, di cui abbiamo già dato notizia lo scorso 8 giugno:

“Fra il cielo e il mare. Il viaggio di Yuma in Cile e Bolivia”. Nuovo libro di Maura Fioroni presentato ad Alassio il 21 giugno alle ore 21

, a conclusione della serata del 21 giugno, in cui ha avuto luogo presso la sede, g.c., dell’Enoteca Fioroni in Corso Dante Alighieri, 14, ad Alassio, possono certamente esprimere grande soddisfazione per la buona riuscita, palpabile dalla massiccia presenza di pubblico, proveniente pure da altri centri della Riviera e di altre regioni, costituito anche da turisti e ospiti nelle strutture alberghiere del territorio.

Un’occasione, che, a buon diritto, può essere considerata un felice tentativo di portare la letteratura al di fuori degli ambienti, teatri, biblioteche, librerie o altri luoghi abitualmente consacrati ai libri e al loro racconto, in una location insolita, in cui gli spettatori hanno potuto attingere ancora una volta al ricordo delle esperienze e suggestioni di viaggio dell’autrice, Marco Vallarino, imperiese, un autore di racconti, romanzi e videogiochi, collaboratore di vari siti e giornali, tra cui il quotidiano Il Secolo XIX, assieme alla giornalista Ilaria Falcone, ha curato e condotto l’intervista della Fioroni, in modo che i presenti potessero non solo seguire.

Introspettiva è stata la fotografia che è emersa dell’autrice, mentre sullo schermo scorrevano le immagini suggestive scattate nei luoghi visitati.  Risposta dopo risposta, Maura si è svelata, parlando del suo vissuto e aprendosi al cambiamento e alle nuove sfumature dell’essere. Così, nella dimensione del viaggio, chiunque, osservandosi bene, può arrivare a vedersi, non solo visitare uno spazio geografico e umano circostante. Introspettiva è quindi un’esortazione a leggere meglio dentro di se’ e ad ascoltarsi di più per conoscersi, scoprirsi e accettarsi. Esplorando sè stesso, nella convinzione che ciò che è fuori di noi è la rappresentazione di ciò che abbiamo dentro e che ciò che abbiamo dentro è a sua volta proiezione del mondo esterno. Penetriamo in un labirinto interiore ed esteriore, esperienza totalizzante e talvolta pericolosa.

E poi, finalmente, ecco il clou della serata. Infatti, giunti, alla fatidica domanda finale: “ci sono domande dal pubblico?” e non è calato il tipico silenzio sulla sala, con tutti che abbassano lo sguardo come all’interrogazione di matematica, al contrario è stata stimolata una lunga serie di quesiti ad ampio spettro da parte dei presenti. Non sono mancati i riferimenti ai temi geografici e sociali attuali inerenti i paesi del Sudamerica, come quelli riguardanti le motivazioni interiori alla base del viaggio, per un reportage molto intenso, forte e che vuole stimolare la curiosità, con particolari ed emozioni che scorrono riga dopo riga, fino ad un finale non scontato.

Al termine della presentazione si è svolto un aperitivo in compagnia dell’autrice del libro e di tutti i suoi fans.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *